(Treil) ranning VS clàimbing

Spazio per messaggi e discussioni a tema libero.

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda scairanner » mar ott 02, 2018 13:18 pm

funkazzista ha scritto:E' evidente che la corsa sia molto più semplice da praticare rispetto all'arrampicata, quello che mi incuriosisce è che sembra che la meta dell'attività sia fare le gare.
Sembra che se non si fanno gare non si possa ambire ad essere un Vero Runner™, ma si rimanga un jogger qualunque.

E' così?!?


In fondo grado e tempo sono facce della stessa medaglia, ma mentre le gare di arrampicata sono riservate ai top (d'altra parte x gli altri le classifiche si fanno ad ogni uscita in falesia, ognuno all'interno del proprio clan), e si svolgono in luoghi tristerrimi, nelle gare treil c'è la componente ambientale che da sola vale (almeno x me), un buon 70% della motivazione. Ogni anno scelgo 3/4 trail, non di più, tra quelli che mi ispirano di più e soprattutto dove non ci sia la folla stile Riccione, quindi lungi da me LUT, UTMB ecc.
Poi anche in ambiente trail trovi chi non partecipa mai a gare e chi ne fa una a uichend., recupero permettendo.
C'è anche da aggiungere che dal momento in cui partecipi ad una qualsiasi gara di trail, ti viene affidato un punteggio in base a dei parametri che tengono conto del tempo del vincitore, il tuo, la lunghezza, il dislivello, l'impegno del percorso ecc. e quindi sei schedato, non puoi più barare, quello è il tuo grado e basta :mrgreen:
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4538
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda Mork » mar ott 02, 2018 13:52 pm

il trail running è per quelli scarsi che così possono fare il post e le foto della gara di "corsa" di 80km e n-mila metri di dsl (camminando tutto il percorso) e prendersi un sacco di likes. Quelli forti corrono su le gare di corsa vere.




PS: :twisted: :twisted: :mrgreen: :mrgreen:
Avatar utente
Mork
 
Messaggi: 1300
Iscritto il: ven giu 10, 2005 8:02 am
Località: Südtirol

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda Eionedvx » mar ott 02, 2018 13:53 pm

funkazzista ha scritto:Non ho capito.
Cosa dipende dalla qualità delle ginocchia?

Che se c'hai problemi, il trail non riesci a praticarlo senza farti più male di quello che già hai
Talk less, climb more.

http://vitaverticale.blogspot.it/
Avatar utente
Eionedvx
 
Messaggi: 3178
Images: 0
Iscritto il: gio nov 27, 2014 15:01 pm
Località: Monselice

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda crodaiolo » mar ott 02, 2018 14:08 pm

Eionedvx ha scritto:
funkazzista ha scritto:Non ho capito.
Cosa dipende dalla qualità delle ginocchia?

Che se c'hai problemi, il trail non riesci a praticarlo senza farti più male di quello che già hai

sta cercando di darti ad intendete
che
seghe si nasce
inciampa piuttosto che tacere
e domanda piuttosto che aspettare
...
alla fine, è solamente un gioco
a cui a volte tendiamo a dare troppa importanza.
crodaiolo
 
Messaggi: 4329
Images: 894
Iscritto il: lun apr 14, 2008 23:41 pm
Località: bassa comasca

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda funkazzista » mar ott 02, 2018 15:25 pm

Rampegon ha scritto:
funkazzista ha scritto:E' evidente che la corsa sia molto più semplice da praticare rispetto all'arrampicata, quello che mi incuriosisce è che sembra che la meta dell'attività sia fare le gare.
Sembra che se non si fanno gare non si possa ambire ad essere un Vero Runner™, ma si rimanga un jogger qualunque.

E' così?!?


Non è tanto più semplice se la vuoi praticare bene e su distanze ragguardevoli...o con tempi degni..

