sentenza valanga di Pila

Notizie e novità dai lettori eventi.

sentenza valanga di Pila

Messaggioda wolf jak » mer feb 24, 2021 17:06 pm

alla fine la sentenza di condanna è arrivata, e segue consequenzialmente le valutazioni che aveva fatto il perito

https://aostasera.it/notizie/cronaca/va ... -processo/

https://aostasera.it/notizie/cronaca/pe ... fresh_ce=1

La mia solidarietà agli istruttori coinvolti, e rinnovo anche un doveroso pensiero alle vittime.

A bocce ferme, sarà tuttavia interessante leggere la sentenza per fare il punto su tanti argomenti importanti: gradazione della responsabilità e diligenza richiesta in base al proprio ruolo, valutazione dei rischi... tanto per citare i più importanti
Avatar utente
wolf jak
 
Messaggi: 2920
Images: 0
Iscritto il: mar ott 13, 2015 12:06 pm
Località: Verona

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda bustomail » mer feb 24, 2021 21:10 pm

Al di là delle motivazioni della sentenza, la vedo solo come un pericoloso precedente...
bustomail
 
Messaggi: 579
Images: 6
Iscritto il: gio mar 08, 2007 19:38 pm

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda PIEDENERO » mer feb 24, 2021 21:29 pm

Il perito incaricato è una guida alpina......

Al di là di tutto, per come sta cambiando la società, fare l'istruttore (gratis) non è più una buona idea.

Portare sconosciuti in ambienti pericolosi non è cosa saggia.
Avatar utente
PIEDENERO
 
Messaggi: 7605
Images: 4
Iscritto il: gio set 22, 2011 18:26 pm
Località: Sodor

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda wolf jak » mer feb 24, 2021 22:54 pm

PIEDENERO ha scritto:Il perito incaricato è una guida alpina......

Al di là di tutto, per come sta cambiando la società, fare l'istruttore (gratis) non è più una buona idea.

Portare sconosciuti in ambienti pericolosi non è cosa saggia.


Gli ambienti sono sempre stati pericolosi e la responsabilità c’è sempre stata. Morale ancor prima che giuridica. Qui non stiamo -secondo me- parlando di un pretestuoso risarcimento del danno per una caviglia slogata in un’uscita in falesia.
Qui, purtroppo, e con grande dolore, sono morte delle persone. Una di queste si era necessariamente fidata del giudizio di altri per andare in un posto dove da sola non sarebbe andata per fare cose che da sola non avrebbe fatto. Le valutazioni fatte dagli istruttori, secondo il giudice, non erano esenti da colpe.

Occorrerà però capire le motivazioni della sentenza, ossia (tra le altre cose) perché sono stati considerati negligenti, imperiti e imprudenti, per poter fare un bilancio personale e decidere se si sarebbe fatta la stessa scelta o meno (e quindi se ci si sarebbe trovati nella stessa situazione).

Secondo me, e qui concordo con Piede, tante persone quando accompagnano non hanno ben chiare a fondo le implicazioni del prendere le decisioni al posto di altri.

Spero comunque che emerga dalla sentenza una gradazione delle responsabilità, e che la diligenza richiesta non sia quella professionale (guida alpina) ma quella non professionale (volontari). Perché sarebbe illegittimo pretendere la medesima diligenza a figure così diverse. È invece giusto -in astratto- che entrambe, ognuna nella sua veste e con i suoi limiti, siano responsabili del proprio operato.

I miei 2 cent...
Avatar utente
wolf jak
 
Messaggi: 2920
Images: 0
Iscritto il: mar ott 13, 2015 12:06 pm
Località: Verona

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda robibz » gio feb 25, 2021 10:54 am

Questa storia mi ricorda molto quella del 2015 quando, se non ricordo male, un scuola CAI del veneto aveva organizzato un uscita del corso roccia sulla ferrata di Punta Penia in Marmolada, nonostante ci fosse un tempo bruttissimo e si sapeva giá dalle prime ore del mattino che ci sarebbero stati forti temporali quel giorno (io ero al passo Sella quel giorno e dopo aver valutato il tempo avevamo deciso di non fare niente), e infatti a metá mattinata erano stati colpiti da un fulmine mentre si trovavano lungo la ferrata, con conseguente morte di una o due persone. Quando avevamo appreso della notizia ci siamo tutti meravigliati (con noi c´erano istruttori del CAI di Bolzano) come degli istrutti del CAI avessero potuto decidere di andare a fare una salita così lunga con un tempo cosí brutto.
It's a long way to the top if you wanna rock'n'roll!!!
Avatar utente
robibz
 
