Vive la Wallonie!

Spazio per messaggi e discussioni a tema libero.

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda mfg » gio ott 27, 2016 17:38 pm

mfg
 
Messaggi: 139
Iscritto il: gio giu 11, 2015 16:41 pm

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda tacchinosfavillantdgloria » gio ott 27, 2016 22:40 pm

Perlomeno la Vallonia ha avuto il merito di far parlare della questione.

Altrimenti avremmo continuato a vedere prime pagine occupate per settimane da temi fondamentali come l'abolizione del CNEL, e queste cose sarebbero passate del tutto inosservate, dopo essere state discusse "a porte chiuse".

Secretati saluti
TSdG
In nihil ab nihilo quam cito recidimus.

http://www.sollevamenti.org
Avatar utente
tacchinosfavillantdgloria
 
Messaggi: 4994
Iscritto il: gio set 18, 2008 19:08 pm
Località: oderzo

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda Achille_piè_veloce » ven ott 28, 2016 12:53 pm

A proposito di TPP.

Why is the TPP so controversial?

This is an important question. And the answer reflects a larger paradox we're facing today – including some misconceptions about the effects of globalization, technology, past trade agreements, as well as some misunderstandings about the Trans-Pacific Partnership itself.

Let’s start by taking a step back. As I’ve said before, for all the gloom and doom you hear every day, the truth is that if you could choose any time and place to be alive, you would pick right here, right now, in America. We are living through the most peaceful and most prosperous era in human history. And trade has been an important part of that progress – technology and innovation, driven by global demand and supply chains that have emerged in recent decades, have delivered tremendous benefits across America. Expanded trade has helped us afford devices that are more powerful than supercomputers that filled entire rooms a generation ago – but today fit in our pockets. And expanded trade since World War II has put more than $10,000 per year in additional income in American families' pockets.

But for many, it might not feel that way. Even before the financial crisis hit in 2007, we’d experienced decades of sluggish income growth for the middle class. While automation, technology, and the global marketplace allowed many entrepreneurs and business owners to earn more by selling high-tech products to a broader pool of consumers, those same forces also undercut other Americans. Wages stagnated. Companies produced more goods with fewer workers. And communities saw factories close down and jobs move overseas. So it's not hard to see why many Americans are anxious about their economic futures.

Unfortunately, in the current political season, some folks are exploiting that anxiety for political gain. Folks are promising to fix our problems by walling ourselves off from the outside world – withdrawing from international institutions, shutting down immigration, and yes, blocking a trade agreement.

But if the past two decades have taught us anything, it’s that the biggest challenges we face can’t be solved in isolation. We live in an age of global supply chains, cargo ships that crisscross oceans, and online commerce that can render borders obsolete. The answer isn’t to stop trading with other countries – in this global economy that’s not even possible. The answer is to do trade the right way, by negotiating with other countries so that they raise their labor and environmental standards; to make sure they don’t impose unfair tariffs on American goods or steal our intellectual property. That’s how we make sure international rules are consistent with our values, including human rights. That’s how we get better wages. That’s how we help our workers compete on a level playing field.

And that’s exactly what TPP does. It puts in place the highest standards in history. It supports American businesses – large and small, manufacturing and service, brick-and-mortar and online – by simplifying customs regulations and eliminating more than 18,000 taxes that other countries place on our goods. It stands up for American workers, by stopping other countries from providing unfair subsidies to their government-owned businesses. It reflects our values – from requiring a minimum wage and prohibiting child labor to combating illegal fishing and wildlife trafficking, this trade agreement ensures that we're the ones writing the rules of trade in the 21st century. And all these standards are enforceable – if a country violates these rules, we can hit them with tough sanctions.

Perhaps most importantly, this agreement comes at a critical time. Trade and trade agreements in Asia are going to happen whether TPP passes or not. In fact, China is currently working on its own trade agreement with the region, one that almost certainly won’t hold countries up to the same high standards as we fought for in the TPP.

So the question is: Do we want that trade to be driven by American rules and American values? Or do we want the rules of the road written without us? Because failing to pass TPP would mean that U.S. exporters get squeezed out of Asia and some of the millions of American workers whose jobs are supported by exports to this region could find their jobs at risk.

