diventare vegetariani

Spazio per messaggi e discussioni a tema libero.

Re: diventare vegetariani

Messaggioda LucaSaetta » gio mar 24, 2016 13:55 pm

Eionedvx ha scritto:
LucaSaetta ha scritto:Noi gli diamo da mangiare ad alcuni le crocchette vegane integrando poi con umido di carne.

Ma allora che senso ha? #-o


Come se io non fumassi ma poi integrassi con il fumo passivo volontario.



Il motivo per cui do crocchette vegane è per non fargli mangiare delle schifezze. Spero, senza fondamento però, che l'umido di carne abbia una qualità migliore, ma in ogni caso integrando con umido di carne la quota di carne che mangiano è molto minore rispetto a mangiare crocchette di carne.

La scelta vegana che porto avanti io è una scelta che rientra in una filosofia politica più ampia di lotta all'oppressione e alla sopraffazione.
Far mangiare vegano ai miei cani sarebbe a mio avviso una imposizione di cui non so le implicazioni salutistiche fino in fondo.
D'altro canto anche l'idea in se di animali domestici e dell'addomesticamento è un argomento criticabile.
Sicuramente l'alimentazione dei cani è una linea di confine che porta a delle contraddizioni, ma se non si parte dal presupposto di dover accettare le proprie contraddizioni il rischio di diventare dei fanatici è molto alto.
Avatar utente
LucaSaetta
 
Messaggi: 282
Images: 4
Iscritto il: mer ago 22, 2012 14:53 pm
Località: Torino

Re: diventare vegetariani

Messaggioda scairanner » gio mar 24, 2016 13:57 pm

A proposito dei cani vegani come i loro padroni, trovo assurdo il ragionamento per cui il cane è onnivoro, non ha più bisogno di procurarsi il cibo, quindi decido io cosa dargli da mangiare. Bene, allora non chiamiamolo più "cane" ma troviamogli un nome più consono a questa creatura che stiamo modellando a nostra immagine e somiglianza. "Ma le analisi dicono che godono di ottima salute".
Certo, tra dargli scarti realizzati non si sa bene come e cibo vegano di ottima qualità non c'è paragone, prova a dargli carne non dico di ottima qualità ma almeno decente, poi chiedi al cane cosa preferisce, meglio, presentagli le due ciotole e vediamo dove l'istinto animale lo indirizza.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4957
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: diventare vegetariani

Messaggioda Eionedvx » gio mar 24, 2016 14:13 pm

LucaSaetta ha scritto:D'altro canto anche l'idea in se di animali domestici e dell'addomesticamento è un argomento criticabile.

D'altro canto, il cane è un'evoluzione addomesticata del lupo.
Il cane è nato come animale domestico.
E il cane È carnivoro per natura.

LucaSaetta ha scritto:Sicuramente l'alimentazione dei cani è una linea di confine

Ecco, questo passo non capisco.
Dov'è il confine?
Il confine tra imposizione umana e natura?
scairanner ha scritto:prova a dargli carne non dico di ottima qualità ma almeno decente, poi chiedi al cane cosa preferisce, meglio, presentagli le due ciotole e vediamo dove l'istinto animale lo indirizza.


Esatto!
Il mio cane ha ormai dodici anni, ha sempre, dico sempre, mangiato carne di buona qualità (ci sarà crisi, ma quello che compriamo per noi deve essere di buona qualità) e carne di casa (ah, il nonno 8) ) e non ha mai avuto nulla.
Zero totale. E se volete vi mando pure tutte le visite veterinarie.
Talk less, climb more.

http://vitaverticale.blogspot.it/
Avatar utente
Eionedvx
 
Messaggi: 3310
Images: 0
Iscritto il: gio nov 27, 2014 15:01 pm
Località: Monselice

Re: diventare vegetariani

Messaggioda Laurin » gio mar 24, 2016 14:16 pm

Ma i vegani quando muoiono si reincarnano o si reinverdurano ? :lol: :lol: :lol:
Laurin
 
Messaggi: 124
Iscritto il: mer dic 31, 2014 12:51 pm

Re: diventare vegetariani

Messaggioda Eionedvx » gio mar 24, 2016 14:17 pm

Non so se inchinarmi o prenderti a sassate :mrgreen: :mrgreen: :lol:
Talk less, climb more.

http://vitaverticale.blogspot.it/
Avatar utente
Eionedvx
 
Messaggi: 3310
Images: 0
Iscritto il: gio nov 27, 2014 15:01 pm
Località: Monselice

Re: diventare vegetariani

Messaggioda LucaSaetta » gio mar 24, 2016 15:33 pm

Eionedvx ha scritto:D'altro canto, il cane è un'evoluzione addomesticata del lupo.
Il cane è nato come animale domestico.
E il cane È carnivoro per natura.