Forse c'è un equivoco.
Con "semplice" non intendo certo "facile".
Intendo che ci sono meno complicazioni: si può correre praticamente ovunque, bastano un paio di scarpe, si può praticare/allenarsi partendo già dall'uscio di casa o da quello del lavoro, ecc. ecc.
Praticare l'arrampicata è un po' più complesso.

Certo, al crescere del livello tutto si complica, ma mi sembra che sia così per tutto.

Rampegon ha scritto:
Sembra che se non si fanno gare non si possa ambire ad essere un Vero Runner™, ma si rimanga un jogger qualunque.


mi par na scemenza..)

Anche per me è una scemenza, ma è quello che percepisco dall'ambiente... per quello chiedevo a chi è più addentro di me.
funkazzista
 
Messaggi: 7502
Images: 10
Iscritto il: mar giu 28, 2011 16:03 pm

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda funkazzista » mar ott 02, 2018 15:33 pm

scairanner ha scritto:
funkazzista ha scritto:E' evidente che la corsa sia molto più semplice da praticare rispetto all'arrampicata, quello che mi incuriosisce è che sembra che la meta dell'attività sia fare le gare.
Sembra che se non si fanno gare non si possa ambire ad essere un Vero Runner™, ma si rimanga un jogger qualunque.

E' così?!?


In fondo grado e tempo sono facce della stessa medaglia, ma mentre le gare di arrampicata sono riservate ai top (d'altra parte x gli altri le classifiche si fanno ad ogni uscita in falesia, ognuno all'interno del proprio clan), e si svolgono in luoghi tristerrimi, nelle gare treil c'è la componente ambientale che da sola vale (almeno x me), un buon 70% della motivazione. Ogni anno scelgo 3/4 trail, non di più, tra quelli che mi ispirano di più e soprattutto dove non ci sia la folla stile Riccione, quindi lungi da me LUT, UTMB ecc.
Poi anche in ambiente trail trovi chi non partecipa mai a gare e chi ne fa una a uichend., recupero permettendo.
C'è anche da aggiungere che dal momento in cui partecipi ad una qualsiasi gara di trail, ti viene affidato un punteggio in base a dei parametri che tengono conto del tempo del vincitore, il tuo, la lunghezza, il dislivello, l'impegno del percorso ecc. e quindi sei schedato, non puoi più barare, quello è il tuo grado e basta :mrgreen:

No, OK, ciascuno avrà i suoi motivi per cui sceglie di fare o no le gare... non è questo il punto.

A me SEMBRA, da fuori, che nell'ambiente del running chi NON fa gare sia guardato un po' come vengono guardati i plasticari (del_cazzo :mrgreen: ) dai falesisti DOC, o come viene guardato chi fa solo falesia dagli Alpinisti DOC.

E' così o e è solo una mia errata percezione?
funkazzista
 
Messaggi: 7502
Images: 10
Iscritto il: mar giu 28, 2011 16:03 pm

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda Eionedvx » mar ott 02, 2018 15:36 pm

crodaiolo ha scritto:
Eionedvx ha scritto:
funkazzista ha scritto:Non ho capito.
Cosa dipende dalla qualità delle ginocchia?

Che se c'hai problemi, il trail non riesci a praticarlo senza farti più male di quello che già hai

sta cercando di darti ad intendete
che
seghe si nasce

che
io sono
una sega

Ogni volta che accendo il "new" 650 monociclidrico con la pedivella i santi in paradiso si tappano le orecchie.
Lo stesso ogni volta che scendo per ghiaioni o ghiaccio duro.
Talk less, climb more.

http://vitaverticale.blogspot.it/
Avatar utente
Eionedvx
 
Messaggi: 3178
Images: 0
Iscritto il: gio nov 27, 2014 15:01 pm
Località: Monselice

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda gug » mar ott 02, 2018 16:54 pm

....
Ultima modifica di gug il mar ott 02, 2018 16:59 pm, modificato 1 volta in totale.
"montagne che varcai, dopo varcate, sì grande spazio d'in su voi non pare"

Traguardi Effimeri
Link per raccolta topic del forum
Avatar utente
gug
 
Messaggi: 6126
Images: 75
Iscritto il: ven lug 19, 2002 13:29 pm
Località: Recanati

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda gug » mar ott 02, 2018 16:56 pm

scairanner ha scritto:
paolocar88 ha scritto:Chissà perché la direzione è sempre:

Arrampicata ---> Trail

Raramente il contrario...


