2019...ancora no spit.

Area di discussione a carattere generale sull'arrampicata.

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda valassina95 » mer feb 06, 2019 20:25 pm

valassina95
 
Messaggi: 112
Iscritto il: mer set 24, 2014 9:51 am

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda gobbidimerda » gio feb 07, 2019 10:53 am

Personalmente vieterei la ripetizione con moderni materiali delle vie aperte negli anni 50 e 60 per rispettare lo spirito dei primi salitori.
Per cui se la via è stata aperta con scarponi, corda di canapa e cunei di legno o la ripeti così oppure subisci il sequestro di scarpette, friend, ecc. oltre ad una sanzione amministrativa consistente.
gobbidimerda
 
Messaggi: 459
Iscritto il: mer lug 06, 2011 12:41 pm

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda funkazzista » gio feb 07, 2019 11:22 am

gobbidimerda ha scritto:Personalmente vieterei la ripetizione con moderni materiali delle vie aperte negli anni 50 e 60 per rispettare lo spirito dei primi salitori.
Per cui se la via è stata aperta con scarponi, corda di canapa e cunei di legno o la ripeti così oppure subisci il sequestro di scarpette, friend, ecc. oltre ad una sanzione amministrativa consistente.


funkazzista ha scritto:Adesso arriva il solito che dice che allora certe vie andrebbero ripetute con le pantofole di feltro, le corde di canapa, i chiodazzi e la giacca di velluto :roll:


e.arrivato.

:mrgreen:
funkazzista
 
Messaggi: 7700
Images: 10
Iscritto il: mar giu 28, 2011 16:03 pm

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda Drugo Lebowsky » gio feb 07, 2019 13:20 pm

scairanner ha scritto:Drugo, veramente ho scritto anche di là, senza ricevere risposta, perché pare che non sia consentito l'anonimato dalla netichett degli scriventi (poi però va bene se scrivi solo il nome, vabbè).
Quanto al tuo commento, sono d'accordo sul fatto che sono chiacchiere da bar, ma chi se ne frega.
Non sulla precisazione sulla chiodatura, che ritengo essere fuori tempo massimo (loro non tu).


ah
permetti, ma siccome la discussione(...) mi aveva interessato fin là, non avevo notato che tu avessi postato qlcs senza riceverne risposta.
comunque, data la mia abituale mole di ciàcoe, ti puoi immaginare se mi scandalizzo per le "chiacchiere da bar" per le quali vivo
mi sono permesso di sottolineare il "tono" che più che da bar, per i miei gusti, sapeva da pettegolezzo tra beghine. Tutto qua :wink:

ma quello a cui tenevo precisare era la prima parte
ovvero che non mi sembrava cortese speculare su una frase, sebbene un po' tronfia, che però pareva quasi sminuire lo stile di LM
a prescindere dal chi abbia aperto la via
avrò capito male
tutto qua
Avatar utente
Drugo Lebowsky
 
Messaggi: 8738
Images: 77
Iscritto il: ven feb 06, 2004 16:20 pm

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda scairanner » gio feb 07, 2019 14:09 pm

Drugo Lebowsky ha scritto:ma quello a cui tenevo precisare era la prima parte
ovvero che non mi sembrava cortese speculare su una frase, sebbene un po' tronfia, che però pareva quasi sminuire lo stile di LM
a prescindere dal chi abbia aperto la via
avrò capito male
tutto qua


La via l'ha aperta LM e sono certo che lui non avrebbe mai messo in risalto il fatto dell'unico chiodo, considerata la sua modestia e che la sua attività in solitaria fu ben superiore a quanto puoi trovare su quella via, la mia critica è rivolta soprattutto al cantore dei TTT e chi avvalla il suo pensiero senza prendere le distanze da un'ideologia che non può, per forza di cose, rispettare quella di tutti i firmatari, tanto è complessa, o meglio inutilmente complicata.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4703
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda giorgiolx » gio feb 07, 2019 16:02 pm



mi spiace per giovanni che è uno che ci crede ancora tanto
vado a uccidere il frigorifero che mi sta fissando

Klaatu, Barada, Nikto!
Avatar utente
giorgiolx
 
Messaggi: 13845
Images: 67
Iscritto il: gio ago 09, 2007 17:10 pm
Località: 1060 West Addison

