Storie di cacca e di montagna

Arrampicata e alpinismo su roccia in montagna

Messaggioda Roberto » ven nov 26, 2010 21:03 pm

Lo avete voluto voi 8)
Questo è un pezzettino della nostra storia su ElCapitan:

...
L? indomani abbiamo il morale a terra, siamo stanchi, silenziosi ed avviliti. Decidiamo di andare a vedere dove sta il saccone e come recuperarlo, prendiamo il bus e poi chiediamo un passaggio alle auto che passano, ci raccoglie un enorme pik-up e saliamo nel cassone.
Il saccone non è distante dalla sosta del Nose, si vedono degli scalatori che gli passano accanto, in qualche modo alla fine eravamo tornati sulla linea giusta, ma non potevamo saperlo con quel buio. Viste le nostre condizioni fisiche e morali oggi non se ne parla di organizzare una spedizione di salvataggio, rimandiamo a domani l? operazione recupero saccone e corde.
Il giorno dopo preferiamo salire i primi quattro della superclassica de El Capitan che tirarci ancora una volta sulle corde lasciate fisse. Mentre organizziamo le doppie inizio ad avere un fastidio alla pancia, devo andare in bagno. Ci caliamo e l? impellente bisogno aumenta, fino a diventare incontenibile. Cerco di resistere ed arrivare a terra, è vietato farla in parete ed i ranger potrebbero osservarci con il binocolo, specie così in basso. Ma devo liberarmi per forza, altrimenti me la faccio nei pantaloni.
La sosta del primo tiro del Nose è un minuscolo terrazzino e per qualche tempo sarà ancora meno agibile, ma non potevo fare altrimenti.
Lasciato il ?ricordino? su El Capitan rientriamo al campeggio, apriamo il saccone e con nostro stupore scopriamo che un topolino si è rosicchiato un paio di barrette. E? entrato facendo un forellino tra una cucitura e l? altra, ha seguito un tortuoso itinerario per raggiungere la busta che le conteneva, immersa tra materiale di arrampicata e attrezzatura per il bivacco, l? ha bucata e si è servito. E? incredibile che una muraglia compatta come questa offri possibilità di vita a topolini e rane, credo siano specie autoctone, rane alpiniste e topi free-climber.
...
"LIBERTA' E' PARTECIPAZIONE"
L' unico modo per essere liberi è essere colti (J. Martì)
Avatar utente
Roberto
 
Messaggi: 51741
Images: 500
Iscritto il: mer lug 31, 2002 23:41 pm
Località: Padania meridionale (Nord di Roma)

Messaggioda spaceC » ven nov 26, 2010 21:56 pm

....... E? incredibile che una muraglia compatta come questa offri possibilità di vita a topolini e rane, credo siano specie autoctone, rane alpiniste e topi free-climber.
...[/quote]

e... taliani di mmmmer...a avra' pensato qualche mericano.

Ps: tutto il mondo e' paese! :lol:
Ps2: l'ho detto io orami sei un Guro, scateni le folle.
'I live not in myself, but I become portion of that around me, and to me high mountains are a feeling....'
Avatar utente
spaceC
 
Messaggi: 504
Images: 1
Iscritto il: lun dic 28, 2009 15:56 pm
Località: canada

Messaggioda Raven » sab nov 27, 2010 20:29 pm

forse sarà perchè scalare è l'emblema della liberazione dello spirito e defecare quello della libertà del corpo che solitamente le due cose si accompagnano l'un l'altra o forse sarà per puro caso ma fatto sta che è così che spesso avviene. se mi penso, in un momento qualunque di una giornata qualunque, intenta in questa operazione non riesco a vedermi se non in un luogo adibito allo scopo, con la porta ben chiusa, possibilmente abbastanza appartato onde evitare che rumorini inconfondibili possano giungewre all'orecchio di altri. è un'attività intima che richiede intimità.

in montagna tutto cambia. anche questo. l'intimità cede il passo alla condivisione, spalla contro spalla nello spazio di una misera cengia si riesce a svuotare tutto quello che si ha dentro, dalle sensazioni alla materia, senza pudore e senza vergogna.

