Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatorio

Area di discussione a carattere generale sull'arrampicata.

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda Danilo » gio ott 29, 2015 20:06 pm

ma quante vie ci sono di VIII grado così come dice PN ?
il forum è morto
Avatar utente
Danilo
 
Messaggi: 7399
Images: 61
Iscritto il: gio lug 26, 2007 17:44 pm

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda dang » gio ott 29, 2015 20:38 pm

PIEDENERO ha scritto:
dang ha scritto:
PIEDENERO ha scritto:.... (6c per intenderci) su vie poco o mal proteggibili non fixate, sulle quali è meglio non volare?

Non parlo del trad con belle fessure nette ben friendabili, ma di vie ingaggiose.
Giustamente ci si fa le pippe mentali sulle chiodature più o meno lunghe in falesia ma poi tutti questi forti che scalano duro, scalano duro solo in falesia o vie moderne ?
:D così tanto per sapere... :mrgreen:


Io dico solo che esistono anche vie a spit sui quei gradi (e piu' alti) sulle quali se non voli e' meglio. :mrgreen:

Si, certo che esistono. Ma... un tassello è un tassello anche se parecchi m. sotto. Non dico che non siano pericolose, anzi, ma quelle altre.....Eh!

E poi, non cambiare discorso. :roll: :twisted: :wink:


Ah. Eh. Beh.
Io non sono mica buono.
Questa è la cosa che per me più conta.

Le liste le lascio ai fissati del grado! :twisted: :mrgreen:
dang
 
Messaggi: 594
Images: 1
Iscritto il: gio ott 05, 2006 13:56 pm

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda Pié » gio ott 29, 2015 22:58 pm

Per aggiungere "qualche" nome ad est: mitterstainer, dal pra, verri, venturino, panciera, dal pozzo, fontana..
Nelle centrali: libera, rampik, jimeno, pedeferri, della bordella, boscacci..
Ovviamente solo per sentito dire/letto
Ovest?
evviva la burtleina!
Avatar utente
Pié
 
Messaggi: 3484
Images: 33
Iscritto il: mar giu 10, 2003 16:41 pm
Località: migrato in magozia

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda monaco » gio ott 29, 2015 23:47 pm

ad Ovest e' passato Piola'...e dopo di lui, piu'che il diluvio...il sale!
han fatto piazza pulita di 50 anni di alpinismo su roccia, i sudisti, il gruppo di bleau...pure Jean-Michel rinnego' anni di alpinismo eroico e si piego' al dio a batteria.

vie sul VII+ su granito/gneiss in montagna...non a spitti e non in fessura...son da riserva indiana...ma malmessa!
cosi' su due piedi mi vengono in mente le vie di Arnaud Guillaume (vecchia faina degli Ecrins, ancora ben attiva) e Stephane Benoist a bonnepierre o al pic sans nom
oppure roba di gente dell'est ''di passaggio'' a chamonix: No Siesta originariamente gradata VII+ ora si fa in altro modo, non so se il 6C di Manitua e' in fessura o meno.
dicono che la Gabarrou/Bouvard alla Walker sia un bel bastone...
ora, in francia, ci sono un po' di giovani che si dilettano ad aprire cosi'...ma son sempre molto pochi
preferiscono ripetere magari roba dure ex-artif (vedi l'ultima al fou, o la directe des potes alla meije)...con qualche spittino qua e la
lato aosta/piemonte...per quel poco che ne so...Piola e' ancora ''l'unico verbo''
EP-team
monaco
 
Messaggi: 685
Images: 40
Iscritto il: mar gen 10, 2006 12:24 pm
Località: marseille

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda Pié » ven ott 30, 2015 0:11 am

Beh è anche da dire che su granito oltre certe pendenze se non ci sono fessure non è proprio così semplice salire... Tornando un attimo ad est tra gli altri mi ero dimenticato di citare Knez e celva. A proposito di quest'ultimo vale proprio la pena un giro sul tour dolomitiche di beber: al di là delle vie splendide, è un buon modo per provare a capire che livello spaziale ha questa gente che non va mai sulle riviste.
evviva la burtleina!
Avatar utente
Pié
 