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda Danilo » gio feb 07, 2019 18:52 pm

giorgiolx ha scritto:


mi spiace per giovanni che è uno che ci crede ancora tanto

ma perchè gliela hanno danneggiata :?:
il forum è morto
Avatar utente
Danilo
 
Messaggi: 7233
Images: 61
Iscritto il: gio lug 26, 2007 17:44 pm

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda Spartaco » gio feb 07, 2019 19:24 pm

giorgiolx ha scritto: spiace per giovanni che è uno che ci crede ancora tanto


crede a che cosa.non dice.
ascolta.si fa sera.
Avatar utente
Spartaco
 
Messaggi: 1181
Iscritto il: lun set 08, 2014 17:38 pm

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda giorgiolx » gio feb 07, 2019 19:38 pm

Spartaco ha scritto:
giorgiolx ha scritto: spiace per giovanni che è uno che ci crede ancora tanto


crede a che cosa.non dice.

al fatto che a piu di 50 anni si imbarca ancora in queste avventure...poi giovanni chiaffarelli ha sempre aperto cosi
vado a uccidere il frigorifero che mi sta fissando

Klaatu, Barada, Nikto!
Avatar utente
giorgiolx
 
Messaggi: 13845
Images: 67
Iscritto il: gio ago 09, 2007 17:10 pm
Località: 1060 West Addison

Re: 2018...ancora no spit.

Messaggioda scairanner » gio feb 07, 2019 22:51 pm

Danilo ha scritto:
giorgiolx ha scritto:


mi spiace per giovanni che è uno che ci crede ancora tanto

ma perchè gliela hanno danneggiata :?:


il gruppo lombardo, quelli del DDD
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4703
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda Cugginodiottoz » ven feb 08, 2019 15:19 pm

Avatar utente
Cugginodiottoz
 
Messaggi: 102
Iscritto il: dom nov 06, 2016 17:45 pm

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda scairanner » dom feb 10, 2019 0:53 am

Per la legge del contrappasso, si sta formando un nucleo di ff il cui motto sarà AAA
Aggiungere Aggiungere Aggiungere:
per ogni spit tolto compariranno prese colorate, verranno dipinti gli spit che sanno raddoppiati in quantità, i pochi appigli naturali rimasti verranno marchiati a scalpello con simboli D e S, freccie colorate indicheranno verso quale posizione dovrà essere spostato il baricentro del corpo.
Per ora si sta oliando il meccanismo da riprodurre poi sul campo di battaglia; è allo studio infine un tipo di vernice brillante, visibile di notte: le vie diventeranno polvere di stelle, costellazioni che nelle notti limpide saranno la naturale prosecuzione della volta celeste, che spettacolo!


Immagine
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4703
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda il Duca » dom feb 10, 2019 19:34 pm

Mamma che schifo! :x
http://www.respirodelvento.blogspot.com

RACCONTI DI GHIACCIO E ROCCIA

"nel muoversi in montagna guardate alle capre prima che alle scimmie" crodaiolo
Avatar utente
il Duca
 
Messaggi: 3724
Images: 12
Iscritto il: lun ago 24, 2009 17:35 pm
Località: Conca dei Giganti

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda davidezambon1112 » dom feb 10, 2019 19:58 pm

il Duca ha scritto:Mamma che schifo! :x

"ma sono un amico!"
https://youtu.be/EJsUc829o9M

:lol:


a parte gli scherzi, io sono dell'idea di scendere a un compromesso: non aggiungere dove non serve ma neanche andar lì a buttar giù tutto
Ndemo vanti, che el sol magna e ore
Avatar utente
davidezambon1112
 
Messaggi: 256
Images: 0
Iscritto il: sab gen 06, 2018 11:46 am
Località: mestre (VE)

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda valassina95 » mar feb 12, 2019 14:24 pm

LE PARETI DEL COMPRENSORIO VERCURAGO-CARENNO: ZONE-NO SPIT. Documento Etico – Ivan Guerini – La Pala dello Spedone è la parete trapezoidale che sovrasta l’abitato di Calolziocorte, visibilissima da differenti punti della pianura lombarda e caratterizzata al centro da un’impressionante fiamma gialla di calcare ammonitico ossidato. Si tratta di una sagoma geologica rilevante per gli abitanti della zona, sia come riferimento visivo onnipresente, che da sempre “fa parte” della loro vita vegliando sulla vita e la morte delle generazioni d’individui che attorno ad essa si sono succeduti, sia per l’attività delle generazioni di scalatori che su quella parete si sono espressi al meglio delle loro capacità – eticamente corrette – nella loro epoca. Il termine arcaico tramandato che la denomina “Fracia”, tradotto, verosimilmente significa “fragile” a indicare una natura rocciosa internamente morbida ma rimasta indenne per il fatto di non essere soggetta a frane clamorose, quelle che forse l’hanno riguardata in epoche remote e pertanto a memoria d’uomo non sono a oggi ricordate.