il rito della purificazione è d'obbligo: alla base della via depongo lo zaino, mi preparo, mi metto l'imbrago, filo la corda, controllo il materiale, tolgo quello che prima sembrava essenziale e poi scopro che potrebbe rientrare tra il superfluo quindi tolgo l'imbrago e mi libeor dei fluidi e dei solidi in eccesso. a volte non basta, serve ripetere l'operazione in parete... più si sale più deve diminuire la zavorra, come fossimo in una mongolfiera. era triste quando, alle prime armi, avevo ancora l'imbrago senza il gancio posteriore che mi consetiva di sfilare i cosciali senza slacciarlo, poi, naturalemnte col tempo mi sono perfezionata... non credo che riuscirei a fare a meno del mio rituale, non credo che riuscirei a sentirmi davvero compagna di cordata con qualcuno che avesse problemi a condividerlo e a viverlo quasi come parte integrante della scalata stessa. in relatà mi chiedo se esista qualcuno che non lo reputi tale...


detto questo detto tutto, direi...


buona scalata a tutti!
Avatar utente
Raven
 
Messaggi: 5374
Images: 29
Iscritto il: ven ago 10, 2007 23:40 pm

Re: Eravamo fratelli di cacca (una storia vera)

Messaggioda Falco5x » dom nov 28, 2010 9:58 am

stefanop ha scritto:..... un po come seguire la traccia di fagioli lasciata da pollicino nell'omonima fiaba.

:lol: :lol: :lol:
azzeccatissima variante, perfettamente in tema con il topic
Chuck Norris ha contato fino a infinito. Due volte.
Avatar utente
Falco5x
 
Messaggi: 8238
Images: 53
Iscritto il: lun mar 19, 2007 23:28 pm
Località: Mestre

Messaggioda Roberto » lun nov 29, 2010 13:48 pm

Raven ha scritto:forse sarà perchè scalare è l'emblema della liberazione dello spirito e defecare quello della libertà del corpo che solitamente le due cose si accompagnano l'un l'altra o forse sarà per puro caso ma fatto sta che è così che spesso avviene. se mi penso, in un momento qualunque di una giornata qualunque, intenta in questa operazione non riesco a vedermi se non in un luogo adibito allo scopo, con la porta ben chiusa, possibilmente abbastanza appartato onde evitare che rumorini inconfondibili possano giungewre all'orecchio di altri. è un'attività intima che richiede intimità.

in montagna tutto cambia. anche questo. l'intimità cede il passo alla condivisione, spalla contro spalla nello spazio di una misera cengia si riesce a svuotare tutto quello che si ha dentro, dalle sensazioni alla materia, senza pudore e senza vergogna.

il rito della purificazione è d'obbligo: alla base della via depongo lo zaino, mi preparo, mi metto l'imbrago, filo la corda, controllo il materiale, tolgo quello che prima sembrava essenziale e poi scopro che potrebbe rientrare tra il superfluo quindi tolgo l'imbrago e mi libeor dei fluidi e dei solidi in eccesso. a volte non basta, serve ripetere l'operazione in parete... più si sale più deve diminuire la zavorra, come fossimo in una mongolfiera. era triste quando, alle prime armi, avevo ancora l'imbrago senza il gancio posteriore che mi consetiva di sfilare i cosciali senza slacciarlo, poi, naturalemnte col tempo mi sono perfezionata... non credo che riuscirei a fare a meno del mio rituale, non credo che riuscirei a sentirmi davvero compagna di cordata con qualcuno che avesse problemi a condividerlo e a viverlo quasi come parte integrante della scalata stessa. in relatà mi chiedo se esista qualcuno che non lo reputi tale...


detto questo detto tutto, direi...


buona scalata a tutti!
Mitica maga del forum, riesci a trovare il lato positivo dove i grezzi venodo solo cacca :D
"LIBERTA' E' PARTECIPAZIONE"
L' unico modo per essere liberi è essere colti (J. Martì)
Avatar utente
Roberto
 
Messaggi: 51741
Images: 500
Iscritto il: mer lug 31, 2002 23:41 pm
Località: Padania meridionale (Nord di Roma)

Messaggioda ciocco » lun nov 29, 2010 13:56 pm

Raven ha scritto:forse sarà perchè scalare è l'emblema della liberazione dello spirito e defecare quello della libertà del corpo che solitamente le due cose si accompagnano l'un l'altra o forse sarà per puro caso ma fatto sta che è così che spesso avviene. se mi penso, in un momento qualunque di una giornata qualunque, intenta in questa operazione non riesco a vedermi se non in un luogo adibito allo scopo, con la porta ben chiusa, possibilmente abbastanza appartato onde evitare che rumorini inconfondibili possano giungewre all'orecchio di altri. è un'attività intima che richiede intimità.

in montagna tutto cambia. anche questo. l'intimità cede il passo alla condivisione, spalla contro spalla nello spazio di una misera cengia si riesce a svuotare tutto quello che si ha dentro, dalle sensazioni alla materia, senza pudore e senza vergogna.