Messaggi: 3484
Images: 33
Iscritto il: mar giu 10, 2003 16:41 pm
Località: migrato in magozia

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda joecasello » ven ott 30, 2015 0:17 am

Pié ha scritto:Beh è anche da dire che su granito oltre certe pendenze se non ci sono fessure non è proprio così semplice salire... Tornando un attimo ad est tra gli altri mi ero dimenticato di citare Knez e celva. A proposito di quest'ultimo vale proprio la pena un giro sul tour dolomitiche di beber: al di là delle vie splendide, è un buon modo per provare a capire che livello spaziale ha questa gente che non va mai sulle riviste.


joecasello
 
Messaggi: 80
Iscritto il: lun gen 20, 2014 11:33 am

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda giorgiolx » ven ott 30, 2015 0:55 am

pablo75 ha scritto:e comunque lo quoto sul fatto che la lancetta pende verso oriente.e dai tempi di lomasti e cozzolino.per colpa dell'orogenesi non dei campanilismi :mrgreen:



Ma va...azzo dici..Qui solo a lecco di gente su que livello ce ne sono a decine...

A parte dellabordella...mi viene in mente selva che fino all'8a a chiodi ci va.
....a ovest c'è sicuramente gente fortissima...ho visto io un noto forumista di Torino andare a friends in libera sul "6c"
vado a uccidere il frigorifero che mi sta fissando

Effetti Collaterali A Tutti!!!
Avatar utente
giorgiolx
 
Messaggi: 14021
Images: 68
Iscritto il: gio ago 09, 2007 17:10 pm
Località: 1060 West Addison

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda brando » ven ott 30, 2015 1:17 am

giorgiolx ha scritto:...un noto forumista di Torino...

8O che c.azzo si è messo a fare il Payns?
A volte in montagna l'unica soluzione sono la preghiera o la bestemmia... stessa roba suppergiù

"I believe I can fly, I believe I can touch the sky..." canticchiava uno prima di volare
Avatar utente
brando
 
Messaggi: 3402
Images: 52
Iscritto il: lun mag 28, 2007 18:05 pm
Località: di ritorno all'estremo est...

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda rf » ven ott 30, 2015 8:51 am

giorgiolx ha scritto:
pablo75 ha scritto:e comunque lo quoto sul fatto che la lancetta pende verso oriente.e dai tempi di lomasti e cozzolino.per colpa dell'orogenesi non dei campanilismi :mrgreen:



Ma va...azzo dici..Qui solo a lecco di gente su que livello ce ne sono a decine...

A parte dellabordella...mi viene in mente selva che fino all'8a a chiodi ci va.
....a ovest c'è sicuramente gente fortissima...ho visto io un noto forumista di Torino andare a friends in libera sul "6c"


confermo che solo tra lecco e valtellina su quelle difficoltà ne tiri fuori una fila. In piemonte oggettivamente non saprei, qualcuno c'è, ma non so quanti... Tutti al b-side a tirare tacche e pochi in giro per monti...
rf
 
Messaggi: 1352
Iscritto il: mer ott 25, 2006 18:07 pm
Località: Bovisa

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda gigiDR » ven ott 30, 2015 9:41 am

un amico mio,romagnolo doc,negli ultimi anni si è fatto,Pesce,mephisto , menhir e Loss lei heb schun al sass dla crusc,moulin rouge,rondo veneziano,donna fugata e non so quante altre ancora...
questo per dire che senza citare i nomi noti,di solito altoatesini e comunque del nord,c'è in giro un sacco di gente che fa gradi alti e obbligati senza fare pubblicità
e se andate a vedere quelle vie vedrete che l'obbligatorio è piuttosto elevato
gigiDR
 
Messaggi: 856
Iscritto il: mar lug 08, 2014 14:37 pm
Località: Ravenna

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda robibz » ven ott 30, 2015 10:10 am

Dalle nostre parti ce Simon Gietl e ci sono i fratelli Riegler, per non parlare di Jacopo Larcher, che ormai si è dato all'arrampicata in montagna
It's a long way to the top if you wanna rock'n'roll!!!
Avatar utente
robibz
 
Messaggi: 842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 14:51 pm
Località: Bolzano

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda pablo75 » ven ott 30, 2015 10:34 am

giorgiolx ha scritto:
pablo75 ha scritto:e comunque lo quoto sul fatto che la lancetta pende verso oriente.e dai tempi di lomasti e cozzolino.per colpa dell'orogenesi non dei campanilismi :mrgreen:



Ma va...azzo dici..Qui solo a lecco di gente su que livello ce ne sono a decine...

