Corda semistatica o dinamica?

Consigli, tecniche, materiali e varie utilità.

Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda Alfonso Gallo » mer dic 12, 2018 9:42 am

Trovandomi spesso ad arrampicare da solo ultimamente, facendomi sicura su corda con bloccante ventrale croll, mi chiedevo se allo scopo non fosse più opportuno usare una corda semistatica piuttosto che dinamica come faccio di solito, visto che in questo caso (moulinette solitaria) si parla più precisamente di risalita su corda, quindi un'eventuale caduta con sistema bloccante a dentini (come appunto il croll) comporterebbe un fattore di caduta vicino allo zero (si rimane appesi) rendendo superfluo l'uso di una corda dinamica concepita invece per dissipare parte dell'energia di un caduta. Che ne pensate?
Alfonso Gallo
 
Messaggi: 46
Iscritto il: dom mar 18, 2018 14:48 pm

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda gug » mer dic 12, 2018 12:23 pm

Penso che hai assolutamente ragione.
Anch'io scalo spesso con quel sistema ed è sicuramente meglio una corda statica: l'unica cosa è che di solito io uso corde vecchie che non uso più per andare da primo e quindi sempre dinamiche.
Se la corda è una corda intera e con diametro sopra il 9 e se il tiro non è molto lungo, la differenza non è molto accentuata. Ultimamente però su un tiro di 25 m sto usando una mezza corda e sto notando che l'allungamento è eccessivo: quando mi appendo nella prima metà del tiro scendo un metro e mezzo per l'allungamento.
In questo caso perciò sto pensando di comprare una corda statica per poter fermarmi dove voglio.
"montagne che varcai, dopo varcate, sì grande spazio d'in su voi non pare"

Traguardi Effimeri
Link per raccolta topic del forum
Avatar utente
gug
 
Messaggi: 6115
Images: 75
Iscritto il: ven lug 19, 2002 13:29 pm
Località: Recanati

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda wolf jak » mer dic 12, 2018 13:42 pm

mah...boh... :?

mai praticata quest'attività, però mi chiedo: ci sono casi in cui il croll (o similare) non è salito perfettamente, e si è creata un po' di pancetta di corda?
magari non avete le mani libere perché c'è un passo impegnativo, ma "dopo il passaggio c'è il riposo e sistemo lì la corda"?

ecco, un voletto in questo caso non è esattamente appendersi. E più si è vicini alla sosta più dovrebbe essere peggio. Non avete nulla che dissipi tranne la corda (salvo non mettere uno "screamer" o similara alla sosta), non so se mi toglierei pure questa dissipazione a cuor leggero...

Se poi l'unico vantaggio è che quando ci si appende non si cala, il problema non sussiste: siete lì per arrampicare, mica per fare resting :twisted:
Avatar utente
wolf jak
 
Messaggi: 2203
Images: 0
Iscritto il: mar ott 13, 2015 12:06 pm
Località: Verona

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda madflyhalf » mer dic 12, 2018 13:50 pm

wolf jak ha scritto:mah...boh... :?

mai praticata quest'attività, però mi chiedo: ci sono casi in cui il croll (o similare) non è salito perfettamente, e si è creata un po' di pancetta di corda?
magari non avete le mani libere perché c'è un passo impegnativo, ma "dopo il passaggio c'è il riposo e sistemo lì la corda"?

ecco, un voletto in questo caso non è esattamente appendersi. E più si è vicini alla sosta più dovrebbe essere peggio. Non avete nulla che dissipi tranne la corda (salvo non mettere uno "screamer" o similara alla sosta), non so se mi toglierei pure questa dissipazione a cuor leggero...

Se poi l'unico vantaggio è che quando ci si appende non si cala, il problema non sussiste: siete lì per arrampicare, mica per fare resting :twisted:


Quoto.