il rito della purificazione è d'obbligo: alla base della via depongo lo zaino, mi preparo, mi metto l'imbrago, filo la corda, controllo il materiale, tolgo quello che prima sembrava essenziale e poi scopro che potrebbe rientrare tra il superfluo quindi tolgo l'imbrago e mi libeor dei fluidi e dei solidi in eccesso. a volte non basta, serve ripetere l'operazione in parete... più si sale più deve diminuire la zavorra, come fossimo in una mongolfiera. era triste quando, alle prime armi, avevo ancora l'imbrago senza il gancio posteriore che mi consetiva di sfilare i cosciali senza slacciarlo, poi, naturalemnte col tempo mi sono perfezionata... non credo che riuscirei a fare a meno del mio rituale, non credo che riuscirei a sentirmi davvero compagna di cordata con qualcuno che avesse problemi a condividerlo e a viverlo quasi come parte integrante della scalata stessa. in relatà mi chiedo se esista qualcuno che non lo reputi tale...


detto questo detto tutto, direi...


buona scalata a tutti!


8O

Nooooo!!!!

Questa è la fine!!!!

Anche le fate cagano!!!!

:smt089 :smt089 :smt089
Faccio il contadino, guido l'ape e il trattore
però sono romantico e ti parlo d'amore
e se verrai con me dal monumento di Baracca
oh babies... io t'infiammo la patacca!
ciocco
 
Messaggi: 2060
Iscritto il: gio gen 03, 2008 14:01 pm
Località: bagnara di romagna

Messaggioda gug » lun nov 29, 2010 14:46 pm

L'avevo già sentita, ma sempre bella: entrerà anche questa nel libro dei racconti? :wink:
"montagne che varcai, dopo varcate, sì grande spazio d'in su voi non pare"

Traguardi Effimeri
Link per raccolta topic del forum
Avatar utente
gug
 
Messaggi: 6126
Images: 75
Iscritto il: ven lug 19, 2002 13:29 pm
Località: Recanati

Messaggioda bummi » lun nov 29, 2010 15:48 pm

Non posso esimermi dal postare il mio piccolo contributo. Più che altro perchè ritengo con un certo orgoglio di possedere il titolo di uno dei più grandi concimatori delle montagne del centro Italia.
Farla per me è un dovere ed un rito prima di ogni ascensione. Quando vado in montagna non la faccio mai a casa, ma sempre open air. Nel mio zaino porto fisso con me un bel pacchetto pieno di fazzoletti di carta. Appena scendo dalla macchina è la prima cosa che faccio. Arrampicata in falesia, in montagna, escursione a piedi o gita di scialpinismo non cambia nulla.
In falesia a volte può essere difficile trovare un posto per appartarsi e a volte mi dileguo qualche curva prima di parcheggiare la macchina. Nelle camminate a piedi e/o nelle scalate in montagna non ci sono problemi, una roccia, un boschetto, un anfratto, si trovano sempre e se qualcuno mi vede non mi faccio troppi problemi, d'altronde sto svolgendo una funzione ecologica utile alla collettività.
Ma il modo più congeniale per farla rimane con gli sci. La posizione accovacciata indossando scarponi, attacchi e sci ben fermi con le pelli di foca rimane insuperabile. Basta fare una buchetta nella neve, mettersi a cavalcioni con gli sci ed è fatta, meglio di un cesso alla turca (non foss'altro perchè non hai il pericolo del fastidioso schizzo di ritorno). Questa enorme comodità non viene minimamente intaccata dal fastidio di levare le bretelle, spostare l'ARVA (lo indosso sempre a casa quando mi vesto), ecc..
A volte mi è capitato, per un motivo o per un altro, di non riuscire a farla appena sceso dall'auto, oppure prima (esiste anche la c.d. "cacata in itinere"). Ebbene, sono sempre state giornate un po' storte, per un motivo o per l'altro non ne serbo un buon ricordo. Giornate trascorse un po' così, in cui mi sentivo insoddisfatto senza ricondurre bene il perchè, magari pure scordandomi di quel "piccolo" particolare. Però, una volta rientrato a casa ed esaminati mentalmente i momenti salienti della giornata arrivavo sempre alla soluzione di tanta irrequietezza: la cacca!
Er PIP
Avatar utente
bummi
 
Messaggi: 3292
Images: 32
Iscritto il: mer mar 31, 2004 14:33 pm
Località: Abbruzzese di Roma Sud