Messaggi: 877
Iscritto il: ven nov 15, 2013 14:51 pm
Località: Bolzano

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda Mork » gio feb 25, 2021 23:46 pm

Concordo con l'aspettare la lettura della sentenza, ma non ho molte speranze. Credo che questa sentenza sia il principale precedente sul quale dovranno basarsi tutte le attività future.
Situazioni su cui una volta, magari, si poteva chiudere un occhio (ad esempio il rapporto istruttori/allievi, le ore di teoria, la formazione di istruttori). dovranno essere trattate in maniera molto più seria e puntuale.
Non avendo mai letto una sentenza di un processo, non so nemmeno se questa riporterà tutte le analisi "tecniche"; forse bisognerebbe leggera anche le perizie sulle quali si è basato il giudice?
Avatar utente
Mork
 
Messaggi: 1355
Iscritto il: ven giu 10, 2005 8:02 am
Località: Südtirol

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda Ragnol » ven feb 26, 2021 9:23 am

Anche questo campo, come del resto tutti gli altri che vedono come attori dei semplici volontari, sta per essere se non spazzato via almeno fortemente limitato e ridimensionato. Si va verso il professionismo in ogni ambito dell'umano agire. Se dietro c'è un ben preciso disegno o se è solo frutto della odierna malata cultura del "tutto ingabbiato, tutto sicuro, un responsabile per ogni cosa, il fato non esiste ecc ecc" io non lo so e non lo posso sapere.

Faccio un esempio su molti. Per decenni le pro-loco (et similia) hanno organizzato piacevolissime feste paesane dove la gestione "parcheggi selvaggi" e la gestione della sicurezza erano affidati alla locale stazione dei vigili del fuoco volontari (almeno, nella mia regione).

Da qualche anno i pompieri si sono chiamati fuori, nella gestione parcheggi perchè dai piani alti è stato loro spiegato che non hanno titolo per fare i parcheggiatori, e nel caso di problemi non sarebbero tutelati. E quindi ora bisogna chiamare i vigili urbani. Nella gestione della sicurezza perchè la normativa prevede che la stessa sia affidata a dei professionisti. Che, vista la responsabilità, vogliono giustamente essere profumatamente pagati.

E' giusto così? Può essere, ormai per qualsiasi cosa succeda bisogna individuare il colpevole ed avere un responsabile (vedi la signora che alla festa paesana inciampa in un sampietrino sporgente e cadendo si rompe un braccio). Ovviamente questo vale solo per i piccoli incidenti che riguardano volontari. Tissen, Viareggio ecc ecc sono li a dimostrare che è meglio ucciderne 20 che ferirne uno.

Sarà tutto più meglio quando ogni cosa, ogni attività sportiva, culturale, ricreativa sarà affidata a professionisti che si fanno lautamente pagare? A me fa tristezza, però può essere....
Insomma, la signora inciamperà e si romperà comunque il braccio (guardasse dove mette i piedi), ma a monte quale responsabile della sicurezza ci sarà un professionista abilitato che, in quanto tale avrà potuto sottoscrivere una specifica assicurazione che (forse) risponderà.

Idem durante l'uscita con le ciaspole, dove il baldo giovane è finito con una gamba in una buca e cadendo si è stortato il ginocchio. Basta volontari che si smazzano agggratis per organizzare uscite. Solo guide alpine, le quali potranno dimostrare, esendo titolate, che hanno valutato ogni possibile rischio, e che quindi il fattaccio è frutto del caso (nulla contro le guide, nè). Il ragionier Rossi, che invece ha organizzato l'uscita con la sezione Cai, sulla base di quali competenze dimostra che ha previsto tutto il prevedibile? E' un ragioniere, mica un professionista della montagna. Se il ragazzo vede la possibilità di grattare qualche euro, vuoi che non ti pianti giù una bella causetta?! Magari ne esci illeso...ma chi te lo fa fare?!
Memento mori
Avatar utente
Ragnol
 
