Dufour Cresta Rey

Arrampicata e alpinismo su roccia in montagna

Dufour Cresta Rey

Messaggioda gmigliore » ven apr 28, 2006 17:31 pm

Potete indicarmi difficoltà, tempi e consigli utili per l'ascensione della
Dufour per la Cresta Rey, differenze con la via normale italiana.
Grazie
gmigliore
 
Messaggi: 22
Iscritto il: ven ott 21, 2005 8:11 am

Re: Dufour Cresta Rey

Messaggioda giudirel » ven apr 28, 2006 19:11 pm

gmigliore ha scritto:Potete indicarmi difficoltà, tempi e consigli utili per l'ascensione della
Dufour per la Cresta Rey, differenze con la via normale italiana.
Grazie


Via normale italiana?
Sul versante italiano della Dofour c'è una roba poco normale... Intendi passando dal Colle Gnifetti o dalla Castelfranco?
Ieri è storia, domani è un mistero, ma oggi è un dono e per questo si chiama presente.
Avatar utente
giudirel
 
Messaggi: 2213
Images: 49
Iscritto il: gio set 08, 2005 10:16 am
Località: Caslino d'Erba

Re: Dufour Cresta Rey

Messaggioda Italo B. » ven apr 28, 2006 19:19 pm

gmigliore ha scritto:Potete indicarmi difficoltà, tempi e consigli utili per l'ascensione della
Dufour per la Cresta Rey, differenze con la via normale italiana.
Grazie

http://www.forum.planetmountain.com/php ... cresta+rey

Italo B.
Avatar utente
Italo B.
 
Messaggi: 372
Images: 5
Iscritto il: gio mag 09, 2002 9:52 am
Località: (AL)

Re: Dufour Cresta Rey

Messaggioda schen » ven apr 28, 2006 19:31 pm

gmigliore ha scritto:Potete indicarmi difficoltà, tempi e consigli utili per l'ascensione della
Dufour per la Cresta Rey, differenze con la via normale italiana.
Grazie


Ciao, nel luglio '94 l'ho fatta andando a dormire al Biv del Balmenhorn. Con calma, ci arrivi in 3 ore da p.ta Indren, magari al mattino, così hai il tempo di assorbire la botta della funivia.
Il giorno dopo siamo partiti alle 4 dal biv e dopo aver raggiunto il colle del Lys siamo scesi leggermente, traversando sotto i contrafforti della Zumstein (in questo tratto c'erano diversi buchi orientati nel senso di marcia, mica tanto bello...). Lo sperone è evidente e scende direttamente dalla vetta. Nel tratto iniziale (per i primi 150 m) stai su un comodo pendio di neve a destra e poi, all'altezza di una piccola torre, sali sul filo dello sperone e non lo molli più fino in vetta. Dal bivacco noi ci avevamo messo circa 5 ore e 1/2, senza correre. Al massimo trovi del 3° su misto, le difficoltà sono gestibilissime e puoi rilassarti guardandoti attorno (ambiente spaziale!).
La discesa verso il c.le Gnifetti per la "normale" non è proprio banale. Il primo tratto orizzontale è bellissimo ed estetico, abbastanza facile se non ci sono grandi cornici. Poi scendi bruscamente su misto delicato, fino ad una placca di circa 40 metri dove è stato anche piazzato un ottimo ancoraggio per una eventuale doppia (da usare assolutamente in caso di verglas sulla placca!). Dopo la placca, le difficoltà sono terminate. Ancora qualche roccetta e poi arrivi al colletto tra Dufour e Zumstein e da li risali 150 m. in vetta alla P.ta Zumstein (faticoso, dopo il mazzo in quota.., ma senza difficoltà).
Da qui scendi facilmente verso il solito megatraccione della p.ta Gnifetti e caracolli a valle, verso la birra di Alagna!
Buona gita! :wink:
schen
Namastè!.. masste mac nen.
Avatar utente
schen
 
Messaggi: 626
Images: 53
Iscritto il: mer ott 12, 2005 15:02 pm
Località: Vallée d'Aoste

Messaggioda schen » ven apr 28, 2006 19:57 pm

Ho trovato una foto dove ho riportato il percorso "a grandi linee".. :roll:

Immagine
Ultima modifica di schen il mar mag 02, 2006 14:01 pm, modificato 1 volta in totale.
Namastè!.. masste mac nen.
Avatar utente
schen
 
Messaggi: 626
Images: 53
Iscritto il: mer ott 12, 2005 15:02 pm
Località: Vallée d'Aoste