Messaggioda Roberto » lun nov 29, 2010 15:50 pm

gug ha scritto:L'avevo già sentita, ma sempre bella: entrerà anche questa nel libro dei racconti? :wink:
Questa ed altre cagate ci saranno nel libro :lol:
"LIBERTA' E' PARTECIPAZIONE"
L' unico modo per essere liberi è essere colti (J. Martì)
Avatar utente
Roberto
 
Messaggi: 51741
Images: 500
Iscritto il: mer lug 31, 2002 23:41 pm
Località: Padania meridionale (Nord di Roma)

Messaggioda Roberto » lun nov 29, 2010 15:56 pm

bummi ha scritto:Non posso esimermi dal postare il mio piccolo contributo. Più che altro perchè ritengo con un certo orgoglio di possedere il titolo di uno dei più grandi concimatori delle montagne del centro Italia.
Farla per me è un dovere ed un rito prima di ogni ascensione. Quando vado in montagna non la faccio mai a casa, ma sempre open air. Nel mio zaino porto fisso con me un bel pacchetto pieno di fazzoletti di carta. Appena scendo dalla macchina è la prima cosa che faccio. Arrampicata in falesia, in montagna, escursione a piedi o gita di scialpinismo non cambia nulla.
In falesia a volte può essere difficile trovare un posto per appartarsi e a volte mi dileguo qualche curva prima di parcheggiare la macchina. Nelle camminate a piedi e/o nelle scalate in montagna non ci sono problemi, una roccia, un boschetto, un anfratto, si trovano sempre e se qualcuno mi vede non mi faccio troppi problemi, d'altronde sto svolgendo una funzione ecologica utile alla collettività.
Ma il modo più congeniale per farla rimane con gli sci. La posizione accovacciata indossando scarponi, attacchi e sci ben fermi con le pelli di foca rimane insuperabile. Basta fare una buchetta nella neve, mettersi a cavalcioni con gli sci ed è fatta, meglio di un cesso alla turca (non foss'altro perchè non hai il pericolo del fastidioso schizzo di ritorno). Questa enorme comodità non viene minimamente intaccata dal fastidio di levare le bretelle, spostare l'ARVA (lo indosso sempre a casa quando mi vesto), ecc..
A volte mi è capitato, per un motivo o per un altro, di non riuscire a farla appena sceso dall'auto, oppure prima (esiste anche la c.d. "cacata in itinere"). Ebbene, sono sempre state giornate un po' storte, per un motivo o per l'altro non ne serbo un buon ricordo. Giornate trascorse un po' così, in cui mi sentivo insoddisfatto senza ricondurre bene il perchè, magari pure scordandomi di quel "piccolo" particolare. Però, una volta rientrato a casa ed esaminati mentalmente i momenti salienti della giornata arrivavo sempre alla soluzione di tanta irrequietezza: la cacca!


Parole sacrosante :wink:
L' intestino leggero allegerisce anche l' animo, se ci si è liberati la mattina si affronta la giornata con uno spirito diverso, si è più reativi, più disinvolti, spesso anche più buoni, pazienti e tolleranti. A volte penso che tante cattiverie nel mondo non ci sarebbero se tutti cagassero regolarmente 8)
"LIBERTA' E' PARTECIPAZIONE"
L' unico modo per essere liberi è essere colti (J. Martì)
Avatar utente
Roberto
 
Messaggi: 51741
Images: 500
Iscritto il: mer lug 31, 2002 23:41 pm
Località: Padania meridionale (Nord di Roma)