A parte dellabordella...mi viene in mente selva che fino all'8a a chiodi ci va.
....a ovest c'è sicuramente gente fortissima...ho visto io un noto forumista di Torino andare a friends in libera sul "6c"


ho detto 'propende verso oriente' (fvg trentino altoadige veneto) e comunque LC BG BS, alpinisticamente parlando, sono da intendersi propaggini dell'oriente :mrgreen: :mrgreen:
so bene che selva libera sertori pedeferri e alcuni bresciani non sono da meno di quelli già citati
altra gente fortissima ce nè ovunque, ok, ma si parlava di vie di ottavo obbligatorio, non di salire una fessura di 6c a friend
a ovest voglio ricordare marco bernardi, ma poi?
pablo75
 
Messaggi: 497
Images: 1
Iscritto il: mer apr 24, 2013 15:49 pm

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda PIEDENERO » ven ott 30, 2015 10:37 am

PIEDENERO ha scritto:.... (6c per intenderci) su vie poco o mal proteggibili non fixate, sulle quali è meglio non volare?

Non parlo del trad con belle fessure nette ben friendabili, ma di vie ingaggiose...
Avatar utente
PIEDENERO
 
Messaggi: 7438
Images: 4
Iscritto il: gio set 22, 2011 18:26 pm
Località: Sodor

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda PIEDENERO » ven ott 30, 2015 10:40 am

Danilo ha scritto:ma quante vie ci sono di VIII grado così come dice PN ?

Anche questa è una domanda interessante.
Sicuramente ve ne sono ad est. Ad ovest ha citato qualcosa monaco, il resto non saprei, ma qui
spesso uno spittino sui passaggi più duri c'è.
Avatar utente
PIEDENERO
 
Messaggi: 7438
Images: 4
Iscritto il: gio set 22, 2011 18:26 pm
Località: Sodor

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda PIEDENERO » ven ott 30, 2015 10:49 am

joecasello ha scritto:
Pié ha scritto:Beh è anche da dire che su granito oltre certe pendenze se non ci sono fessure non è proprio così semplice salire... Tornando un attimo ad est tra gli altri mi ero dimenticato di citare Knez e celva. A proposito di quest'ultimo vale proprio la pena un giro sul tour dolomitiche di beber: al di là delle vie splendide, è un buon modo per provare a capire che livello spaziale ha questa gente che non va mai sulle riviste.



Questa è fantascienza. la crapa di questa gente è incredibile.
Ma, mi chiedo, ogni tanto volano su quello che piazzano loro in apertura? O è un incidente di percorso tipo un appiglio che si rompe o un piede che scivola?
La domanda che mi pongo è proprio in questi termini.
A livelli così alti raggiunti in falesia o su vie moderne non corrisponde, in rapporto, un altrettanto livello su vie non fixate o comunque non ben proteggibili.
Avatar utente
PIEDENERO
 
Messaggi: 7438
Images: 4
Iscritto il: gio set 22, 2011 18:26 pm
Località: Sodor

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda Danilo » ven ott 30, 2015 11:16 am

....XII+/XIII A1 :lol:
il forum è morto
Avatar utente
Danilo
 
Messaggi: 7399
Images: 61
Iscritto il: gio lug 26, 2007 17:44 pm

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda Pié » ven ott 30, 2015 11:27 am

PIEDENERO ha scritto:Questa è fantascienza. la crapa di questa gente è incredibile.
Ma, mi chiedo, ogni tanto volano su quello che piazzano loro in apertura? O è un incidente di percorso tipo un appiglio che si rompe o un piede che scivola?
La domanda che mi pongo è proprio in questi termini.
A livelli così alti raggiunti in falesia o su vie moderne non corrisponde, in rapporto, un altrettanto livello su vie non fixate o comunque non ben proteggibili.


