Nanga Parbat - ci risiamo!

Alpinismo sulle Alpi ed extraeuropeo, ghiaccio, cascate ecc.

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda alberto60 » ven feb 02, 2018 19:53 pm

e quanto al MONACO (pisano d'adozione) , meno grandissimo.... ??

Mica vero! è più grandissimo. Eccome se è più grandissimo.
alberto60
 
Messaggi: 2318
Images: 1
Iscritto il: mer dic 21, 2005 20:40 pm
Località: da qualche parte in Apuane

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda Drugo Lebowsky » ven feb 02, 2018 20:26 pm

Allora, ribadendo che di miti io non ne avevo da ceo, figurarsi da vecchio... Ops , anziano, che non sono certo il Vecchio, mi permetto di far presente che Pier, per quanto mi sia dato sapere, ha bricolato UNA via da lui spittata a Schieve. UNA.
Non dico sia giusto, ma non usiamo un errore UNO, per giudicare una intera carriera che è sempre stata cocciutamente coerente.

Se poi Kinobi o altri ne sanno di più, buon per loro. Ma credo che ciò esuli dal discorso. Per quanto ne so, in montagna è sempre stato ligio alla sua etica.
Avatar utente
Drugo Lebowsky
 
Messaggi: 8765
Images: 77
Iscritto il: ven feb 06, 2004 16:20 pm

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda Kinobi » ven feb 02, 2018 21:15 pm

alberto60 ha scritto:
Kinobi ha scritto:
Callaghan ha scritto:...e di tanto in tanto fresando prese sulla dolomia.
...


Dovresti citare le fonti.
:mrgreen:
Besos


già.
citare le fonti. Prima di spargere merda.


La fonte sono io.
http://www.fuorivia.com/forum/viewtopic.php?f=6&t=31507

Ed il messaggio prima del Drugo, confermano il fatto.

Perché il commissario la abbia ritirata fuori, je ne le sais pas.

Al Drugo mando comunque un PM.
Ciao,
E
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 5581
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda monaco » ven feb 02, 2018 21:45 pm

alberto60 ha scritto:
Callaghan ha scritto:
alberto60 ha scritto:eccomi qua mister Callaghan. Ce l'hai con me? Mi vuoi fare fuori con la tua Magnum 44?

e chi ha detto che ce l'ho con te o che ti voglio fare fuori.

ho semplicemente detto che sarei curioso di leggere qualche commento a riguardo di questo episodietto del Nanga Parbat da parte di grandissimi, chiacchieroni ed autoreferenti alpinisti del vostro calibro, impegnati sul gogna channel nella teoria dell'alpinismo.
in poche parole, vi perculavo.

monaco, che è meno grandissimo, meno logorroico e meno autoreferente, lo ha già fatto, qualche commento a riguardo. commento che ho apprezzato molto perchè emerge quella verve toscana di intelligenza ed autoironia che è totalmente assente sul gogna channel.

se poi vogliamo parlare di verri, e delle sue considerazioni sul trad inglese con aperture sull'8a/b, non vedo l'ora: probabilmente verri del trad inglese sa quanto so io della letteratura basca dell'XI secolo. ma verri è "pier"! che iddio lo protegga, e protegga la sua falesia dove si "prepara" per l'alpinismo, salendo slegato qua e là, e di tanto in tanto fresando prese sulla dolomia.

una delle cose di internet che mi piace di più è chè si è data la possibilità di parlare a nastro a tutti, anche ai miti dell'alpinismo.
sentiti parlare, alcuni dei miti sembrano un pò meno miti, e un pò più dei pirla.

tutto qua.
stai tranquillo, alberto60, non ti sparo.


grazie che non mi spari, sei molto generoso ad avere pietà di un povero pirla.

Se ti sta sui c...... quello che scrivo puoi anche non leggerlo. Sicuramente starai meglio te e a me non mi cambia la vita. Purtroppo anche i pirla hanno il diritto di parola. L' autoironia come l'intelligenza sono doni, talenti e non tutti ce l'hanno :oops: Porta pazienza.

Quanto ai fatti del Nanga, la cosa non mi è tanto chiara ma visto che c'è un morto (da poco) preferisco starmene zitto.