Messaggioda bummi » lun nov 29, 2010 16:00 pm

Roberto ha scritto:
bummi ha scritto:Non posso esimermi dal postare il mio piccolo contributo. Più che altro perchè ritengo con un certo orgoglio di possedere il titolo di uno dei più grandi concimatori delle montagne del centro Italia.
Farla per me è un dovere ed un rito prima di ogni ascensione. Quando vado in montagna non la faccio mai a casa, ma sempre open air. Nel mio zaino porto fisso con me un bel pacchetto pieno di fazzoletti di carta. Appena scendo dalla macchina è la prima cosa che faccio. Arrampicata in falesia, in montagna, escursione a piedi o gita di scialpinismo non cambia nulla.
In falesia a volte può essere difficile trovare un posto per appartarsi e a volte mi dileguo qualche curva prima di parcheggiare la macchina. Nelle camminate a piedi e/o nelle scalate in montagna non ci sono problemi, una roccia, un boschetto, un anfratto, si trovano sempre e se qualcuno mi vede non mi faccio troppi problemi, d'altronde sto svolgendo una funzione ecologica utile alla collettività.
Ma il modo più congeniale per farla rimane con gli sci. La posizione accovacciata indossando scarponi, attacchi e sci ben fermi con le pelli di foca rimane insuperabile. Basta fare una buchetta nella neve, mettersi a cavalcioni con gli sci ed è fatta, meglio di un cesso alla turca (non foss'altro perchè non hai il pericolo del fastidioso schizzo di ritorno). Questa enorme comodità non viene minimamente intaccata dal fastidio di levare le bretelle, spostare l'ARVA (lo indosso sempre a casa quando mi vesto), ecc..
A volte mi è capitato, per un motivo o per un altro, di non riuscire a farla appena sceso dall'auto, oppure prima (esiste anche la c.d. "cacata in itinere"). Ebbene, sono sempre state giornate un po' storte, per un motivo o per l'altro non ne serbo un buon ricordo. Giornate trascorse un po' così, in cui mi sentivo insoddisfatto senza ricondurre bene il perchè, magari pure scordandomi di quel "piccolo" particolare. Però, una volta rientrato a casa ed esaminati mentalmente i momenti salienti della giornata arrivavo sempre alla soluzione di tanta irrequietezza: la cacca!


Parole sacrosante :wink:
L' intestino leggero allegerisce anche l' animo, se ci si è liberati la mattina si affronta la giornata con uno spirito diverso, si è più reativi, più disinvolti, spesso anche più buoni, pazienti e tolleranti. A volte penso che tante cattiverie nel mondo non ci sarebbero se tutti cagassero regolarmente 8)


Ehhh!
Se solo il resto del mondo conoscesse "li fuje strascinite" ;-)
http://turismo.provincia.teramo.it/enogastronomia/la-cucina-teramana/antipasti/fuje-strascinite
Er PIP
Avatar utente
bummi
 
Messaggi: 3292
Images: 32
Iscritto il: mer mar 31, 2004 14:33 pm
Località: Abbruzzese di Roma Sud

Messaggioda Drugo Lebowsky » lun nov 29, 2010 19:06 pm

gug ha scritto:L'avevo già sentita, ma sempre bella: entrerà anche questa nel libro dei racconti? :wink:


si, ma datti una mossa a prendere appunti.

che poi al solito vieni a chiedere... :roll:
Avatar utente
Drugo Lebowsky
 
Messaggi: 8711
Images: 77
Iscritto il: ven feb 06, 2004 16:20 pm

Messaggioda batman » lun nov 29, 2010 19:22 pm

Robbè.

Non voglio invadere eccessivamente, ma dato che hai aperto un topic su cotanto argomento, mi vedo quasi costretto obtorto collo a postare qui un vecchio e puzzolente racconto...