L’eredità culturale dei Calolziesi. Nel 2008 conobbi lo scalatore calolziese Alfredo Papini, memoria storica di tutte le salite compiute sulle montagne della zona, che mi fornì numerose informazioni incoraggiandomi a riprenderne l’esplorazione, invitandomi a scrivere il libro che sto facendo. Quel suo entusiasmo mi incuriosì al punto da considerare la possibilità di salire su quelle pareti che viste da lontano non hanno proprio un bell’aspetto per la particolare tipologia di roccia calcarea che le costituisce. Preso atto del tipo di roccia con cui si aveva a che fare, mi riservai di descrivere pubblicamente gli itinerari a tempo debito per ben spiegare “in che modo” è opportuno recarsi su quelle pareti. Alfredo Papini riteneva che “su tutte” quelle pareti gli infissi non avrebbero MAI dovuto essere piazzati, non solo sugli itinerari Storici ma dovunque, proprio per lasciare intatte le capacità psicofisiche e le possibilità esplorative delle generazioni future degli arrampicatori.

Il caso dello Spedone (Fracia) increscioso accaduto. Purtroppo proprio su questa Storica parete, che rappresenta un vero e proprio emblema della “memoria Storica” delle gesta arrampicatorie dei Lecchesi e soprattutto Calolziesi, sono successi fatti particolarmente incresciosi. Nel 2015 sono comparsi gli spit, proprio su questa parete storica delle prealpi che ne era ancora priva, addirittura coloro che li hanno posizionati hanno creduto bene di togliere parte dei chiodi inseriti dagli scalatori che avevano aperto decenni prima vie Storiche! Questi primi attrezzatori pare abbiano giustificato il loro operato col fatto di essere saliti nell’unico punto saldo e quindi sicuro della parete, ridicolizzandone pubblicamente la “fama di instabilità” da sempre ad essa attribuita. Recentemente sono stati costruiti con trapano e spit altri due tracciati di arrampicata vincolata da infissi permanenti che costeggiano e addirittura intersecano varianti di un itinerario pre esistente, realizzato nei primi anni ’70 con un numero esiguo di chiodi. Questi antefatti portano a chiedersi come sia possibile considerare tali interventi “valorizzativi” dal momento che comportano ripercussioni negative nella Storia e nella natura delle pareti. Chi non concorda potrebbe dire: “Che danno potrebbe mai fare un banale tracciato a infissi permanenti su una parete che ha milioni di anni?”. Già, tutti sappiamo che un’era geologica ha un “tempo di esistenza” sconfinato rispetto alla vita dell’uomo, ma il punto cruciale della questione riguarda il punto di vista dell’ecosistema verticale da parte di chi lo trasforma sistematicamente da intatto a sistematicamente attrezzato, convinto che sia valorizzazione e non distruzione. Si tratta di un modo di agire indiscutibilmente negativo. Perché non chiedersi come questo modo di intervenire impedisca al “punto di vista” delle generazioni presenti e future di considerare obbiettivamente come sia meglio agire in modo eticamente corretto? Evidentemente sono in molti a non capire che un utilizzo invasivo deturpa: l’ambiente naturale, la memoria Storica degli itinerari preesistenti e le possibilità future in essi possibili.

Le insidie della Fracia. Chi ha arrampicato sulla Pala dello Spedone e dintorni sa che a parte le lastre sospese e i macigni in bilico presenti nei settori gialli e rossi ammonitici, anche arrampicando nei settori di roccia grigia si sale su selci affioranti grandi e piccole che si possono spezzare all’improvviso, a riprova della fama della Fracia! In relazione alla costituzione di questo tipo di roccia, c’è anche da considerare se le vibrazioni provocate da un attrezzare sistematico non possano comportare sollecitazioni alle formazioni franose che esteriormente “non si vedono” e non necessariamente si staccano al momento, ma possono staccarsi all’improvviso in un secondo tempo, in qualsiasi momento. Tutto questo, può mettere a repentaglio l’incolumità di tutti quelli che vi si recheranno dopo nonostante la sicurezza che gli infissi di qualsiasi tipo paiono rappresentare.