Che io sappia il cane è frugivoro

Eionedvx ha scritto:
LucaSaetta ha scritto:Sicuramente l'alimentazione dei cani è una linea di confine

Ecco, questo passo non capisco.
Dov'è il confine?
Il confine tra imposizione umana e natura?


Esatto

scairanner ha scritto:Bene, allora non chiamiamolo più "cane" ma troviamogli un nome più consono a questa creatura che stiamo modellando a nostra immagine e somiglianza.


Il cane è già una creatura modellata secondo i nostri bisogni. Alcuni di loro hanno più spiccato l'istinto della predazione, retaggio ancestrale, ma non so quanto sarebbero in grado di agguantare una preda selvatica, dipende da cane a cane. Ci sono cani che hanno per esempio più spiccato l'istinto della pastorizia e appena vedono un gregge te lo mettono in riga, o l'istinto della difesa e sono molto territoriali.

Andare a dire che la sovradeterminazione nell'ambito della alimentazione non vada bene, ma la sovradeterminazione per esempio nella gestione degli spazi e dei rapporti con altri animali sì rischia di essere contraddittorio. Se però non ci fosse sovradeterminazione non sarebbe più domestico, ma selvatico, che forse sarebbe anche meglio, salvo poi non vedere di buon grado branchi di cani rinselvatichiti.
Avatar utente
LucaSaetta
 
Messaggi: 282
Images: 4
Iscritto il: mer ago 22, 2012 14:53 pm
Località: Torino

Re: diventare vegetariani

Messaggioda Eionedvx » gio mar 24, 2016 15:58 pm

LucaSaetta ha scritto:
Eionedvx ha scritto:D'altro canto, il cane è un'evoluzione addomesticata del lupo.
Il cane è nato come animale domestico.
E il cane È carnivoro per natura.


Che io sappia il cane è frugivoro



Il cane è carnivoro MA è in grado di adattarsi ad una dieta ad ampio raggio, e non dipende da una dieta a base di proteine animali né da un livello molto elevato di proteine, al fine di adempiere alla sua esigenza alimentare.
Talk less, climb more.

http://vitaverticale.blogspot.it/
Avatar utente
Eionedvx
 
Messaggi: 3310
Images: 0
Iscritto il: gio nov 27, 2014 15:01 pm
Località: Monselice

Re: diventare vegetariani

Messaggioda Danilo » gio mar 24, 2016 18:36 pm

scairanner ha scritto:...Certo, tra dargli scarti realizzati non si sa bene come e cibo vegano di ottima qualità non c'è paragone, prova a dargli carne non dico di ottima qualità ma almeno decente, poi chiedi al cane cosa preferisce, meglio, presentagli le due ciotole e vediamo dove l'istinto animale lo indirizza.

sottovoce neh...probabile che mi sbagli ma credo che si indirizzi naturalmente dalla stessa parte che s'indirizzerebbe un neonato umano di pochi mesi con le sue pappine/omogenizzati/brodaglie per senza denti :smt102

ok ok sparisco subito da sto topic,ho messo il becco solo perchè s'è iniziato a parlar di cani.giuro...
il forum è morto
Avatar utente
Danilo
 
Messaggi: 7353
Images: 61
Iscritto il: gio lug 26, 2007 17:44 pm

Re: diventare vegetariani

Messaggioda sergio-ex63-ora36 » gio mar 24, 2016 19:27 pm

LucaSaetta ha scritto:
...


Il cane è già una creatura modellata secondo i nostri bisogni. Alcuni di loro hanno più spiccato l'istinto della predazione, retaggio ancestrale, ma non so quanto sarebbero in grado di agguantare una preda selvatica, dipende da cane a cane. Ci sono cani che hanno per esempio più spiccato l'istinto della pastorizia e appena vedono un gregge te lo mettono in riga, o l'istinto della difesa e sono molto territoriali.

