L'unico inverno buono...

Area di discussione su argomenti di montagna in generale.

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda scairanner » mar lug 02, 2019 23:54 pm

Eionedvx ha scritto:L'unico inverno buono è quello in cui nevica a sufficienza per evitare questo

Immagine


il problema non è quanto nevica
il problema è il grado (anche qui :mrgreen: )
se in estate fa 40 gradi x una settimana, in inverno possono venire anche 10 metri di neve, che si squaglia comunque.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5007
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda Eionedvx » mer lug 03, 2019 8:29 am

scairanner ha scritto:
Eionedvx ha scritto:L'unico inverno buono è quello in cui nevica a sufficienza per evitare questo

Immagine


il problema non è quanto nevica
il problema è il grado (anche qui :mrgreen: )
se in estate fa 40 gradi x una settimana, in inverno possono venire anche 10 metri di neve, che si squaglia comunque.

Ma la neve di maggio non è utile per i ghiacchi: non fa fondo, si scioglie e scava in fondo al ghiacciaio formando queste cose.
Quella invernale fa in tempo, invece, a far fondo e, rigelo dopo rigelo, ad "attaccarsi" al ghiacciaio.

Che poi si sciolga è la norma.
Talk less, climb more.

http://vitaverticale.blogspot.it/
Avatar utente
Eionedvx
 
Messaggi: 3320
Images: 0
Iscritto il: gio nov 27, 2014 15:01 pm
Località: Monselice

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda il Duca » mer lug 03, 2019 8:47 am

Sono d'accordo. Quello che manca davvero sono le nevicatone da inizio novembre a febbraio, che gelano bene e si compattano sotto alla pressione della neve primaverile.
Poi certamente se l'estate fosse meno cattiva la cosa gioverebbe ulteriormente.

Invece negli ultimi anni fa solo un sacco di neve da aprile in poi, che serve solo a rompere le palle e a essere pericolosa.
(In realtà serve anche a portare acqua, che è più utile di tutto il resto :wink: )
http://www.respirodelvento.blogspot.com

RACCONTI DI GHIACCIO E ROCCIA

"nel muoversi in montagna guardate alle capre prima che alle scimmie" crodaiolo
Avatar utente
il Duca
 
Messaggi: 3927
Images: 12
Iscritto il: lun ago 24, 2009 17:35 pm
Località: Conca dei Giganti

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda Eionedvx » mer lug 03, 2019 9:45 am

Duca, sull'acqua è un so/ni...
Se il disgelo è troppo rapido non si riesce a contenere e buona parte va "dispersa"...
Ahimè è quello che sta succedendo ora.
Talk less, climb more.

http://vitaverticale.blogspot.it/
Avatar utente
Eionedvx
 
Messaggi: 3320
Images: 0
Iscritto il: gio nov 27, 2014 15:01 pm
Località: Monselice

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda il Duca » mer lug 03, 2019 10:19 am

Eionedvx ha scritto:Duca, sull'acqua è un so/ni...
Se il disgelo è troppo rapido non si riesce a contenere e buona parte va "dispersa"...
Ahimè è quello che sta succedendo ora.


Mi riferivo alle nevicate estive-primaverili, che in montagna rompono i coglioni, ma se quest'anno non venivano giù erano cazzi per le riserve d'acqua.
http://www.respirodelvento.blogspot.com

RACCONTI DI GHIACCIO E ROCCIA

"nel muoversi in montagna guardate alle capre prima che alle scimmie" crodaiolo
Avatar utente
il Duca
 
Messaggi: 3927
Images: 12
Iscritto il: lun ago 24, 2009 17:35 pm
Località: Conca dei Giganti

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda scairanner » mer lug 03, 2019 10:47 am

Un conto sono le sensazioni, altra cosa è la realtà, andate a leggervi i dati Arpa Osmer o quelli che volete voi e vedrete che a fronte di nevicate molto intense durante l'inverno (ad es. 2008/2009: 14 metri di neve caduti sull'ex ghiacciaio del Canin) le temperature estive molto elevate (39 gradi in Friuli in luglio) se li sono bevuti come noi una birra dopo una via in montagna.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5007
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda paul mone » mer lug 03, 2019 14:22 pm

Hexe ha scritto:Avrei quasi creduto di dire, che con tutto quello che risparmiano in emissioni di co2 durante l’anno


Ogni Tedesco produce all'anno oltre 10 tonnellate di CO2.
Ogni Italiano meno di 9 tonnellate.
Essenzialmente in conseguenza del massiccio uso di carbone nel loro mix energetico.
Ma stiamo tranquilli, dicono che smetteranno di usare carbone nel 2038.