Mount Rainier

Siccome l?America l?è lunga e l?è larga, si può permettere di contenere di tutto, e così oltre al Niagara, a Yosemite, ai pueblos dei navajos di Tex Willer, ai tram di San Francisco e ai grattacieli di tutte le parti, agli slums e alle ghost-towns, al Gran Canyon e al Little Big Horn, ai repubblicani e ai democratici, ci sono anche i vulcani. Come tutti i vulcani che si rispettano, anche i vulcani yankees hanno due caratteristiche che non li distinguono dagli altri vulcani.
La prima è che sono degli aggeggi poco affidabili e da maneggiare con cautela, che anche quando sembrano tranquilli sputazzano e sobbolliscono nei loro più profondi recessi, per cui uno non può mai essere sicuro che un giorno non decideranno di esibirsi in un grande spettacolo pirotecnico con relativo accompagnamento di scuotimenti tellurici e bombe puzzolenti e asfissianti di gas venefici e miasmi irrespirabili, oltre s?intende a torrenti di lava incandescente e gran quantità di lapilli e lapislazzuli più o meno infuocati sparati in giro con gran generosità balistica (vedi che cosa ti ha combinato il St. Helens una ventina d?anni fa).
La seconda caratteristica è che sono dei gran bei montarozzi abbastanza alti e abbastanza poco ripidi da risvegliare ataviche voglie di ascensione in individui propensi alle gioie spirituali e alle fatiche corporali dell?alpinismo facile, quello per capirsi che consiste essenzialmente nel legarsi con una corda, perchè così se c?è da finire in un crepaccio ci si finisce insieme, in omaggio ai sani principi della solidarietà alpina, e nel mettere un piede avanti all?altro per un numero incalcolabile di ore, operazione che può al più venire interrotta per sdraiarsi al buio su uno strato di pietre sistematicamente appuntite e trascorrere battendo i denti quella che viene tecnicamente definita una notte di bivacco.
Sotto questo profilo, e in particolare per quanto riguarda l?assoluta uniformità della salita, i vulcani si presentano con delle credenziali imbattibili, e quelli americani in modo speciale, visto che dilatano la loro monotonia su qualcosa come duemilacinquecento e passa metri di dislivello, cosa che esercita sull?homo alpinisticus un effetto del tutto paragonabile a quello delle sirene sui marinai del bel tempo che fu, e lo spinge ad affrontare il cammino delle vette incurante dei pericoli derivanti dai potenziali sputacchiamenti, scuotimenti e bombardamenti di cui sopra.
Consideri ora il lettore il seguente insieme di circostanze concomitanti:
1) il narratore di questa puzzolente vicenda, nonchè un nutrito gruppo di suoi amici americani, appartengono alla categoria di alpinisti sempre in cerca di cose difficili e, per questo motivo, sempre disposti a concedersi invece i piaceri delle cose facili;
2) nel particolare momento in cui si svolsero gli avvenimenti di cui qui si discorre, essi si trovavano appunto in uno di quegli stati d?animo che rendono particolarmente sensibili ai richiami delle sirene;
3) inoltre, per una serie di eventi che non è il caso di ripercorrere in dettaglio, essi si trovavano anche tutti insieme in quel di Seattle, città di mare e di marinai circondata però da boschi e montagne (come dire, Napoli in Norvegia);
4) dalla suddetta città di Seattle è facilmente raggiungibile, su confortevoli Chevrolet, Pontiac e simili, il parco nazionale del monte Rainier, la cui attrattiva principale è costituita, chi l?avrebbe mai detto, per l?appunto dal monte Rainier;
5) il quale monte Rainier è proprio, guarda la coincidenza, il più settentrionale dei vulcani della costa occidentale, nonchè quello che spinge la monotonia dei suoi pendii più in alto di tutti, fin oltre i quattromiladuecento metri o giù di lì;
6) per finire, nonostante Seattle sia città di mare e di marinai, non risulta che esso mare sia popolato da sirene al cui richiamo non mostrarsi insensibili.
Conclusione degna di monsieur de La Palisse: non ci restò che salire il Rainier.
Ora, bisogna sapere che la salita al Rainier comporta delle difficoltà particolari, legate al fatto che l?ascensione dura due giorni e richiede pertanto un bivacco all?aperto (non ci sono rifugi), e che gli americani sono - giustamente - molto attenti all?impatto ambientale provocato dalla pratica dell?alpinismo sui fragili ecosistemi dell?alta montagna, in particolare quando si tratta di una montagna all?interno di un parco nazionale. Il che significa che il primo passo verso la meta consiste nel recarsi presso l?ufficio dei rangers a registrarsi per la salita e ricevere le istruzioni, raccomandazioni e benedizioni del caso; e insieme alle suddette vi viene consegnata, con l?intimazione di farne buon uso e riportarla a valle debitamente riempita, una bustina di plastica a chiusura sigillata ?to collect and remove human waste?. Confesso che la cosa proiettò fin dall?inizio un?ombra sinistra sulla nostra progettata ascensione (per me, almeno: i miei amici non fecero commenti, ma sospetto che anche essi nutrissero alcune preoccupazioni).