Andare a dire che la sovradeterminazione nell'ambito della alimentazione non vada bene, ma la sovradeterminazione per esempio nella gestione degli spazi e dei rapporti con altri animali sì rischia di essere contraddittorio. Se però non ci fosse sovradeterminazione non sarebbe più domestico, ma selvatico, che forse sarebbe anche meglio, salvo poi non vedere di buon grado branchi di cani rinselvatichiti.


questo vale anche per tutti gli animali domestici...le mucche, le galline ecc. o no? hanno un "senso" senza essere domestici?

a parte il discorso su come vengono allevati, e su questo son "vegano" anch'io...non capisco come si possa "sfruttare" le qualità domestiche di un cane o un gatto e non quelle di una mucca...ribadisco allevati "bene"...certe mucche che vedo nei prati sotto casa (e in estate in malga...) e di cui spero di bere il latte, vivono sicuramente meglio della maggioranza dei cani di città... :wink:
Avatar utente
sergio-ex63-ora36
 
Messaggi: 2597
Images: 22
Iscritto il: mar apr 25, 2006 0:58 am
Località: Giudicarie (TN)

Re: diventare vegetariani

Messaggioda scairanner » gio mar 24, 2016 21:43 pm

LucaSaetta ha scritto:

Il cane è già una creatura modellata secondo i nostri bisogni. Alcuni di loro hanno più spiccato l'istinto della predazione, retaggio ancestrale, ma non so quanto sarebbero in grado di agguantare una preda selvatica, dipende da cane a cane. Ci sono cani che hanno per esempio più spiccato l'istinto della pastorizia e appena vedono un gregge te lo mettono in riga, o l'istinto della difesa e sono molto territoriali.

Andare a dire che la sovradeterminazione nell'ambito della alimentazione non vada bene, ma la sovradeterminazione per esempio nella gestione degli spazi e dei rapporti con altri animali sì rischia di essere contraddittorio. Se però non ci fosse sovradeterminazione non sarebbe più domestico, ma selvatico, che forse sarebbe anche meglio, salvo poi non vedere di buon grado branchi di cani rinselvatichiti.


Infatti, come hai evidenziato anche tu, in taluni casi lasciamo spazio, anzi, valorizziamo il loro istinto naturale; nel caso dell'alimentazione invece mi sembra si stia superando il limite che porta al fanatismo, tutto qui.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 4957
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: diventare vegetariani

Messaggioda LucaSaetta » sab mar 26, 2016 1:39 am

sergio-ex63-ora36 ha scritto:
questo vale anche per tutti gli animali domestici...le mucche, le galline ecc. o no? hanno un "senso" senza essere domestici?

a parte il discorso su come vengono allevati, e su questo son "vegano" anch'io...non capisco come si possa "sfruttare" le qualità domestiche di un cane o un gatto e non quelle di una mucca...ribadisco allevati "bene"...certe mucche che vedo nei prati sotto casa (e in estate in malga...) e di cui spero di bere il latte, vivono sicuramente meglio della maggioranza dei cani di città... :wink:


Un cane è un animale d'affezione mentre una mucca è un animale da reddito. Questa fortissima distinzione, quantomeno occidentale, esiste a livello culturale e giuridico. Negli animali d'affezione lo sfruttamento di alcune capacità dell'animale non umano è un aspetto secondario rispetto al rapporto che si instaura con esso, mentre negli animali da reddito l'unico aspetto esistente è lo sfruttamento.

Non sto giustificando l'esistenza degli animali d'affezione, ma sto dicendo che la critica nei confronti di questa categoria è più articolata rispetto a quella nei confronti dell'esistenza degli animali da reddito.

Non esistono animali allevati "bene", al massimo animali allevati "meglio", ma in ogni caso si tratta sempre di animali sfruttati.
Lo sfruttamento delle mucche per il latte comprende lo stupro sistematico dell'animale attraverso l'inseminazione e la separazione sistematica della madre dal figlio per portarlo al macello, questo di qualsiasi allevamento si tratti.
Che questo possa essere compensato da una vita all'aria aperta non credo si giusto affermarlo.
Avatar utente
LucaSaetta
 
Messaggi: 282
Images: 4
Iscritto il: mer ago 22, 2012 14:53 pm
Località: Torino

Re: diventare vegetariani

Messaggioda sergio-ex63-ora36 » mar mar 29, 2016 17:42 pm

LucaSaetta ha scritto:
sergio-ex63-ora36 ha scritto:
questo vale anche per tutti gli animali domestici...le mucche, le galline ecc. o no? hanno un "senso" senza essere domestici?

a parte il discorso su come vengono allevati, e su questo son "vegano" anch'io...non capisco come si possa "sfruttare" le qualità domestiche di un cane o un gatto e non quelle di una mucca...ribadisco allevati "bene"...certe mucche che vedo nei prati sotto casa (e in estate in malga...) e di cui spero di bere il latte, vivono sicuramente meglio della maggioranza dei cani di città... :wink:


Un cane è un animale d'affezione mentre una mucca è un animale da reddito. Questa fortissima distinzione, quantomeno occidentale, esiste a livello culturale e giuridico. Negli animali d'affezione lo sfruttamento di alcune capacità dell'animale non umano è un aspetto secondario rispetto al rapporto che si instaura con esso, mentre negli animali da reddito l'unico aspetto esistente è lo sfruttamento.