Ciao
paul mone
 
Messaggi: 161
Iscritto il: ven mar 05, 2010 19:56 pm

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda madflyhalf » mer lug 03, 2019 15:48 pm

Conoscendo quel popolo, sono abbastanza fiducioso che lo facciano.

Da noi si parlerà ancora di come coprire la Flat Tax :mrgreen: :^o


Quanto al resto la vedo come Eionedvx
Ogni inverno in cui non nevica il giusto (circa 300cm in Appennino Bolognese; 12-15m in Dolomiti), mi sento vuoto dentro.

Vi sembra normale (scusate il capello nella prima foto, sono vili scannerizzazioni)

2001
Immagine

Immagine

2003
Immagine

Immagine

Immagine


2017
Immagine

Immagine

Immagine


Con la sicurezza che di roccia per scalare ne troveremo sempre, ma di neve e ghiaccio (acqua) per vivere no, vi invito a bervi una granita di ghiaia per far passare la calura e la sete di questi giorni!
30m di 6a non valgono 150 di IV. Oltre al fatto che non li so fare :D
Avatar utente
madflyhalf
 
Messaggi: 57
Iscritto il: dom ott 14, 2018 10:50 am
Località: Casalacc'

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda scairanner » mer lug 03, 2019 17:08 pm

madflyhalf ha scritto:


Quanto al resto la vedo come Eionedvx
Ogni inverno in cui non nevica il giusto (circa 300cm in Appennino Bolognese; 12-15m in Dolomiti), mi sento vuoto dentro.


Non serve a nulla che nevichi "il giusto": affinché si inverta il processo di scioglimento di un ghiacciaio sono necessari almeno 5 anni con accumuli notevolissimi e temperature non certo come quelle degli ultimi 17 anni, in cui la quantità di neve sciolta supera, e di gran lunga, quella accumulata durante l'inverno (se vuoi posto le foto che feci sulla pista del Canin a 1700 mt nell'anno dei 14 metri di neve caduta: a fine agosto non c'era più nulla), come dire che allo stato attuale non c'è speranza.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5007
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda Hexe » gio lug 04, 2019 9:06 am

paul mone ha scritto:
Hexe ha scritto:Avrei quasi creduto di dire, che con tutto quello che risparmiano in emissioni di co2 durante l’anno


Ogni Tedesco produce all'anno oltre 10 tonnellate di CO2.
Ogni Italiano meno di 9 tonnellate.
Essenzialmente in conseguenza del massiccio uso di carbone nel loro mix energetico.
Ma stiamo tranquilli, dicono che smetteranno di usare carbone nel 2038.

Ciao


Che dire, scusa - volevo far sfoggio della mia coscenza candida come il carbone e tu mi hai stanato... le foto e le statistiche sono abbastanza scioccanti. In Obergurgl ho trovato una foto con neve, ma qualcos'altro non va...

Immagine
Avatar utente
Hexe
 
Messaggi: 122
Images: 5
Iscritto il: mer ago 09, 2017 12:51 pm
Località: Germania

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda funkazzista » gio lug 04, 2019 9:20 am

paul mone ha scritto:
Hexe ha scritto:Avrei quasi creduto di dire, che con tutto quello che risparmiano in emissioni di co2 durante l’anno


Ogni Tedesco produce all'anno oltre 10 tonnellate di CO2.
Ogni Italiano meno di 9 tonnellate.
Essenzialmente in conseguenza del massiccio uso di carbone nel loro mix energetico.
Ma stiamo tranquilli, dicono che smetteranno di usare carbone nel 2038.