So this is about our prospects here at home, and a test of our leadership around the globe. It's not a Republican agreement or a Democratic agreement, it's a bipartisan agreement that puts America first. In fact, I think Ohio Governor John Kasich, a Republican who by no means agrees with me on everything, makes the case well:

Our economy is changing rapidly, and that’s not going to change. So we have a choice: We can choose to turn inward and wall ourselves off from the outside world. Or, we can make this change work for us. We can lead the world with our values and harness the potential of the 21st century for the good of our workers, our businesses, and our country. That’s what the TPP does.

And you can take a look for yourself – everything that’s in the agreement is right here. https://medium.com/the-trans-pacific-partnership

edit: ho postato prima di averlo letto perché non avevo tempo, adesso l'ho letto e devo dire che è propaganda e basta, pensavo fosse un articolo più tecnico.
Concordo sulla parte in neretto, il resto mi sembra un discorso da comizio. Non a caso è opera di Obama.
Achille_piè_veloce
 
Messaggi: 893
Iscritto il: gio nov 19, 2015 12:50 pm

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda Sbob » dom ott 30, 2016 19:44 pm

Sarà da comizio ma il discorso è serio. Dobbiamo cercare di rendere più forte possibile il blocco occidentale se vogliamo reggere il confronto con l'oriente.
Avatar utente
Sbob
 
Messaggi: 6825
Images: 2
Iscritto il: ven set 14, 2007 12:49 pm

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda Achille_piè_veloce » dom ott 30, 2016 20:26 pm

Sbob ha scritto:Sarà da comizio ma il discorso è serio. Dobbiamo cercare di rendere più forte possibile il blocco occidentale se vogliamo reggere il confronto con l'oriente.

Mi riferivo al discorso di Obama in sé, la questione è decisamente importante nel merito.
Achille_piè_veloce
 
Messaggi: 893
Iscritto il: gio nov 19, 2015 12:50 pm

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda sergio-ex63-ora36 » mar gen 22, 2019 16:20 pm

interessante puntata di "presa diretta" sui rai 3 ieri sera...secondo tutti gli operatori dell'agroalimentare italiano intervistati, grazie al CETA e all'abbattimento dei dazi, nell'ultimo anno esportazioni aumentate verso il canada dal 10 al 50 %...aumenti anche per i prodotti non compresi nell'elenco delle dop riconosciute...

"...Secondo i dati canadesi, l’Italia ha esportato più di 7 miliardi di dollari di prodotti, l’11,3 per cento in più dell’anno precedente..."

qui dati analoghi...https://quifinanza.it/finanza/guadagno-italia-accordo-ceta/251146/

ovviamente il sottosegretario italiano intervistato...(lui non è radical schic ma la sciarpetta fica l'aveva...) naturalmente si riserva di approfondire, con calma, il bilancio costi benefici... :mrgreen:
Avatar utente
sergio-ex63-ora36
 
Messaggi: 2591
Images: 22
Iscritto il: mar apr 25, 2006 0:58 am
Località: Giudicarie (TN)

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda scairanner » mar gen 22, 2019 17:05 pm

Nonostante il grande svantaggio economico che ne sta traendo, il Canada sarebbe ben lieto di ratificare il CETA, poiché è negli interessi della loro nazione diversificare le esportazioni

Ma questi sono dei santi! Nobel per la pace subito!
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4477
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda Sbob » mar gen 22, 2019 17:33 pm

Leggere una frase fino in fondo no, vero?
Avatar utente
Sbob
 
Messaggi: 6825
Images: 2
Iscritto il: ven set 14, 2007 12:49 pm

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda scairanner » mar gen 22, 2019 19:53 pm

Since CETA, export of pharmaceuticals to Italy have increased by 99.1%, primarily due to the export of medicaments.

https://www.international.gc.ca/gac-amc ... ang=eng#15

Non so se sia un bene o un male, di certo è un dato che fa riflettere.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4477
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda Sbob » mer gen 23, 2019 10:25 am

Un accordo commerciale ha lo scopo di far cadere le barriere alle frontiere, per cui e' normale che per alcune merci cresca lo scambio, magari anche drasticamente. Il dato dell'incremento dei prodotti farmaceutici non mi pare nulla di sbalorditivo, il settore farmaceutico italiano ha un fatturato di 30 miliardi di dollari, quindi siamo all'1% del fatturato italiano (quanto poi valga il mercato italiano non lo so, ma immagino sia ben piu' del fatturato).