Non sto giustificando l'esistenza degli animali d'affezione, ma sto dicendo che la critica nei confronti di questa categoria è più articolata rispetto a quella nei confronti dell'esistenza degli animali da reddito.

Non esistono animali allevati "bene", al massimo animali allevati "meglio", ma in ogni caso si tratta sempre di animali sfruttati.
Lo sfruttamento delle mucche per il latte comprende lo stupro sistematico dell'animale attraverso l'inseminazione e la separazione sistematica della madre dal figlio per portarlo al macello, questo di qualsiasi allevamento si tratti.
Che questo possa essere compensato da una vita all'aria aperta non credo si giusto affermarlo.


gli animali d'affezione sono una cosa molto recente (salvo per pochi ricchi)...sull'allevare bene o meglio sono d'accordo ma ci metto anche i nostri cani/gatti...
in quanto allo stupro per le mucche cosa mi dici della castrazione dei nostri gatti (e anche cani vedo)?

sempre per comodità umana... :roll:

e comunque uno degli ultimi ricordi di mia madre era rivolto alle mucche che allevava e portava al pascolo da giovane...ci viveva con quelle mucche, le "sfruttava" ma le rispettava e gli voleva bene in modo più equilibrato di tanti animalisti di oggi...quanti padroni di cani ridicoli ci sono in giro (magari anch'io...)...
Avatar utente
sergio-ex63-ora36
 
Messaggi: 2597
Images: 22
Iscritto il: mar apr 25, 2006 0:58 am
Località: Giudicarie (TN)

Re: diventare vegetariani

Messaggioda coniglio » gio mar 31, 2016 18:38 pm

sono sempre più convinto che essere vegetariani non basti in termini di "impegno civile".
affinchè la lotta sia efficace in termini di:
- sostenibilità;
- impronta ecologica;
- impronta idrica;
- tutela dei diritti (di tutti).
- salute;
- lotta alla fame e alle disuguaglianze
è necessaria la scelta Vegan.
imho.

@LucaSaetta:
ti leggo sempre con estremo interesse.
ciao. :D
you must get your living by loving
Avatar utente
coniglio
 
Messaggi: 7100
Iscritto il: lun nov 22, 2010 21:52 pm

Re: diventare vegetariani

Messaggioda tacchinosfavillantdgloria » gio mar 31, 2016 19:03 pm

coniglio ha scritto:sono sempre più convinto che essere vegetariani non basti in termini di "impegno civile".
affinchè la lotta sia efficace in termini di:
- sostenibilità;
- impronta ecologica;
- impronta idrica;
- tutela dei diritti (di tutti).
- salute;
- lotta alla fame e alle disuguaglianze
[b]è necessaria la scelta Vegan.. :D


Probabilmente ciai raggione.

Io, lo confesso, ci ho provato un po' di volte ma non ho avuto abbastanza costanza e determinazione.

È un po' come allenarmi sugli strapiombi: parto in palestra per farli, poi guardo la torre grande da sportler, penso che farò una fatica luia per chiudere un 6a (senza magari riuscirci), e vado a cercare una vietta di diedro per avere soddisfazione senza troppo sforzo.

Certo, se riuscissi a convertirmi al veganesimo, dovrei forzatamente rinunciare al 99% dei dolci, dimagrirei di quattro o cinque chili e verosimilmente guadagnerei almeno un grado. Soprattutto su strapiombo 8)

Ma sarà düra :(

Irresoluti saluti
TSdG

PS in effetti, dovrei anche cambiare banca :P

Ri-saluti
T.
Estou hoje vencido, como se soubesse a verdade.

http://www.sollevamenti.org
Avatar utente
tacchinosfavillantdgloria
 
Messaggi: 5082
Iscritto il: gio set 18, 2008 19:08 pm
Località: oderzo

Re: diventare vegetariani

Messaggioda tacchinosfavillantdgloria » gio mar 31, 2016 19:09 pm

sergio-ex63-ora36 ha scritto:
LucaSaetta ha scritto:
sergio-ex63-ora36 ha scritto:
questo vale anche per tutti gli animali domestici...le mucche, le galline ecc. o no? hanno un "senso" senza essere domestici?