Le reazioni a quella procedura distruttiva. Sospettando che si tratti dell’avvisaglia di un “progetto invasivo sistematico” di vaste proporzioni, la comunità degli scalatori Calolziesi è rimasta inorridita. Ci sono state immediatamente reazioni di dissenso, sostanzialmente concordi che atti di quel tipo non possono in nessun modo essere ignorati o giustificati e i loro punti di vista differiscono solo sul rimedio da porvi. Taluni sostengono che i tracciati a infissi vadano immediatamente rimossi mentre altri che debbano essere resi inagibili ma lasciati, come monito della testimonianza di coloro che si arrogano il diritto di compiere realizzazioni eticamente discutibili e ambientalmente deplorevoli, magari anche per un proprio tornaconto, ignorando (volutamente o meno) la storia precedente del sito. Non soltanto si dissociano dall’antefatto, ma si oppongono fermamente a ogni tipologia di procedura atta ad approvare (con o senza finanziamenti) ogni intervento invasivo che in futuro potrebbe riguardare non solo la Fracia ma TUTTE le pareti del comprensorio calolziese.

LE PARETI DEL COMPRENSORIO VERCURAGO-CARENNO: ZONE-NO SPIT. Da quel lontano 2008 furono in tanti gli scalatori Calolziesi che contribuirono personalmente e di tasca loro a realizzare la ripresa esplorativa di queste zone fornendomi chiodi vecchissimi e nuovi da lasciare con parsimonia, solo dove strettamente necessario e come testimonianza Storica su quelle pareti. Sempre ringrazierò Mario Burini, Alfredo Papini, Carlo Longhi, Sergio Butti, Alberto Montanelli, Giancarlo Bolis, il varesino Giovanni Rossi e i milanesi Felice Boselli e Paolo Consoli. Al partire dal 2010, principalmente assieme al cisanese Giancarlo Bolis e altri amici ho iniziato a esplorare sistematicamente le pareti facenti parte della zona compresa tra: Vercurago – San Girolamo – Mudarga – Valle di Gallaveso – Saina – Erve – Pala dello Spedone – Oneta – Erola fino all’abitato di Carenno, percorrendo in arrampicata libera esplorativa 80 itinerari a friends e con pochissimi chiodi. Così quei chiodi difficilmente visibili scomparvero nella quantità dei numerosi itinerari compiuti su quelle pareti.

Aggiungo, per completare qui su Cima tutte le informazioni, anche i link agli articoli pubblicati su LeccoNotizie e LaProvincia:

Dopo la schiodatura sulla Fracia: “Apriamo un confronto per evitare atti vandalici”
Monte Spedone. Danneggiata la via L’Amico ritrovato: “Gesto vigliacco”
Monte Spedone, Bozzi e Chiaffarelli firmano “L’amico ritrovato
Monte Spedone, una nuova via ferrata. Il “gigante” corona il sogno
Aggiornamento 7 Febbraio 2019: Paolo Consoli, fidato compagno di cordata di Ivan Guerini, dopo la pubblicazione di questo articolo mi ha inviato una sua testimonianza dell’attività svolta sulle pareti di CalolzioCorte. La riporto qui, estendendo l’invito anche a tutti coloro che vogliono raccontare le proprie esperienze “senza trapano” su queste pareti.