Messaggi: 178
Images: 7
Iscritto il: ven lug 07, 2006 12:56 pm
Località: C'è scritto "Poze"

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda Ragnol » ven feb 26, 2021 9:25 am

Ho riletto il mio mex...ho una capacità di non riuscire a esprimere bene quello che ho in testa che è imbarazzante. Fate uno sforzo voi, dai...
Memento mori
Avatar utente
Ragnol
 
Messaggi: 178
Images: 7
Iscritto il: ven lug 07, 2006 12:56 pm
Località: C'è scritto "Poze"

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda Kinobi » ven feb 26, 2021 10:31 am

Tutto sommato si sapeva che andava finire così.
Parti da 500 km di distanza e metti un gruppo su un posto che poi viene giù.
Chiaramente si può trattare di sfiga.
Però una gita del genere si poteva fare solo con pericolo inferiore a 2 e distanziati.
Non so l'ampiezza del fronte, lo ammetto.
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 5670
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda wolf jak » ven feb 26, 2021 11:10 am

Mork ha scritto:Concordo con l'aspettare la lettura della sentenza, ma non ho molte speranze. Credo che questa sentenza sia il principale precedente sul quale dovranno basarsi tutte le attività future.
Situazioni su cui una volta, magari, si poteva chiudere un occhio (ad esempio il rapporto istruttori/allievi, le ore di teoria, la formazione di istruttori). dovranno essere trattate in maniera molto più seria e puntuale.
Non avendo mai letto una sentenza di un processo, non so nemmeno se questa riporterà tutte le analisi "tecniche"; forse bisognerebbe leggera anche le perizie sulle quali si è basato il giudice?


Leggere la perizia sarebbe interessante per avere il quadro complet. E' comunque probabile che nel dispositivo della sentenza ne vengano riportati (con meno eleganza si può parlare di vero e proprio copia-incolla) ampi stralci, perlomeno quelli a supporto della motivazione del giudice.

@ragnol: sei troppo severo verso te stesso, io ho capito quello che intendevi :)

Sicuramente la già citata deriva verso una "società securitaria" (ammazza oh non si può leggere sta roba!) muove verso l'orizzonte che dici tu.
Però è anche vero che in Italia le associazioni volontarie e dilettantesche (mi riferisco qui allo sport) sono una realtà molto importante e fanno parte del nostro tessuto sociale. Non penso sarà interesse di nessuno spazzarle vie, quindi ipotizzo che si troverà un punto di equilibrio.

Peraltro, a voler essere pignoli già ci sarebbe: la valutazione della diligenza richiesta, infatti, dovrebbe (condizionale d'obbligo) essere graduata a seconda di professionisti o non professionisti. Sempre con un contenuto minimo per tutti, ovviamente.
Vado sul banalissimo e scorretto, ma solo per farmi capire con un esempio facile: è cosa ben diversa la diligenza nell'accompagnarmi in macchina che posso chiedere a un autista di taxi rispetto a quella che posso pretendere da un pilota di formula 1.
Così come un conto è la diligenza che dovrà avere la Guida Alpina rispetto a un istruttore Cai.
Al momento della scelta della figura da cui farmi accompagnare, so già che entrambi non mi faranno finire in situazioni pericolose, così però so anche che dal primo mi aspetto una prestazione professionale, dall'altra l'impegno di un volontario preparato, ma pur sempre volontario che non svolge tale attività a tempo pieno.
Avatar utente
wolf jak
 
Messaggi: 2920
Images: 0
Iscritto il: mar ott 13, 2015 12:06 pm
Località: Verona

Re: sentenza valanga di Pila

Messaggioda bustomail » ven feb 26, 2021 14:56 pm

Con questi precedenti,chi mai vorrà fare corsi o gite no profit, se al primo problema si ritrova davanti a un giudice che conosce la legge ma non conosce la montagna

[URL] https://gognablog.sherpa-gate.com/storia-di-un-imputato

Che poi, soprattutto le valanghe, le sfighe in montagna non guardano in faccia a nessuno, che tu sia esperto, principiante, guida o istruttore.
bustomail
 
Messaggi: 579
Images: 6
Iscritto il: gio mar 08, 2007 19:38 pm


Torna a News, eventi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.