a parte il discorso su come vengono allevati, e su questo son "vegano" anch'io...non capisco come si possa "sfruttare" le qualità domestiche di un cane o un gatto e non quelle di una mucca...ribadisco allevati "bene"...certe mucche che vedo nei prati sotto casa (e in estate in malga...) e di cui spero di bere il latte, vivono sicuramente meglio della maggioranza dei cani di città... :wink:


Un cane è un animale d'affezione mentre una mucca è un animale da reddito. Questa fortissima distinzione, quantomeno occidentale, esiste a livello culturale e giuridico. Negli animali d'affezione lo sfruttamento di alcune capacità dell'animale non umano è un aspetto secondario rispetto al rapporto che si instaura con esso, mentre negli animali da reddito l'unico aspetto esistente è lo sfruttamento.

Non sto giustificando l'esistenza degli animali d'affezione, ma sto dicendo che la critica nei confronti di questa categoria è più articolata rispetto a quella nei confronti dell'esistenza degli animali da reddito.

Non esistono animali allevati "bene", al massimo animali allevati "meglio", ma in ogni caso si tratta sempre di animali sfruttati.
Lo sfruttamento delle mucche per il latte comprende lo stupro sistematico dell'animale attraverso l'inseminazione e la separazione sistematica della madre dal figlio per portarlo al macello, questo di qualsiasi allevamento si tratti.
Che questo possa essere compensato da una vita all'aria aperta non credo si giusto affermarlo.


gli animali d'affezione sono una cosa molto recente (salvo per pochi ricchi)...sull'allevare bene o meglio sono d'accordo ma ci metto anche i nostri cani/gatti...
in quanto allo stupro per le mucche cosa mi dici della castrazione dei nostri gatti (e anche cani vedo)?

sempre per comodità umana... :roll:

e comunque uno degli ultimi ricordi di mia madre era rivolto alle mucche che allevava e portava al pascolo da giovane...ci viveva con quelle mucche, le "sfruttava" ma le rispettava e gli voleva bene in modo più equilibrato di tanti animalisti di oggi...quanti padroni di cani ridicoli ci sono in giro (magari anch'io...)...


La cultura contadina, in effetti, aveva un rapporto con gli animali non propriamente "zoofilo": ma certo era un'altra cosa rispetto agli allevamenti intensivi di oggi.

Però è con questa realtà che dobbiamo fare i conti. Non nutri a bistecche sette miliardi di persone con le mucche al pascolo sui prati di Marcesina.

Quindi alla fine credo che l'alternativa sia solo questa: o scelta vegetariana (o meglio, come dice giustamente il lagomorfo, vegana) o l'orrore della zootecnia industriale.

Tertium non datur. IMHO.

Aristotelici saluti
TSdG
Estou hoje vencido, como se soubesse a verdade.

http://www.sollevamenti.org
Avatar utente
tacchinosfavillantdgloria
 
Messaggi: 5082
Iscritto il: gio set 18, 2008 19:08 pm
Località: oderzo

Re: diventare vegetariani

Messaggioda pesa » gio mar 31, 2016 19:27 pm

tacchinosfavillantdgloria ha scritto:
sergio-ex63-ora36 ha scritto:
LucaSaetta ha scritto:
sergio-ex63-ora36 ha scritto:
questo vale anche per tutti gli animali domestici...le mucche, le galline ecc. o no? hanno un "senso" senza essere domestici?

a parte il discorso su come vengono allevati, e su questo son "vegano" anch'io...non capisco come si possa "sfruttare" le qualità domestiche di un cane o un gatto e non quelle di una mucca...ribadisco allevati "bene"...certe mucche che vedo nei prati sotto casa (e in estate in malga...) e di cui spero di bere il latte, vivono sicuramente meglio della maggioranza dei cani di città... :wink:


Un cane è un animale d'affezione mentre una mucca è un animale da reddito. Questa fortissima distinzione, quantomeno occidentale, esiste a livello culturale e giuridico. Negli animali d'affezione lo sfruttamento di alcune capacità dell'animale non umano è un aspetto secondario rispetto al rapporto che si instaura con esso, mentre negli animali da reddito l'unico aspetto esistente è lo sfruttamento.