Mi stupirei del contrario.
Più invecchi e meno salcazzi vuoi avere.
Il treil è distensivo, rilassante se fatto entro certi limiti, poi comunque se ti prende diventa peggio dell'arrampicata.
Non hai bisogno di un compagno che ti faccia sicura, no gradi, no attrezzatura, no controllo reciproco nodi, se sei stanco torni indietro e non è resting, azzerare è impossibile, lavvista non esiste, no prese segnate, no spit dalla tenuta dubbia e last bat not list puoi mangiare più dolci :mrgreen:


E' vero quello che dici, ma è anche vero che mi sembra che il trail running sia molto impattante per le ginocchia e questo andando avanti peggiora.

giorgiolx ha scritto:io dopo il secondo bambino...non ho assolutamente tempo di arrampicare, soprattutto se i nonni piu vicini sono a 250km ...
se vai in palestra sono almeno 3, 4 ore,
sfalesiate settimaneli se abiti vicino ad una falesia comunque sono 3, 4 ore...
se vai un sabato ad arrampicare e' praticamente 7, 8 ore fra viaggio e tutto e se ti bevi un birrino al volo....

se invece vai a correre ...1 ora e mezza sono gia un bel andare e quando hai finito...una doccia e sei pronto :roll:

semplicemente questione di tempo


Infatti è quello che io ho sempre sostenuto: l'arrampicata, anche solo in falesia, richiede molto più tempo, e questo anche se sei vicino alle falesie.
Quando abitavo in Valsugana, anche nella migliore delle ipotesi (falesia più vicina a 15' di auto e in autoassicurazione in modo da non avere tempi morti) per fare una uscita allenante mi ci volevano 3 ore casa-casa. Con un'ora e mezza invece facevo una escursione andata e ritorno con almeno 600 m di dislivello.
"montagne che varcai, dopo varcate, sì grande spazio d'in su voi non pare"

Traguardi Effimeri
Link per raccolta topic del forum
Avatar utente
gug
 
Messaggi: 6126
Images: 75
Iscritto il: ven lug 19, 2002 13:29 pm
Località: Recanati

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda scairanner » mar ott 02, 2018 21:43 pm

funkazzista ha scritto:
scairanner ha scritto:...

No, OK, ciascuno avrà i suoi motivi per cui sceglie di fare o no le gare... non è questo il punto.

A me SEMBRA, da fuori, che nell'ambiente del running chi NON fa gare sia guardato un po' come vengono guardati i plasticari (del_cazzo :mrgreen: ) dai falesisti DOC, o come viene guardato chi fa solo falesia dagli Alpinisti DOC.

E' così o e è solo una mia errata percezione?

No, i plasticari sono una categoria a sè, indifendibile, inguardabile, ininvitabile ai raduni, insopportabile :mrgreen: , in ambito treil c'è talmente tanta gente e il calendario è così pieno che è difficile verificare chi partecipa e chi no, eppoi, sostanzialmente, chissenefrega di quello che fanno gli altri :mrgreen:

Danilo ha scritto:ma nei forum di treil anche lì c'è la sezione materiali :?:
paranoie (leggasi domande_del caz.zo) sulle calzature come da noi :?:
ma poi è una leggenda o è verità Il pericolo di sanguinamento-capezzoli se si usano intimi inadeguati :?:
veramente nuova corrente sportiva o novità nelle nomenclature come il trad :?:


direi che i veri ultraranners sono maniaci dei materiali forse più dei claimbers (non io di certo), l'ultimo argomento di grido riguarda la necessità di offrire maggiore sicurezza alla testa.
Dopo aver reso obbligatorio le frontali per le gare di giorno, le antipioggia quando c'è il sole che spacca le pietre, tra non molto in nome della sicurezza dovremo correre bardati come Goldreik :twisted:
Per i capezzoli, prova a fare una maratona senza proteggerli con del cerotto poi mi racconti; per i trail ci sono meno problemi perchè lo sfregamento è molto minore, poi hai gli spallacci dello zaino che tengono bloccata la maglietta; Piede che dice? :mrgreen:
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4538
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda funkazzista » mer ott 03, 2018 9:40 am

Ma, ma... quindi nel ranning è tutto bello, sono tutti bravi, non ci sono discussioni inutili e infinite su questioni etiche e/o sul sesso degli angeli, ecc. ecc. ?!?

Che palle! :evil:
Preferisco il clàimbing :lol:
funkazzista
 
Messaggi: 7502
Images: 10
Iscritto il: mar giu 28, 2011 16:03 pm

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda scairanner » mer ott 03, 2018 9:49 am

funkazzista ha scritto:Ma, ma... quindi nel ranning è tutto bello, sono tutti bravi, non ci sono discussioni inutili e infinite su questioni etiche e/o sul sesso degli angeli, ecc. ecc. ?!?

Che palle! :evil:
Preferisco il clàimbing :lol:


In effetti manca un catalizzatore come spit sì spit no, ma ci si va vicino con bastoncini sì bastoncini no :lol:
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4538
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda PIEDENERO » mer ott 03, 2018 10:56 am

Dopo gli interventi del capo ranner è difficile aggiungere qualcosa di interessante a questo 3d che mi è stato rubato :lol:

Agosto 2017, in mansarda è tutto pronto: materiale già diviso in tre per l'avvicinamento, cibo e abbigliamento; le fotocopie delle relazie sono fresche di stampa e fa un caldo di merda.
Mi siedo sul materasso ai piedi della micro parete bulder, controllo tutto poi mi sdraio. Guardo nel vuoto, manca qualcosa. Manca qualcosa di importante, fondamentale.
Prendo il cell, apro uozzàp, cerco il gruppo all'attacco con l'immagine di Honnold appena uscito dalla sua superimpresa, abbracciato da un claimber.
Digito "ciao ragazzi, siete in due quindi non pacco nessuno, io non vengo, poi vi spiegherò", "in bocca al lupo".
La cosa importante l'ho trovata un secondo prima di scrivere il messaggio, la motivazione. Non me ne frega un beato c***o di fare quella via che avevo in mente da qualche anno. Una bellissima via in montagna, lunga, difficile il giusto e tanto da proteggere nonostante i pochi e nuovi fix.
Mi sono tolto, nel giro di pochi secondi, il tempo di scrivere il messaggio, un peso gigante. Una liberazione :lol: :D, una rinascita?

..... le scarpe da ranner le avevo acquistate l'anno prima e nel giro di pochi mesi sono aumentate di numero e nello scaffale, nel giro di qualche mese, hanno sostituito quelle da climber :lol:

... continua...
Avatar utente
PIEDENERO
 
Messaggi: 7256
Images: 4
Iscritto il: gio set 22, 2011 18:26 pm
Località: Sodor

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda Achille_piè_veloce » mer ott 03, 2018 11:34 am

PIEDENERO ha scritto:Dopo gli interventi del capo ranner è difficile aggiungere qualcosa di interessante a questo 3d che mi è stato rubato :lol:

Agosto 2017, in mansarda è tutto pronto: materiale già diviso in tre per l'avvicinamento, cibo e abbigliamento; le fotocopie delle relazie sono fresche di stampa e fa un caldo di merda.
Mi siedo sul materasso ai piedi della micro parete bulder, controllo tutto poi mi sdraio. Guardo nel vuoto, manca qualcosa. Manca qualcosa di importante, fondamentale.
Prendo il cell, apro uozzàp, cerco il gruppo all'attacco con l'immagine di Honnold appena uscito dalla sua superimpresa, abbracciato da un claimber.
Digito "ciao ragazzi, siete in due quindi non pacco nessuno, io non vengo, poi vi spiegherò", "in bocca al lupo".
La cosa importante l'ho trovata un secondo prima di scrivere il messaggio, la motivazione. Non me ne frega un beato c***o di fare quella via che avevo in mente da qualche anno. Una bellissima via in montagna, lunga, difficile il giusto e tanto da proteggere nonostante i pochi e nuovi fix.
Mi sono tolto, nel giro di pochi secondi, il tempo di scrivere il messaggio, un peso gigante. Una liberazione :lol: :D, una rinascita?

..... le scarpe da ranner le avevo acquistate l'anno prima e nel giro di pochi mesi sono aumentate di numero e nello scaffale, nel giro di qualche mese, hanno sostituito quelle da climber :lol:

... continua...

.fa. i.racconti. come.il. nonno.

e.rinasce.
Achille_piè_veloce
 
Messaggi: 904
Iscritto il: gio nov 19, 2015 12:50 pm

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda Mork » mer ott 03, 2018 13:36 pm

funkazzista ha scritto:No, OK, ciascuno avrà i suoi motivi per cui sceglie di fare o no le gare... non è questo il punto.

A me SEMBRA, da fuori, che nell'ambiente del running chi NON fa gare sia guardato un po' come vengono guardati i plasticari (del_cazzo :mrgreen: ) dai falesisti DOC, o come viene guardato chi fa solo falesia dagli Alpinisti DOC.

E' così o e è solo una mia errata percezione?


io ti posso parlare di gare su strada e poco di trail.
La tua percezioni non è proprio corretta. Le gare si fanno, soprattutto le maratone, ma più che altro viene ormai guardato "male" quello che si allena seriamente per queste gare. Ormai è sempre più diffusa l'idea che "essere runner" significhi correre liberamente senza pensieri e senza ritmi obbligati verso il sole al tramonto in mezzo al cinguettio degli uccellini, e guai a parlare di una tabella di allenamento o di ripetute.
Gente che corre "da ieri" ti viene a spiegare "il vero spirito della corsa" a te che corri da anni.
Infatti io in certe gare mi prendo dei premi di categoria facendo dei tempi che anni fa sarebbero stati considerati men che mediocri (e indubbiamente lo sono), e peraltro il numero dei partecipanti a queste gare è triplicato.

Per usare un paragone arrampicatorio, è come se altri climber guardassero male te che provi un tiro lavorato di (ad esempio) 7b, e che arrampichi da anni, e questi climber avessero cominciato ieri e facessero il 5a ma loro "hanno capito il vero spirito del climbing" e non bisogna tentare niente di più e soprattutto non lavorare i tiri.
Spero che l'esempio sia chiaro.
Avatar utente
Mork
 
Messaggi: 1300
Iscritto il: ven giu 10, 2005 8:02 am
Località: Südtirol

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda gug » mer ott 03, 2018 17:42 pm

Mork ha scritto:
Per usare un paragone arrampicatorio, è come se altri climber guardassero male te che provi un tiro lavorato di (ad esempio) 7b, e che arrampichi da anni, e questi climber avessero cominciato ieri e facessero il 5a ma loro "hanno capito il vero spirito del climbing" e non bisogna tentare niente di più e soprattutto non lavorare i tiri.
Spero che l'esempio sia chiaro.