Boni, state boniii !

che poi...a legger il superlativo di grande...e a veder al contempo la faccia del Clint (sebben in altri panni)...mi viene in mente subito
Biondoooo, sai di chi sei figlio tuuu ??? ... :lol:

dicon sia meglio un morto in casa che un pisano all'uscio
sara'
io tra vei bui torti ci son stato di morto bene
eppure son di ben altri (verdiani) lidi...se penso che i primi anni mi mancava la nebbia...
alla stupidita' umana non c'e' limite!

che poi...Alberto e' un buongustaio pure lui...magari un po' rustico rispetto all'osso buco
piu' stile cinniale 'on l'olive, o meglio ancora il conglioro
ma secondo me seduti con i piedi sotto la tavola andreste d'amore e d'accordo
EP-team
monaco
 
Messaggi: 685
Images: 40
Iscritto il: mar gen 10, 2006 12:24 pm
Località: marseille

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda monaco » ven feb 02, 2018 22:12 pm

Kinobi ha scritto:Torno dalla fiera dove non ho seguito gli ultimi eventi.
Chiamo un giornalista la quale mi dice sta leggendo sulla Gazzetta l'intervista della francese.
MI è venuto spontaneo dire "io non lo avrei fatto, non mi sarei fatto intervistare con il compagno morto dopo pochi giorni".
Gli eventi lassù non li capisco perchè non c'ero li per giudicare.
Il post eventi, siamo tutti e due con il sedere al caldo, ma io non mi sarei fatto intervistare.

Credo che i valori ed il significato di cordata che ho, sono diversi da quello di quelli che fanno queste robe li.


sono d'accordo.
giudicare quello che e' successo lassu mi sembra difficile.
anche se i modelli di riferimento sono altri.

quel che succede quaggiu' e' chiaro
e' piu' importante parlare a le monde o mettere au jour la propria paginetta agiografica wiki che magari semplicemente starsene zitti
avesse detto almeno merde! nell'intervista

mi sa che in patria vi perdete parecchie perle franco-francesi
tipo l'intervista alla Destivelle dove l'unica minima nota dolente di tutto questo meraviglioso exploit, e' quanto tempo ci vorra' alla povera Eli per superare il trauma dell'abbandono ``forzato''
(l'abbandonato non viene nemmeno citato)

vabbe'.
mi sembra piu' saggio svaccare il topic...
EP-team
monaco
 
Messaggi: 685
Images: 40
Iscritto il: mar gen 10, 2006 12:24 pm
Località: marseille

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda climbalone » ven feb 02, 2018 22:37 pm

Ho un po' perso il filo del discorso.
Ora che sul che Nanga sappiamo come è finita, io da comune uomo della strada non riesco a capire cosa spinge una persona a tentare sette volte un'impresa oltre i limiti umani.
Dev'essere una febbre che ti divora da dentro, non me lo spiego altrimenti.
Possa riposare in pace.
GNAM
Avatar utente
climbalone
 
Messaggi: 1950
Images: 1
Iscritto il: mar lug 21, 2009 8:31 am
Località: Trento

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda il Duca » ven feb 02, 2018 23:59 pm

climbalone ha scritto:Dev'essere una febbre che ti divora da dentro, non me lo spiego altrimenti.

Neppure io.
Eppure mi desta una grande ammirazione, ma forse è perché sono un po' c******e, o uno stronzo egoista (come ha sempre detto chi ha provato a starmi vicino).
http://www.respirodelvento.blogspot.com

RACCONTI DI GHIACCIO E ROCCIA

"nel muoversi in montagna guardate alle capre prima che alle scimmie" crodaiolo
Avatar utente
il Duca
 
Messaggi: 3947
Images: 12
Iscritto il: lun ago 24, 2009 17:35 pm
Località: Conca dei Giganti

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda bustomail » sab feb 03, 2018 6:35 am

Deve essere una gran febbre, se ti permette di rischiare la vita pur avendo moglie e figli a carico...
bustomail
 
Messaggi: 575
Images: 6
Iscritto il: gio mar 08, 2007 19:38 pm

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda gigiDR » sab feb 03, 2018 8:41 am

A me non desta alcuna ammirazione
Hanno scelto di raggiungere la cima a tutti i costi con una strategia discutibile di attesa ai campi alti dove i loro fisici si sono logorati e la Revol ha avuto solo culo,mentre Tomek no
gigiDR
 
Messaggi: 856
Iscritto il: mar lug 08, 2014 14:37 pm
Località: Ravenna

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda alberto60 » sab feb 03, 2018 12:15 pm