A scanso di equivoci: sono assolutamente convinto che non insozzare gli ambienti che si frequentano sia elementare norma di buona educazione, che obbedire alla regola ?prendete solo fotografie, lasciate solo le vostre tracce? sia la giusta maniera di comportarsi, e che quindi sia gran bella cosa riportare indietro cartacce, lattine e quant?altro, lasciando i luoghi puliti. Ma la cacca? In linea di principio, d?accordo: ma avete mai provato a farla a quattromila metri, dieci gradi sotto zero, di notte e con la frontale che come di regola non funziona, su un pendio esposto e senza ripari con un vento gelido che tira da nord sollevando il nevischio e infilandolo in luoghi dove ne fareste volentieri a meno, e il tutto con una precisione che vi consenta di centrare una bustina di plastica dell?apertura di qualche centimetro? Quest?ultimo elemento, ne converrete, è di rilievo capitale: potrebbero almeno farle un po? più grandi, queste maledette bustine. Risparmiando in tal modo sul materiale, il National Park Service ha posto tutte le premesse perchè si crei, in senso metaforico e letterale, una situazione di merda.
Su dunque per il monte un passo dopo l?altro per i primi millecinquecento metri di dislivello, con gli zaini carichi di tende, sacchi a pelo, fornelli, viveri, ramponi e bustine, aspettando e paventando l?arrivo del momento fatale; che non tardò a presentarsi, con puntualità degna di miglior causa, durante la preparazione del cosiddetto bivacco, su un pendio tipicamente vulcanico di neve e pietre, esemplare per la sua nudità ed assenza di rilievi. Fu subito chiaro che i brontolii e i gorgoglii che si intrecciavano con quelli della minestra che si scaldava sul fornello non venivano dalle viscere del vulcano, ma da viscere assai più prossime alla mia più profonda natura, e che l?ora delle grandi decisioni era dunque giunta.
A circa cento metri dalle tende, si ergeva sul pendio spazzato dal vento un possente masso alto circa sessanta centimetri. Al provvidenziale quanto improbabile riparo offerto da cotanto usbergo, mi ritrovai dunque, mentre la notte calava pietosa, accovacciato sul pendio, ?con tutto l?immenso stato di California ai miei piedi? come Jack Kerouac nei Vagabondi del Dharma (in realtà lui vedeva la California perchè era in cima al monte Shasta, vulcano differente dal mio da cui invece si vede l?immenso stato di Washington, ma questo allora non mi preoccupava più di tanto), solo con la mia bustina e la mia coscienza.
Ho frettolosamente seppellito sotto un mucchietto di sassi la mia coscienza, insieme a quanto di me ho abbandonato sul Rainier, e mi sono ritirato in tenda a trascorrere una notte agitata da incubi, popolati da ranger armati di pistola che mi inseguivano urlando mentre correvo pieno di vergogna a culo scoperto tra file di onesti cittadini rispettosi della legge che mi lanciavano addosso buste di plastica contenenti i più orrendi liquami. Il giorno dopo, la parte terminale dell?ascensione è stata un inferno: avevo mal di testa, non mi fidavo del mio compagno di cordata che continuava ad inciampare nei ramponi e che, ne ero sicuro, avrebbe finito per trascinarci entrambi giù per l?orribile colatoio ghiacciato che stavamo risalendo (ebbene sì, il vulcano aveva deciso di riscattarsi dalla sua monotonia e ci aveva riservato anche qualcosa che assomigliava a delle difficoltà tecniche, cosa che in altre circostanze sarebbe stata anche apprezzabile), abbiamo vagato per un?ora sul plateau sommitale cercando la vetta vera e finendo immancabilmente su un?anticima insignificante prima di correggere la rotta, e a tutto ciò si accompagnavano la consapevolezza del peccato commesso e il timore di doverne commettere uno nuovo, cosa che spostava pericolosamente la mia attenzione da quanto facevano i miei piedi a quanto faceva il mio intestino.
Fortunatamente, ulteriori violazioni dell?integrità ambientale non si resero necessarie. E, giunti finalmente sulla cima, potemmo sederci a scaldare almeno parte dei nostri corpi infreddoliti (quale parte, sarà del tutto ovvio al lettore a questo punto del racconto) sull?orlo di un grande crepaccio da cui fuoriuscivano bianchi vapori maleodoranti, segno inequivocabile della natura tuttora vulcanicamente attiva della nostra montagna, che si poteva sentire, porgendo attentamente l?orecchio, agitata nelle profondità da bombiti e scuotimenti. Lassù, gradualmente, ascoltando le voci del vulcano, tutto ha assunto una nuova e più confortante prospettiva: se lui, il vero signore dei luoghi, poteva permettersi impunemente di scoreggiare su grande scala ventiquattro ore su ventiquattro, la mia trasgressione poteva tranquillamente venire ridimensionata al rango di modestissimo peccato veniale. Certo, quelle del vulcano sono naturali attività spetazzatorie: ma non siamo anche noi parte della gran madre che tutti ci ha procreato e nutrito, mi dicevo vieppiù sollevato? Mai come in quel momento mi sono sentito parte integrante della natura circostante, accomunato da un afflato olistico e cosmico a tutte le puzze e le cacche dell?universo. E ho ritrovato la pace dell?anima (l?intestino, per fortuna, era in pace per conto suo).
La discesa è stata veloce e senza storia. In prossimità del parcheggio, ho raccolto dei pezzi di fango e li ho religiosamente collocati nella famosa bustina, che ho trionfalmente depositato nell?apposito raccoglitore. In fila indiana, uno dopo l?altro, altrettanto hanno fatto i miei amici. Non ho indagato sul contenuto delle loro bustine; ma ricordo distintamente che quando, durante la discesa, siamo ripassati in prossimità del pietrone che era stato testimone silenzioso delle mie tribolazioni, ho notato nelle sue immediate vicinanze la presenza di una quantità di ometti di pietre che la sera prima non c?erano.
Mi vengono in mente idee che non condivido (Altan)
batman
 