Ciao

dimentica.i falo.
funkazzista
 
Messaggi: 8090
Images: 10
Iscritto il: mar giu 28, 2011 16:03 pm

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda Hexe » gio lug 04, 2019 11:42 am

funkazzista ha scritto:dimentica.i falo.


Funk, chiedo venia.

Ho capito che se non avessimo acceso il fuoco, Eione e Madfly non avrebbero potuto scattare le loro foto desolanti e sto gia' cercando di rimediare.
Intanto l'anno prossimo sostituiremo il falo' vero con una sua rappresentazione. Possiamo ad esempio cucire un lenzuolo di stracci di seconda mano e disegnarci sopra un fuoco con colori biodegradabili e riciclabili (il rosso sulle pareti della mia cucina dopo che i miei figli hanno mangiato la pasta al pomodoro dovrebbe andare bene al caso.)

Sono desoloata e prometto di redimermi. Intanto stasera i 34 km per andare in falesia li faro solo ed esclusivamente in autostop. (Ho gia' il piano di piazzarmi col pollice alzato a casa del mio compagno di corda, vediamo se trovo qualcuno che mi ci porta)
Avatar utente
Hexe
 
Messaggi: 122
Images: 5
Iscritto il: mer ago 09, 2017 12:51 pm
Località: Germania

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda funkazzista » gio lug 04, 2019 12:27 pm

Hexe,
era evidentemente una battuta: mi sembra paradossale imputare ai falò la tonnellata di CO2 in più emessa del tedesco medio rispetto all'italiano medio.
A mo di consolazione, sappi che anche in Italia in alcune zone c'è la tradizione dei falò per la Befana (se non vado errato) e in altre occasioni.
E' altresì vero che se una battuta necessita di essere spiegata, significa che non è una buona battuta.

Ciao
funkazzista
 
Messaggi: 8090
Images: 10
Iscritto il: mar giu 28, 2011 16:03 pm

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda il.bruno » gio lug 04, 2019 13:53 pm

I falò si fanno con la legna, che è una fonte energetica rinnovabile e non modifica quindi il bilancio del carbonio.
Si parte dal presupposto che la legna che si brucia è costituita da carbonio che prima era in atmosfera, e che nel momento che va in atmosfera ritorna poi vegetale con la fotosintesi.

Quello che conta nel bilancio del ciclo del carbonio sono le fonti fossili. Il tempo che ci mette il carbonio a tornare allo stato fossile (stiamo parlando del legname che diventa carbone o altri idrocarburi in milioni di anni o dei gusci di gasteropodi che diventano dolomia in milioni di anni) è incomparabilmente più lungo di quel che ci mette il carbonio fossile ad andare in atmosfera in caso di combustione.
La differenza che stiamo inserendo dalla rivoluzione industriale in poi è dovuta a questo, non alle grigliate.
Avatar utente
il.bruno
 
Messaggi: 3775
Images: 77
Iscritto il: gio set 16, 2004 13:19 pm
Località: Milano

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda Eionedvx » gio lug 04, 2019 20:42 pm

Immagine

Ecco scai, non lo dico io.
Talk less, climb more.

http://vitaverticale.blogspot.it/
Avatar utente
Eionedvx
 
Messaggi: 3320
Images: 0
Iscritto il: gio nov 27, 2014 15:01 pm
Località: Monselice

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda scairanner » ven lug 05, 2019 0:29 am

Eionedvx ha scritto:Immagine

Ecco scai, non lo dico io.


Ma guarda Eione che non metto in dubbio quello che dice il tale, che non è nemmeno in contrasto con ciò che ho scritto.

Metto in dubbio, anzi ne sono più che convinto che vi sbagliate, quando dite:
Quella invernale fa in tempo, invece, a far fondo e, rigelo dopo rigelo, ad "attaccarsi" al ghiacciaio. tu
Quello che manca davvero sono le nevicatone da inizio novembre a febbraio, che gelano bene e si compattano sotto alla pressione della neve primaverile. zietto tuo
Il resto l'ho già scritto 2 volte, non lo ripeto di nuovo :wink:
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5007
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda madflyhalf » ven lug 05, 2019 16:29 pm

Mi spiace ma la legge è quella.