Però sono uno che in autosicura in falesia faccio i 5a max e sudo come un animale, quindi il problema della corda troppo elastica è secondario a quanto sono sega io con corda dall'alto :lol:
Divieto di sosta
madflyhalf
 
Messaggi: 26
Iscritto il: dom ott 14, 2018 10:50 am
Località: Casalacc'

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda gug » mer dic 12, 2018 14:57 pm

wolf jak ha scritto:mah...boh... :?

mai praticata quest'attività, però mi chiedo: ci sono casi in cui il croll (o similare) non è salito perfettamente, e si è creata un po' di pancetta di corda?
magari non avete le mani libere perché c'è un passo impegnativo, ma "dopo il passaggio c'è il riposo e sistemo lì la corda"?

ecco, un voletto in questo caso non è esattamente appendersi. E più si è vicini alla sosta più dovrebbe essere peggio. Non avete nulla che dissipi tranne la corda (salvo non mettere uno "screamer" o similara alla sosta), non so se mi toglierei pure questa dissipazione a cuor leggero...

Se poi l'unico vantaggio è che quando ci si appende non si cala, il problema non sussiste: siete lì per arrampicare, mica per fare resting :twisted:


Parto dalla fine: spesso utilizzo questo sistema per il superlavorato nelle fasi iniziali quando i passaggi occorre impararli e quindi spesso ci si appende ed è meglio rimanere vicini al passaggio che si sta studiando.

Per quanto riguarda l'altro aspetto, ti assicuro che il croll dopo i primi metri scorre sempre benissimo, ma anche se non succede lo si percepisce subito, bastano pochi centimetri: io allora mi fermo subito e mi appendo appena percepisco il non scorrimento senza rischiare voli. In quei casi non mi pongo proprio lo scrupolo di continuare a scalare in attesa del riposo, tanto si va con la corda dall'alto per allenamento e non è che si sta tentando di di chiudere un tiro :wink:
In tali situazioni comunque il problema non è tanto la corda statica o dinamica: è il croll stesso che non è fatto per trattenere un volo.
"montagne che varcai, dopo varcate, sì grande spazio d'in su voi non pare"

Traguardi Effimeri
Link per raccolta topic del forum
Avatar utente
gug
 
Messaggi: 6115
Images: 75
Iscritto il: ven lug 19, 2002 13:29 pm
Località: Recanati

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda Kinobi » mer dic 12, 2018 22:38 pm

Non userei nemmeno sotto tortura una statica per scalare.
E non userei il Croll su una statica se non solo ed esclusivamente per cui è stato progettato e nel modo per cui è stato progettato.
Il Croll non è proprio il massimo della vita per questo uso, casomai nel dubbio... googolate. :mrgreen:
http://www.sns-cai.it/item/nuovo-croll- ... ella-petzl
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 5275
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda Alfonso Gallo » mer dic 12, 2018 23:39 pm

[quote="Kinobi"]Non userei nemmeno sotto tortura una statica per scalare.
E non userei il Croll su una statica se non solo ed esclusivamente per cui è stato progettato e nel modo per cui è stato progettato.
Il Croll non è proprio il massimo della vita per questo uso, casomai nel dubbio... googolate. :mrgreen:
http://www.sns-cai.it/item/nuovo-croll- ... ella-petzl

Il croll è destinato principalmente ad un uso speleo come bloccante ventrale per risalita su corda abbinato ovviamente ad altri attrezzi tipo carrucole, maniglie, ecc., su corde statiche o semistatiche (almeno così viene descritto per il suo utilizzo) per cui non mi pare così assurdo come discorso. Poi è chiaro che in questo caso subentrano altri fattori che potrebbero compromettere il suo corretto funzionamento (tipo trovarsi a fare un traverso mentre si arrampica). E visto che tutto sommato qui si parla semplicemente di risalire una corda in arrampicata, secondo me ci può anche stare il discorso della corda semistatica. Ho postato un video alcuni giorni fà in una discussione simile sull'autosicura qui nel forum che molti di voi avranno forse già visto, e nel quale si può notare chiaramente la tecnica di risalita e la scorrevolezza del croll. Ho usato in quell'occasione una corda dinamica. E comunque anch'io come madflyhalf per questo tipo di attività difficilmente vado oltre un 5b o c

https://youtu.be/diGaTFB8o20
Alfonso Gallo
 
Messaggi: 46
Iscritto il: dom mar 18, 2018 14:48 pm

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda gug » gio dic 13, 2018 13:31 pm