Insomma, un dato cosi' non dice nulla.
Avatar utente
Sbob
 
Messaggi: 6825
Images: 2
Iscritto il: ven set 14, 2007 12:49 pm

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda scairanner » mer gen 23, 2019 14:21 pm

http://www.centrostudi-italiacanada.it/ ... resse-112/

http://www.infomercatiesteri.it/scambi_ ... d_paesi=39

A questi link si trovano dati discordanti rispetto al precedente. Nel primo inseriscono il farmaceutico in "altri" e le percentuali riferite alle singole voci sono piuttosto diverse, nel secondo i dati di import del settore parlano di 40 mln di € per il 2017 quando nel precedente i dati salgono (fatto il cambio dollaro canadese/euro) a 484 mln di euro, non noccioline. Non capisco il motivo di dati così differenti. Certo il periodo di riferimento cambia, ma non di molto, almeno non tanto da giustificare questa enorme differenza.

Dati più aggiornati, a conferma delle centinaia di milioni di euro e non decine.
https://italchamber.qc.ca/canada-italy-trade/

Peccato che tutti si concentrino sul 10% di export ma nessuno accenni al fatto che l'aumento delle importazioni dal Canada valga il 37% , trainato dal farmaceutico che, sempre stando ai dati di novembre, incrementa del 110% le esportazioni rispetto allo stesso periodo del 2017. Mica male, sono quasi 600 milioni di Euro, certo sempre noccioline rispetto ai 22 miliardi di fatturato italiano, http://magazine.imshealth.it/mercato-fa ... -di-iqvia/
hai ragione.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4477
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda Sbob » mer gen 23, 2019 15:05 pm

A guardare il grafico nel link, le curve sono molto fluttuanti, per cui basta scegliere un intervallo di poco diverso per ottenere risultati ampiamente discordanti.
Non capisco perché concentrarsi sul farmaceutico: come dicevo alcuni settori traggono piu' profitto di altri, magari perche' erano quelli con maggiori barriere all'importazione. Se si guarda il complessivo, l'export verso il Canada e' aumentato di ~800 milioni di euro, l'import di 560, si direbbe che ci abbiamo guadagnato.

In ogni caso, mettersi a macinare numeri senza essere competenti del settore è un lavoro abbastanza sterile, soprattutto quando i numeri non portano conclusioni più che evidenti.
Avatar utente
Sbob
 
Messaggi: 6825
Images: 2
Iscritto il: ven set 14, 2007 12:49 pm

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda scairanner » mer gen 23, 2019 15:43 pm

Sbob ha scritto:In ogni caso, mettersi a macinare numeri senza essere competenti del settore è un lavoro abbastanza sterile, soprattutto quando i numeri non portano conclusioni più che evidenti.


Perfetto, infatti non comprendo tutto questo entusiasmo di Sergio, visto che i dati sono in linea con quelli degli anni precedenti alla ratifica, seppure provvisoria, del trattato. Dire che l'aumento è stato dal 10 al 50% non significa nulla.
Allora parlaci della cioccolata, il cui dato è di un +123% , viva il Ceta!
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4477
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: Vive la Wallonie!

Messaggioda Sbob » mer gen 23, 2019 17:41 pm

Diciamo che per ora i risultati sembrano positivi, e nonostante quanto previsto da alcuni, non sono arrivate le cavallette e la pioggia di fuoco e ghiaccio.
Avatar utente
Sbob
 
Messaggi: 6825
Images: 2
Iscritto il: ven set 14, 2007 12:49 pm

Precedente

Torna a Parole in libertà

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.