Se uno guarda i trend vagamente positivi degli anni considerati d'oro, il 2008-2009 su tutti, hanno avuto un minimo di salvezza grazie alle nevicatone di quel periodo.

Se uno guarda quel ventennio tra anni 70 e primi anni 90, dove c'è stato un leggero aumento della superficie dei ghiacciai alpini, le nevicate erano concentrate dal tardo autunno a febbraio.

Chiaro servono temperature rigide (nella media, né più né meno) ed estati azzorriane non africane, in questi anni in cui nevica sì e no da fine febbraio in poi, con la neve che trasforma immediatamente in firn e poi si squaglia.

Sono convinto che per salvare leggermente la situazione, basterebbe tornare a inverni normali dal punto di vista precipitativo E di temperature (il famoso 2008-2009 è stato unico E raro per questo motivo, al contrario del 2013-2014 dove ci furono metrate di neve, ma freddo poco), per normalizzare un po' la situazione...

Ma non si può prescindere dalle nevicate di novembre, dicembre, gennaio: poca luce solare, tendenzialmente più freddo, inchiodano la neve per un casino.

@hexe, giuro che non ce l'ho coi fuocherelli del popolo teutonico, infatti a chi diceva che abbandoneranno il carbone nel 2038, facevo presente che con tutta probabilità per quanto sia un orizzonte un po' lontano, non sgharreranno di 1 mese... al contrario del nostro belpaese, dove fare le cose nei tempi preventivati è decisamente impossibile.
E ci metto la mano sul fuoco anche sul fatto che stiano correndo molto più di noi, carbone a parte, per abbattere la quota di CO2 con conversioni al green.
30m di 6a non valgono 150 di IV. Oltre al fatto che non li so fare :D
Avatar utente
madflyhalf
 
Messaggi: 57
Iscritto il: dom ott 14, 2018 10:50 am
Località: Casalacc'

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda paul mone » ven lug 05, 2019 16:52 pm

madflyhalf ha scritto:E ci metto la mano sul fuoco anche sul fatto che stiano correndo molto più di noi, carbone a parte, per abbattere la quota di CO2 con conversioni al green.


Non serve mettere mani sul fuoco, sono dati pubblici.
2018 vs 2017 la Germania ha fatto -5.4%, l'Italia -3.5%, quindi sì, stanno correndo più di noi, e di questo passo entro una decina di anni ci raggiungeranno.
Sul fatto che non sgarrino di un mese sono fiducioso anch'io, dopotutto alla mala parata sarà sufficiente inventarsi un qualche tipo di cheat device per rientrare a norma.

Ciao
paul mone
 
Messaggi: 161
Iscritto il: ven mar 05, 2010 19:56 pm

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda Hexe » sab lug 06, 2019 22:47 pm

....
Dai, aiutatemi....
ve l'ho detto che non sono capace di ricercare roba in Internet....


dove si trova lo schema anno dopo anno di come era l'inverno e come stavano i ghiacciai?

Io ho solo trovato tanti schemi di questo tipo

[img]
gallery/image_page.php?album_id=0&image_id=34738
[/img]

adesso parlate tutti del 2008, li' c'e' una colonna piu' corta delle altre, ma la tendenze era uguale a sempre: i ghiacciai si sono ritirati eccome!
Avatar utente
Hexe
 
Messaggi: 122
Images: 5
Iscritto il: mer ago 09, 2017 12:51 pm
Località: Germania

Re: L'unico inverno buono...

Messaggioda scairanner » mar ago 06, 2019 9:10 am

http://www.ansa.it/canale_ambiente/noti ... c9b09.html

"Secondo Colucci, se non si ferma il riscaldamento globale..."

Ma come puoi fermare il riscaldamento globale, e contemporaneamente parlare con disinvoltura dell'inevitabile aumento della popolazione a 10 miliardi in pochi decenni. Questi 3 in più vivranno a pane e acqua? Anzi solo pane, visto che l'acqua scarseggerà.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5007
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

PrecedenteProssimo

Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.