IL SOGNO A OCCHI APERTI DELLA SCALATA ESPLORATIVA – Paolo Consoli – 3 febbraio 2019 A Natale, complice un periodo prolungato di bel tempo e di temperature accettabili, abbiamo passato diversi giorni – Ivan Guerini ed io – ad arrampicare sulle rocce poste giusto sotto la Cappelletta del Corno, in vista della vicinissima Pala dello Spedone, la storica parete di Calolziocorte. Sono piccole, affascinanti pareti protette da una vegetazione tenace e da partenze strapiombanti, dove abbiamo tracciato – Ivan da primo di cordata – poco più di una quindicina di vie, lunghe da 10 a 60 mt. e di difficoltà molto varie, dal III all’VIII. Tutte, al solito e rigorosamente, con protezioni tradizionali – da cordini a chiodi – seguendo fessure strapiombanti, vincendo difficili muri grazie a selci a volte amichevoli, altre volte traditrici, e raggiungendo infine gli alberi di calata e, in un caso, la staccionata della Cappelletta. Tutto questo in cinque giorni, quasi consecutivi, durante i quali la stretta strada che sale da Calolziocorte a Erve mi era diventata tanto familiare, da farmi riconoscere – visto che l’ora era quasi sempre la stessa – il punto in cui sarebbe arrivato il sole che avrebbe illuminato il paesaggio all’improvviso, mentre Ivan mi spiegava con dovizia di particolari le tantissime vie aperte in zona e i progetti che mi avrebbero immancabilmente coinvolto. Una promessa e, forse, una minaccia! Mi è capitato spesso, in trent’anni di salite con Ivan, di esplorare, in modo continuativo zone – nelle Alpi e nelle Prealpi – che finivano per rilevare segreti, come un dono a tanta perseveranza (che noi, scherzando, definivamo piuttosto come pura ottusità): e, insieme, rivelavano nuove prospettive, nuove visuali di paesaggi conosciutissimi, che variavano con la luce, con i profumi delle stagioni. Così come, le rare volte in cui siamo tornati dopo anni in quelle zone, era con emozione che riconoscevo luoghi, rammentavo particolari che credevo dimenticati, risvegliati con un brivido e, spesso, con un filo di malinconia. La stessa malinconia che accompagnava la conclusione dell’esplorazione di una zona, quando le vie logiche più naturali erano state salite, e si tornava per l’ultima volta con la convinzione che non saremmo più tornati e, che se ciò fosse accaduto, non sarebbe stata più la stessa cosa. Ne abbiamo parlato anche quando, uno degli ultimi giorni dell’anno, stavamo percorrendo per l’ultima (?) volta il sentierino che, dalla Cappelletta riporta ad Erve: ero rilassato, stanco, mentre davanti a me il sole illuminava il Resegone – con quella visuale nascosta a chi lo vede abitualmente dai Piani d’Erna, o dalla pianura. Contrastava, quell’immagine infuocata dell’ultimo sole, con il freddo umido che saliva dai boschi ripidissimi, sopra e sotto di noi, verso la strada che porta a Calolziocorte. Nella mia mente, ora, si confondevano gli itinerari di quei giorni, le vie che tentavo di mettere in ordine: dalle più brevi e difficili, boulder che portavano a pilastri verticali che si esaurivano in boschi non meno ripidi, a pochi passi dal sentiero, alle più lunghe: placche articolate, in parte sepolte da una vegetazione arrabbiata, muri bianchi solcati da selci, fessure e diedrini interrotti da alberelli fortissimi, oppure morti. Così, pian piano, prendeva forma la struttura di quelle pareti così piccole e complesse, illusorie nella lunghezza degli itinerari, come della loro reale pendenza. Rimanevano, indelebili, i flash dei passaggi più azzardati, delle partenze difficili, dei traversi delicati su vene di selci, tanto belle a vedersi quanto ingannevoli; e quel senso di incertezza che derivava dalla costante attenzione al singolo appiglio che caratterizza l’apertura di una via, anche per un secondo di cordata. Una particolare sensibilità che – avevo capito negli anni – si consolida nel tempo, si sviluppa e si affina al massimo grado nell’apertura di itinerari, alla ricerca delle linee di salita naturali. Così, mentre da solo risalivo il sentierino che porta alla Cappelletta, riflettevo, per l’ennesima volta, sull’”onestà” di quel modo di salire, verso la montagna e verso se stessi, perché rispettava i limiti di entrambi. E mentre risalivo il sentiero che portava alla Cappella, passavo accanto alle vie percorse, ai pochissimi cordini che rammentavano i passaggi più duri, o semplicemente più belli, finché il mio sguardo cadde sulla Pala dello Spedone, che in quel momento mi pareva mutare di colore, all’imbrunire.
valassina95
 
Messaggi: 112
Iscritto il: mer set 24, 2014 9:51 am

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda giorgiolx » mer feb 13, 2019 0:40 am

Vero...frequento il lecchese da 13 anni ma tutti chiamiamo la fraccia "la piccola valle dell'orco lombarda"....ma daii...già chiamare gli spit...infissi geologici è incommentabile....

Almeno parlate potabile...quindi sei stato te...ok...tbravo mona..