Non sto giustificando l'esistenza degli animali d'affezione, ma sto dicendo che la critica nei confronti di questa categoria è più articolata rispetto a quella nei confronti dell'esistenza degli animali da reddito.

Non esistono animali allevati "bene", al massimo animali allevati "meglio", ma in ogni caso si tratta sempre di animali sfruttati.
Lo sfruttamento delle mucche per il latte comprende lo stupro sistematico dell'animale attraverso l'inseminazione e la separazione sistematica della madre dal figlio per portarlo al macello, questo di qualsiasi allevamento si tratti.
Che questo possa essere compensato da una vita all'aria aperta non credo si giusto affermarlo.


gli animali d'affezione sono una cosa molto recente (salvo per pochi ricchi)...sull'allevare bene o meglio sono d'accordo ma ci metto anche i nostri cani/gatti...
in quanto allo stupro per le mucche cosa mi dici della castrazione dei nostri gatti (e anche cani vedo)?

sempre per comodità umana... :roll:

e comunque uno degli ultimi ricordi di mia madre era rivolto alle mucche che allevava e portava al pascolo da giovane...ci viveva con quelle mucche, le "sfruttava" ma le rispettava e gli voleva bene in modo più equilibrato di tanti animalisti di oggi...quanti padroni di cani ridicoli ci sono in giro (magari anch'io...)...


La cultura contadina, in effetti, aveva un rapporto con gli animali non propriamente "zoofilo": ma certo era un'altra cosa rispetto agli allevamenti intensivi di oggi.

Però è con questa realtà che dobbiamo fare i conti. Non nutri a bistecche sette miliardi di persone con le mucche al pascolo sui prati di Marcesina.

Quindi alla fine credo che l'alternativa sia solo questa: o scelta vegetariana (o meglio, come dice giustamente il lagomorfo, vegana) o l'orrore della zootecnia industriale.

Tertium non datur. IMHO.

Aristotelici saluti
TSdG


è apparsa pochi giorni fa la notizia che una ditta, mi pare californiana, abbia prodotto (non ricordo se già anche messo in commercio) la prima carne di manzo di laboratorio. muscolo di manzo cresciuto "in provetta", cioè senza bisogno di avere tutto il manzo. e spergiurano che sia indistinguibile dalla carne vera...

il chè risolverebbe la questione etica. dubito che risolva quella della sostenibilità.

è solo per dire che un tertium, forse, potrebbe essere dato.
pesa
 
Messaggi: 642
Iscritto il: gio mag 09, 2002 9:52 am

Re: diventare vegetariani

Messaggioda Sbob » gio mar 31, 2016 19:33 pm

Teoricamente, la produzione in laboratorio potrebbe essere piu' efficiente di quella nei prati: buona parte dell'energia assunta dalla bestia e' utilizzata per altri fini rispetto alla costruzione del muscolo.

Pero' nella pratica la vedo dura...

E la Fiorentina artificiale voglio vedere se riescono a farla...
Avatar utente
Sbob
 
Messaggi: 6849
Images: 2
Iscritto il: ven set 14, 2007 12:49 pm

Re: diventare vegetariani

Messaggioda al » gio mar 31, 2016 20:16 pm

insomma, l'idea che la gente si voglia nutrire come gli pare e piace, e non come pare e piace a tacchino&friend, proprio non la digerite eh?

e vabbè, siete voi quelli che non leggono il Giornale.

Ma cosa leggi tacchino? Topolino?
al
 
Messaggi: 1276
Images: 17
Iscritto il: mer giu 16, 2004 10:09 am
Località: Torino

Re: diventare vegetariani

Messaggioda tacchinosfavillantdgloria » gio mar 31, 2016 20:24 pm

al ha scritto:
Ma cosa leggi tacchino? Topolino?


Certo! :D

Soprattutto le storie di zio paperone. Da più di quarant'anni.

Disneyani saluti
TSdG
Estou hoje vencido, como se soubesse a verdade.

http://www.sollevamenti.org
Avatar utente
tacchinosfavillantdgloria
 
Messaggi: 5082
Iscritto il: gio set 18, 2008 19:08 pm
Località: oderzo

Re: diventare vegetariani

Messaggioda PIEDENERO » ven apr 01, 2016 17:08 pm

Avatar utente
PIEDENERO
 
Messaggi: 7357
Images: 4
Iscritto il: gio set 22, 2011 18:26 pm
Località: Sodor

PrecedenteProssimo

Torna a Parole in libertà

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 51 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.