"che poi...Alberto e' un buongustaio pure lui...magari un po' rustico rispetto all'osso buco
piu' stile cinniale 'on l'olive, o meglio ancora il conglioro
ma secondo me seduti con i piedi sotto la tavola andreste d'amore e d'accordo"

o Matte

si il cinniale mi piace ma il cuniglioro 'oll' olive lo preferisco, che però devono essere rigorosamente amare. Appena sbruate dalla pianta.... :lol: poi una pulentina non ci starebbe mia male. Anche a fette arrostite sulla piastra.

firmato un PIRLA con la zuava di velluto a coste fine e calzettoni rigorosamente rossi.
alberto60
 
Messaggi: 2318
Images: 1
Iscritto il: mer dic 21, 2005 20:40 pm
Località: da qualche parte in Apuane

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda alberto60 » sab feb 03, 2018 12:18 pm

monaco ha scritto:
Kinobi ha scritto:Torno dalla fiera dove non ho seguito gli ultimi eventi.
Chiamo un giornalista la quale mi dice sta leggendo sulla Gazzetta l'intervista della francese.
MI è venuto spontaneo dire "io non lo avrei fatto, non mi sarei fatto intervistare con il compagno morto dopo pochi giorni".
Gli eventi lassù non li capisco perchè non c'ero li per giudicare.
Il post eventi, siamo tutti e due con il sedere al caldo, ma io non mi sarei fatto intervistare.

Credo che i valori ed il significato di cordata che ho, sono diversi da quello di quelli che fanno queste robe li.


sono d'accordo.
giudicare quello che e' successo lassu mi sembra difficile.
anche se i modelli di riferimento sono altri.

quel che succede quaggiu' e' chiaro
e' piu' importante parlare a le monde o mettere au jour la propria paginetta agiografica wiki che magari semplicemente starsene zitti
avesse detto almeno merde! nell'intervista

mi sa che in patria vi perdete parecchie perle franco-francesi
tipo l'intervista alla Destivelle dove l'unica minima nota dolente di tutto questo meraviglioso exploit, e' quanto tempo ci vorra' alla povera Eli per superare il trauma dell'abbandono ``forzato''
(l'abbandonato non viene nemmeno citato)

vabbe'.
mi sembra piu' saggio svaccare il topic...


già MATTE, meglio svaccare.
alberto60
 
Messaggi: 2318
Images: 1
Iscritto il: mer dic 21, 2005 20:40 pm
Località: da qualche parte in Apuane

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda alberto60 » sab feb 03, 2018 13:17 pm

Drugo Lebowsky ha scritto:Allora, ribadendo che di miti io non ne avevo da ceo, figurarsi da vecchio... Ops , anziano, che non sono certo il Vecchio, mi permetto di far presente che Pier, per quanto mi sia dato sapere, ha bricolato UNA via da lui spittata a Schieve. UNA.
Non dico sia giusto, ma non usiamo un errore UNO, per giudicare una intera carriera che è sempre stata cocciutamente coerente.

Se poi Kinobi o altri ne sanno di più, buon per loro. Ma credo che ciò esuli dal discorso. Per quanto ne so, in montagna è sempre stato ligio alla sua etica.


infatti!

di errori ne abbiamo fatti tutti.
alberto60
 
Messaggi: 2318
Images: 1
Iscritto il: mer dic 21, 2005 20:40 pm
Località: da qualche parte in Apuane

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda Drugo Lebowsky » sab feb 03, 2018 18:19 pm



eccheccazzo!
o hai una archivio che aggiorni periodicamente
o hai una memoria della madonna!

così mi hai involontariamente costretto a leggere delle mie cazzate che manco ricordavo d'aver buttato giù

... e quel che è peggio è che la penso come allora :lol: :lol: :lol: ... quasi quasi mi copincollo su spitsi/spitno :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Avatar utente
Drugo Lebowsky
 
Messaggi: 8765
Images: 77
Iscritto il: ven feb 06, 2004 16:20 pm

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda Warm75 » sab feb 03, 2018 20:19 pm

bustomail ha scritto:Deve essere una gran febbre, se ti permette di rischiare la vita pur avendo moglie e figli a carico...