Dov!eri quando.hanno fittonato la cassin in medale
vado a uccidere il frigorifero che mi sta fissando

Klaatu, Barada, Nikto!
Avatar utente
giorgiolx
 
Messaggi: 13845
Images: 67
Iscritto il: gio ago 09, 2007 17:10 pm
Località: 1060 West Addison

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda Danilo » mer feb 13, 2019 9:04 am

giorgiolx ha scritto:

....Dov!eri quando.hanno fittonato la cassin in medale



stava passando per un villaggio e la gente si mise a maltrattarlo. usarono tutte le parole più insultanti che conoscevano, le più pesanti. medale rimase fermo, ascoltando in silenzio, con grande attenzione, e poi dichiarò: 'grazie per essere venuti da me, ma purtroppo vado di fretta. devo andare nel villaggio vicino, dove mi stanno aspettando. non posso dedicarvi del tempo oggi, ma domani quando ripasserò di qui, avrò più tempo. vi potete riunire di nuovo, e se avrete ancora qualcosa da fare che non siete riusciti a dire oggi, potrete farlo. ma oggi dovete scusarmi'.
quella gente non riusciva a credere ai suoi occhi e alle sue orecchie: questo roccione era rimasto completamente imperturbabile, impassibile. uno di loro chiese: 'forse non ci hai sentito? ti abbiamo violentato più che potevamo, e tu non hai nemmeno risposto!'
lui replicò: 'se volevate una risposta, siete arrivati troppo tardi. dovevate venire dieci anni fa, e allora vi avrei risposto. ma in questi dieci anni ho smesso di essere manipolato dagli altri. non sono più uno schiavo, sono padrone di me stesso. agisco secondo il mio essere, non quello di qualcun altro. agisco in base ai miei bisogni interiori. non potere costringermi a fare qualcosa. va benissimo: volevate insultarmi e lo avete fatto! sentitevi pure soddisfatti. avete fatto il vostro lavoro a perfezione. ma per quanto mi riguarda, non accetto i vostri insulti e, se io non li accetto, non hanno alcun significato'.
quando qualcuno ti insulta, tu devi essere pronto a riceverlo, devi accettare ciò che dice; solo allora puoi reagire. ma se non accetti, se rimani distaccato, se tieni le distanze, se rimani freddo, cosa possono fare?
medale disse: 'puoi gettare una torcia accesa nel fiume. rimarrà accesa finché non cade nel fiume. In quel momento, il fuoco si estingue, il fiume lo raffredda. Io sono diventato un fiume. getta pure i tuoi insulti su di me. quando li getti sono fuoco, ma nel momento in cui arrivano da me, nella mia freddezza, il fuoco si spegne. non fanno più male. getti delle spine, ma quando cadono nel mio silenzio diventano fiori. Io agisco solo in base alla mia natura intrinseca'.
il forum è morto
Avatar utente
Danilo
 
Messaggi: 7233
Images: 61
Iscritto il: gio lug 26, 2007 17:44 pm

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda il Duca » mer feb 13, 2019 9:16 am

Danilo ha scritto:medale disse: 'puoi gettare una torcia accesa nel fiume. rimarrà accesa finché non cade nel fiume. In quel momento, il fuoco si estingue, il fiume lo raffredda. Io sono diventato un fiume. getta pure i tuoi insulti su di me. quando li getti sono fuoco, ma nel momento in cui arrivano da me, nella mia freddezza, il fuoco si spegne. non fanno più male. getti delle spine, ma quando cadono nel mio silenzio diventano fiori. Io agisco solo in base alla mia natura intrinseca'.


Questa mi è piaciuta davvero
http://www.respirodelvento.blogspot.com

RACCONTI DI GHIACCIO E ROCCIA

"nel muoversi in montagna guardate alle capre prima che alle scimmie" crodaiolo
Avatar utente
il Duca
 
Messaggi: 3724
Images: 12
Iscritto il: lun ago 24, 2009 17:35 pm
Località: Conca dei Giganti

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda crodaiolo » mer feb 13, 2019 10:00 am

il medale e.morto
inciampa piuttosto che tacere
e domanda piuttosto che aspettare
...
alla fine, è solamente un gioco
a cui a volte tendiamo a dare troppa importanza.
crodaiolo
 
Messaggi: 4346
Images: 894
Iscritto il: lun apr 14, 2008 23:41 pm
Località: bassa comasca

Re: 2019...ancora no spit.

Messaggioda funkazzista » mer feb 13, 2019 13:31 pm

E quelli che si vantano di non aver mai piantato uno spit in vita loro... ma vanno a fare le vie a spit?!?
:smt043 :smt044 :smt081 :smt082


:smt102
funkazzista
 
Messaggi: 7700
Images: 10
Iscritto il: mar giu 28, 2011 16:03 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Rock General

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.