Beh, ma è quello che accade normalmente! :wink: :lol: :lol: :lol:
"montagne che varcai, dopo varcate, sì grande spazio d'in su voi non pare"

Traguardi Effimeri
Link per raccolta topic del forum
Avatar utente
gug
 
Messaggi: 6126
Images: 75
Iscritto il: ven lug 19, 2002 13:29 pm
Località: Recanati

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda PIEDENERO » mer ott 03, 2018 21:43 pm

Per quel poco che ho capito la questione è più complessa ed è facile cadere nell’errore di pensare che il proprio approccio sia quello giusto, vero autentico. Il concetto di alpinismo per intenderci.
Innanzi tutto la distanza ed il dislivello fanno si che molti partecipino solo per finire la gara a prescindere dai tempi e da quanto la gara è stata corsa o camminata. Più le distanze aumentano più il concetto di finisher (colui che finisce la gara) è predominante.
Molti partecipano solo per farsi una corsa in compagnia in posti nuovi, dove l'organizzazione pensa alla logistica e il concorrente si gode il luogo senza stress.
Di solito la competizione è fra i pochi che si contendono il podio ed il resto cerca o di arrivare vivo al traguardo o di arrivarci ben piazzato, a seconda delle proprie aspettative.
La differenza fra gare “corte” e lunghe è abissale. Nelle prime si spinge più che si può nelle seconde bisogna saper dosare le energie nelle varie situazioni, salita e discesa più o meno ripide, in piano, di corsa o camminando. Ai ristori cosa e quanto mangiare.
L’aria che si respira in gara è molto più rilassante di qualsiasi falesia, si scherza e si chiacchiera con gli sconosciuti, ci si incoraggia a vicenda e ci si aiuta in caso di bisogno. Ho aiutato chi era in crisi e sono stato aiutato quando ero in preda a crampi tremendi, ed il cronometro scorre e non si ferma, per capirci.
I forum del trailers sono frequentato da bella gente non da vecchi presuntuosi e saccenti alpinistoidi o FF fighettosi :mrgreen: :mrgreen:
Avatar utente
PIEDENERO
 
Messaggi: 7256
Images: 4
Iscritto il: gio set 22, 2011 18:26 pm
Località: Sodor

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda giorgiolx » mer ott 03, 2018 22:29 pm

PIEDENERO ha scritto:blablabla


Come disse la volpe all'uva
vado a uccidere il frigorifero che mi sta fissando

Klaatu, Barada, Nikto!
Avatar utente
giorgiolx
 
Messaggi: 13838
Images: 67
Iscritto il: gio ago 09, 2007 17:10 pm
Località: 1060 West Addison

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda giorgiolx » mer ott 03, 2018 22:37 pm

Mork ha scritto:...

Boh...L'altro giorno per strada tornando dal lavoro ho incrociato uno bardato di tutto punto con una maglietta con una scritta gigante "5:30" che ho fatto fatica a decifrare...poi ho capito che voleva dire qualcosa tipo il ristretto club di quelli che vanno a 5:30. O qualcosa cosi... e ho pensato...ma porcaputtana
Io quando vado a 5:30 mi vergogno e piango di nascosto in bagno ...
vado a uccidere il frigorifero che mi sta fissando

Klaatu, Barada, Nikto!
Avatar utente
giorgiolx
 
Messaggi: 13838
Images: 67
Iscritto il: gio ago 09, 2007 17:10 pm
Località: 1060 West Addison

Re: (Treil) ranning VS clàimbing

Messaggioda scairanner » mer ott 03, 2018 23:37 pm

giorgiolx ha scritto:
Mork ha scritto:...

Boh...L'altro giorno per strada tornando dal lavoro ho incrociato uno bardato di tutto punto con una maglietta con una scritta gigante "5:30" che ho fatto fatica a decifrare...poi ho capito che voleva dire qualcosa tipo il ristretto club di quelli che vanno a 5:30. O qualcosa cosi... e ho pensato...ma porcaputtana
Io quando vado a 5:30 mi vergogno e piango di nascosto in bagno ...


Io in America ho visto uno con una maglietta con la scritta 5.15c e la faccia di Ondra, che sia la stesssa cosa? :mrgreen:
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4538
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

PrecedenteProssimo

Torna a Parole in libertà

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.