Messaggi: 398
Images: 1
Iscritto il: gio nov 16, 2006 18:39 pm
Località: Roma

Messaggioda danielegr » lun nov 29, 2010 19:24 pm

Beh, scusate, ma a questo punto mi sembra necessario questo:

http://www.youtube.com/watch?v=ljd_q99ohTU
Avatar utente
danielegr
 
Messaggi: 293
Images: 40
Iscritto il: ven nov 30, 2007 20:13 pm
Località: 43 54 26,81N 7 56 25,35E Altitudine 184 m.

Messaggioda bummi » lun nov 29, 2010 19:42 pm

batman i tuoi interventi sono sempre di spessore e peso notevole. :lol:
Er PIP
Avatar utente
bummi
 
Messaggi: 3292
Images: 32
Iscritto il: mer mar 31, 2004 14:33 pm
Località: Abbruzzese di Roma Sud

Messaggioda muretto » mar nov 30, 2010 10:30 am

Dopo cotanta lettura, faccio divieto a tutti i climber con cui scalo, anche occasionalmente, di darmi la mano, salutarmi, toccarmi in qualsiasi punto ed anche offrirmi pezzi di panino, biscotti, etc. etc. presi con le loro manine .....
Anzi se penso che a volte prendo la corda tra i denti per tenerla un attimo .... tra i denti? ... quel pezzo di corda che è passato tra le vostre mani? ..... 8O
L'alpinismo è un'attività sfiancante.
Avatar utente
muretto
 
Messaggi: 553
Iscritto il: mar ago 31, 2010 13:33 pm
Località: Roma

Messaggioda primularossa » mar nov 30, 2010 11:14 am

molti dei nostri Politici,mi sà che abbiano problemi con la STITICHEZZA...ed è per questo che il loro comportamento ci lascia Perplessi :D :lol: :wink:
Avatar utente
primularossa
 
Messaggi: 390
Iscritto il: sab ago 16, 2008 21:36 pm

Messaggioda Roberto » mar nov 30, 2010 11:17 am

batman ha scritto:Robbè.

Non voglio invadere eccessivamente, ma dato che hai aperto un topic su cotanto argomento, mi vedo quasi costretto obtorto collo a postare qui un vecchio e puzzolente racconto...


Bat, quando andiamo a cagare insieme in montagna?
"LIBERTA' E' PARTECIPAZIONE"
L' unico modo per essere liberi è essere colti (J. Martì)
Avatar utente
Roberto
 
Messaggi: 51741
Images: 500
Iscritto il: mer lug 31, 2002 23:41 pm
Località: Padania meridionale (Nord di Roma)

Messaggioda bummi » mar nov 30, 2010 11:48 am

muretto ha scritto:Dopo cotanta lettura, faccio divieto a tutti i climber con cui scalo, anche occasionalmente, di darmi la mano, salutarmi, toccarmi in qualsiasi punto ed anche offrirmi pezzi di panino, biscotti, etc. etc. presi con le loro manine .....
Anzi se penso che a volte prendo la corda tra i denti per tenerla un attimo .... tra i denti? ... quel pezzo di corda che è passato tra le vostre mani? ..... 8O


Bisognerebbe cominciare a fare come fanno gli arabi che per certe incombenze usano la mano sinistra, quella impura. ;-)
Er PIP
Avatar utente
bummi
 
Messaggi: 3292
Images: 32
Iscritto il: mer mar 31, 2004 14:33 pm
Località: Abbruzzese di Roma Sud

Messaggioda ciocco » mar nov 30, 2010 13:44 pm

primularossa ha scritto:molti dei nostri Politici,mi sà che abbiano problemi con la STITICHEZZA...ed è per questo che il loro comportamento ci lascia Perplessi :D :lol: :wink:


E' che tutto quello che si magnano è umanamente impossibile riuscire a cagarlo tutto...

:evil:
Faccio il contadino, guido l'ape e il trattore
però sono romantico e ti parlo d'amore
e se verrai con me dal monumento di Baracca
oh babies... io t'infiammo la patacca!
ciocco
 
Messaggi: 2060
Iscritto il: gio gen 03, 2008 14:01 pm
Località: bagnara di romagna

PrecedenteProssimo

Torna a Arrampicata in montagna

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Achille_piè_veloce e 4 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.