a me quello che sorprende veramente è la capacità di lettura della parete, del capire dove si può passare (e proteggersi) e dove no. Già su una placca (= placca) di VI/VI+ non è esattamente semplice, immaginare di farlo 2 o tre gradi sopra faccio fatica già solo ad immaginarlo.
evviva la burtleina!
Avatar utente
Pié
 
Messaggi: 3484
Images: 33
Iscritto il: mar giu 10, 2003 16:41 pm
Località: migrato in magozia

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda joecasello » ven ott 30, 2015 11:30 am

PIEDENERO ha scritto:La domanda che mi pongo è proprio in questi termini.
A livelli così alti raggiunti in falesia o su vie moderne non corrisponde, in rapporto, un altrettanto livello su vie non fixate o comunque non ben proteggibili.


Da citare in tal senso la variante d'attacco alla Via delle Placche - Marmolada (R. Messner - G. Messner).
Aperta da R. Mittersteiner - O. Celva nel '92. Il tratto chiave (7c) di 35 mt. fu salito con solo due protezioni intermedie (ch.)
joecasello
 
Messaggi: 80
Iscritto il: lun gen 20, 2014 11:33 am

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda Pié » ven ott 30, 2015 11:47 am

joecasello ha scritto:
PIEDENERO ha scritto:La domanda che mi pongo è proprio in questi termini.
A livelli così alti raggiunti in falesia o su vie moderne non corrisponde, in rapporto, un altrettanto livello su vie non fixate o comunque non ben proteggibili.


Da citare in tal senso la variante d'attacco alla Via delle Placche - Marmolada (R. Messner - G. Messner).
Aperta da R. Mittersteiner - O. Celva nel '92. Il tratto chiave (7c) di 35 mt. fu salito con solo due protezioni intermedie (ch.)


ecco, a proposito...
avevo avuto modo di chiedere a Tondini (questo oltre ad un'altra ventina di domande, era stato veramente disponibile :D ) che era venuto l'anno scorso a fare una serata da noi, fin dove era possibile secondo lui spingere l'apertura con uno stile "alla Mittestainer" - in libera a vista - e quando invece diventava indispensabile aprire alla "Larcher", in libera tra una protezione e l'altra, appendendosi al cliff per chiodare e poi liberando poi la via in un momento successivo.

Questa era stata la risposta:
Eh... allora, c'è da dire che Mittersteiner è arrivato ad aprire a vista in libera (quindi senza appendersi neanche per chiodare) fino al 7c. Aveva sicuramente una preparazione fisica e mentale sopra la norma. Immaginare di utilizzare questo stile su grandi pareti sarebbe fantastico ma pochi terreni permettono questo. Il tiro chiave di Vogelfrei alle Mesules che è 7c è il primo. Affrontare con uno stile del genere un tiro di quella difficoltà magari al ventottesimo tiro di una via, su una parete complessa come quella della Civetta penso che sia una cosa diversa. E se lo si sceglie oggettivamente si accetta di azzardare parecchio. Quando parto per un tiro nuovo, punta a quell’idea ma sono disposto ad accettare il compromesso di appendermi ai cliff per posizionare i chiodi (nota: non ci appendiamo ai cliff per fare resting e poi ripartire senza avere messo delle protezioni) Credo che lo stile che ho adottato, quindi salita esclusivamente in libera tra una protezione e l'altra e poi salire rotpunkt la via in un secondo momento, su grandi pareti sia il migliore per me. Con questo, se trovassi una parete dove riuscire ad aprire on sight su alte difficoltò sarebbe bellissimo.
evviva la burtleina!
Avatar utente
Pié
 
Messaggi: 3484
Images: 33
Iscritto il: mar giu 10, 2003 16:41 pm
Località: migrato in magozia

Re: Ma in quanti scalano veramente sul VII+/VIII obbligatori

Messaggioda Pié » ven ott 30, 2015 11:53 am

sempre per la categoria "un altro sport"
evviva la burtleina!
Avatar utente
Pié
 
Messaggi: 3484
Images: 33
Iscritto il: mar giu 10, 2003 16:41 pm
Località: migrato in magozia

PrecedenteProssimo

Torna a Rock General

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.