Mah...
Io qualche anno fa feci la Nord dell'Ortles; avevo moglie e figlio di 1 anno a casa; non è il Nanga di sicuro, ma è una parete che comporta dei rischi oggettivi non eliminabili ( e le croci alla base lo testimoniano... pure di gente con una certa esperienza alle spalle: come dimenticare il buon Enzolino...).
Uscimmo in cresta al mattino e tirammo un bel sospiro; nel primo pomeriggio sulla via del ritorno (eravamo quasi alla stazione a monte della seggiovia) il "solito" seracco a farfalla buttò giù una montagna di ghiaccio che chiaramente spazzò la parete...l'avesse fatto solo qualche ora prima le croci sarebbero 2 in più...I rischi però li conoscevamo entrambi ( il socio magari allora non era sposato)
Avevo una gran febbre??...Non mi pare.
L'attività che pratichiamo e amiamo comporta dei rischi non sempre abbattibili a 0...questo fa di noi dei malati?
Ai posteri l'ardua sentenza...
Ciao
Matteo
Warm75
 
Messaggi: 131
Images: 0
Iscritto il: gio set 28, 2017 15:54 pm

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda gigiDR » sab feb 03, 2018 20:31 pm

I pericoli dell'Himalaya li percepiamo moltiplicati come entità e come tempo di esposizione ma anche sulle Alpi evidentemente ci sono
Ti parla uno che a maggio 2017 si è rotto una gamba in Dolomiti e ci tira ancora dietro
gigiDR
 
Messaggi: 856
Iscritto il: mar lug 08, 2014 14:37 pm
Località: Ravenna

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda il Duca » sab feb 03, 2018 21:55 pm

gigiDR ha scritto:A me non desta alcuna ammirazione
Hanno scelto di raggiungere la cima a tutti i costi con una strategia discutibile di attesa ai campi alti dove i loro fisici si sono logorati e la Revol ha avuto solo culo,mentre Tomek no


La scelta è sicuramente discutibile, ma non è certo dovuta ad ingenuitá. I due avevano una bella esperienza a quelle quote, hanno scelto di prendersi il rischio e di puntare alla cima a tutti i costi e l'hanno fatto consapevolmente. Non dico che sono un esempio da manuale di alpinismo e probabilmente nelle scuole va spiegato che non bisogna assolutamente fare così. Peró in qualche modo mi fa riflettere l'estremismo con cui si sono lanciati verso il loro sogno, ha un qualcosa di ideale assoluto, certamente egoistico ma lo trovo comunque affascinante.
http://www.respirodelvento.blogspot.com

RACCONTI DI GHIACCIO E ROCCIA

"nel muoversi in montagna guardate alle capre prima che alle scimmie" crodaiolo
Avatar utente
il Duca
 
Messaggi: 3947
Images: 12
Iscritto il: lun ago 24, 2009 17:35 pm
Località: Conca dei Giganti

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda il.bruno » sab feb 03, 2018 22:17 pm

Non dimenticherei che a quelle quote dopo giorni in quota, l'esperienza può essere obnubilata dagli effetti della quota, che sicuramente fa perdere lucidità.
Avatar utente
il.bruno
 
Messaggi: 3775
Images: 77
Iscritto il: gio set 16, 2004 13:19 pm
Località: Milano

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda bustomail » dom feb 04, 2018 8:15 am

Dalla mia comoda poltrona, leggo sul web che la revol è alta 1,60 e pesa 43 kg. ..
Cosa mai poteva fare per portare giù il compagno? Caricarselo in spalla??
bustomail
 
Messaggi: 575
Images: 6
Iscritto il: gio mar 08, 2007 19:38 pm

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda Kinobi » dom feb 04, 2018 10:31 am

bustomail ha scritto:Dalla mia comoda poltrona, leggo sul web che la revol è alta 1,60 e pesa 43 kg. ..
Cosa mai poteva fare per portare giù il compagno? Caricarselo in spalla??



In un mondo sessista e maschilista dove la donna è vista come la parte debole ed oppressa, con le dovute ed obbligatorie distinzioni sulla potenza fisica (effettivamente se pesa 43 kg...), mi domando se fosse mai successo il contrario.
Ovvero, dell'uomo che abbandona la mamma di tre figli, torna a casa e fa l'intervista.
Ciao,
E
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 5581
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: Nanga Parbat - ci risiamo!

Messaggioda il Duca » gio mag 03, 2018 9:02 am

http://www.respirodelvento.blogspot.com

RACCONTI DI GHIACCIO E ROCCIA

"nel muoversi in montagna guardate alle capre prima che alle scimmie" crodaiolo
Avatar utente
il Duca
 
Messaggi: 3947
Images: 12
Iscritto il: lun ago 24, 2009 17:35 pm
Località: Conca dei Giganti

PrecedenteProssimo

Torna a Alpinismo - Grandi montagne - Spedizioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.