Messaggioda gmigliore » mar mag 02, 2006 13:32 pm

Grazie schen ma la foto non si vede
gmigliore
 
Messaggi: 22
Iscritto il: ven ott 21, 2005 8:11 am

Messaggioda schen » mar mag 02, 2006 13:46 pm

gmigliore ha scritto:Grazie schen ma la foto non si vede



Sono un ciclopico pirla... Scusa! :oops:
Manovro meglio i nuts dei "conpiuters" :wink:
Adesso provo a rimediare..
Namastè!.. masste mac nen.
Avatar utente
schen
 
Messaggi: 626
Images: 53
Iscritto il: mer ott 12, 2005 15:02 pm
Località: Vallée d'Aoste

Messaggioda schen » mar mag 02, 2006 14:04 pm

gmigliore ha scritto:Grazie schen ma la foto non si vede


Ecco, adesso dovresti vederla.. spero :?
Sempre nel precedente post.
Ciao!
schen
Namastè!.. masste mac nen.
Avatar utente
schen
 
Messaggi: 626
Images: 53
Iscritto il: mer ott 12, 2005 15:02 pm
Località: Vallée d'Aoste

Re: Dufour Cresta Rey

Messaggioda Thinkice » mar mag 02, 2006 18:12 pm

schen ha scritto:
gmigliore ha scritto:Potete indicarmi difficoltà, tempi e consigli utili per l'ascensione della
Dufour per la Cresta Rey, differenze con la via normale italiana.
Grazie


Ciao, nel luglio '94 l'ho fatta andando a dormire al Biv del Balmenhorn. Con calma, ci arrivi in 3 ore da p.ta Indren, magari al mattino, così hai il tempo di assorbire la botta della funivia.
Il giorno dopo siamo partiti alle 4 dal biv e dopo aver raggiunto il colle del Lys siamo scesi leggermente, traversando sotto i contrafforti della Zumstein (in questo tratto c'erano diversi buchi orientati nel senso di marcia, mica tanto bello...). Lo sperone è evidente e scende direttamente dalla vetta. Nel tratto iniziale (per i primi 150 m) stai su un comodo pendio di neve a destra e poi, all'altezza di una piccola torre, sali sul filo dello sperone e non lo molli più fino in vetta. Dal bivacco noi ci avevamo messo circa 5 ore e 1/2, senza correre. Al massimo trovi del 3° su misto, le difficoltà sono gestibilissime e puoi rilassarti guardandoti attorno (ambiente spaziale!).
La discesa verso il c.le Gnifetti per la "normale" non è proprio banale. Il primo tratto orizzontale è bellissimo ed estetico, abbastanza facile se non ci sono grandi cornici. Poi scendi bruscamente su misto delicato, fino ad una placca di circa 40 metri dove è stato anche piazzato un ottimo ancoraggio per una eventuale doppia (da usare assolutamente in caso di verglas sulla placca!). Dopo la placca, le difficoltà sono terminate. Ancora qualche roccetta e poi arrivi al colletto tra Dufour e Zumstein e da li risali 150 m. in vetta alla P.ta Zumstein (faticoso, dopo il mazzo in quota.., ma senza difficoltà).
Da qui scendi facilmente verso il solito megatraccione della p.ta Gnifetti e caracolli a valle, verso la birra di Alagna!
Buona gita! :wink:
schen


Sai per caso se salendo dalla Monterosahutte la cresta finale è difficile? Grazie
Avatar utente
Thinkice
 
Messaggi: 93
Iscritto il: lun lug 18, 2005 22:52 pm

Re: Dufour Cresta Rey

Messaggioda schen » mar mag 02, 2006 18:44 pm

Thinkice ha scritto:Sai per caso se salendo dalla Monterosahutte la cresta finale è difficile? Grazie


A quanto mi risulta non presenta difficoltà particolari, ma è solo un "report" di impressioni ricavate da altri perchè dalla Svizzera non sono mai salito. So che si arriva in cresta per un facile pendio di neve, dal ghiacciaio tra la Nordend e la Dufour, e si raggiunge un colletto (il Sattel) Poi si segue il filo per circa 250 m di dislivello fino in cima. Dalla vetta mi era sembrata una cresta di neve e misto facile, ma preferirei che lo scrivesse qualcuno che l'ha percorsa! :wink:
Oltreuttto stiamo parlando di uno "sguardo" che ha ormai 12 anni.. :roll:
ciao!
schen
Namastè!.. masste mac nen.
Avatar utente
schen
 
Messaggi: 626
Images: 53
Iscritto il: mer ott 12, 2005 15:02 pm
Località: Vallée d'Aoste

Messaggioda gmigliore » ven mag 05, 2006 15:28 pm

GRANDE Schen!!!
Grazie dei consigli e della foto
gmigliore
 
Messaggi: 22
Iscritto il: ven ott 21, 2005 8:11 am


Torna a Arrampicata in montagna

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 23 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.