Kinobi ha scritto:Non userei nemmeno sotto tortura una statica per scalare.
E non userei il Croll su una statica se non solo ed esclusivamente per cui è stato progettato e nel modo per cui è stato progettato.
Il Croll non è proprio il massimo della vita per questo uso, casomai nel dubbio... googolate. :mrgreen:
http://www.sns-cai.it/item/nuovo-croll- ... ella-petzl


Non so perchè dici questo Kinobi: di fatto a me sembra di utilizzare il croll esattamente nel modo in cui è stato progettato e per questo sarebbe anche più adatto l'utilizzo di corde statiche.
Di fatto lo utilizzo su una corda fissa che sto risalendo con l'unica differenza che invece di appendermi a ogni passo, lo faccio solo all'occorrenza mentre normalmente invece di risalire con il piede sulla staffa della maniglia, lo faccio coi piedi e le mani sulla roccia. Di fatto però spesso questa modalità di risalita si alterna a quella su maniglia anche in speleo dove il terreno lo consente.
Infatti i documenti di Petzl non vietano l'utilizzo in autoassicurazione in arrampicata, per il quale anzi consigliano i bloccanti tipo croll, semplicemente suggeriscono di utilizzare due attrezzi, meglio se su due corde diverse. Questo per una doppia assicurazione e non perchè l'attrezzo non è adatto.
Effettivamente io quasi mai faccio così, ma questo perchè ritengo che nell'utilizzo che io faccio posso farne a meno in quanto gli ancoraggi che utilizzo sono a prova di bomba (di solito la catena di calata) e quindi non ho il problema che esiste in speleologia della possibilità del cedimento di un frazionamento con conseguente volo e possibilità che i dentini del croll non trattengano la caduta.
Oltre a ciò, l'altro problema che può esistere è quello dell'abrasione della corda durante lo scorrimento su spigoli dovuto alla risalita, cosa per la quale in speleo di fraziona la corda, ma in arrampicata su monotiri questo scorrimento è difficile che si realizzi e se ho dei dubbi faccio comunque il frazionamento sui fix o sui resinati del tiro.
In alcune situazioni dove mi sento meno sicuro (traversi o strapiombi) utilizzo comunque anche la maniglia (che ho sempre dietro) per avere appunto una doppia sicura.
Certamente questo sistema lo consiglio solo a chi ha esperienza di risalita con tecniche speleo e qualche volta ho consigliato di frequentare appunto un corso di introduzione alla speleologia a chi mi chiedeva informazioni per il suo utilizzo: io l'ho adottato dopo 15 anni di pratica speleo e mi sono sempre trovato bene :wink:
"montagne che varcai, dopo varcate, sì grande spazio d'in su voi non pare"

Traguardi Effimeri
Link per raccolta topic del forum
Avatar utente
gug
 
Messaggi: 6115
Images: 75
Iscritto il: ven lug 19, 2002 13:29 pm
Località: Recanati

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda Kinobi » gio dic 13, 2018 20:11 pm

@Gug
mantengo la mia opinione scritta prima.
E se vuoi sai come trovare il mio telefono.
Baci
E
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 5275
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda climbalone » ven dic 14, 2018 1:02 am

Alfonso Gallo ha scritto:Trovandomi spesso ad arrampicare da solo ultimamente, facendomi sicura su corda con bloccante ventrale croll, mi chiedevo se allo scopo non fosse più opportuno usare una corda semistatica piuttosto che dinamica come faccio di solito, visto che in questo caso (moulinette solitaria) si parla più precisamente di risalita su corda, quindi un'eventuale caduta con sistema bloccante a dentini (come appunto il croll) comporterebbe un fattore di caduta vicino allo zero (si rimane appesi) rendendo superfluo l'uso di una corda dinamica concepita invece per dissipare parte dell'energia di un caduta. Che ne pensate?

Corda dal basso o corda dall'alto?
Giusto per evitare fraintendimenti...
Liberté, Egalité, Fraternité
Avatar utente
climbalone
 
Messaggi: 1554
Images: 1
Iscritto il: mar lug 21, 2009 8:31 am
Località: Trento

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda Alfonso Gallo » ven dic 14, 2018 9:04 am

Sempre e solo corda dall'alto
Alfonso Gallo
 
Messaggi: 46
Iscritto il: dom mar 18, 2018 14:48 pm

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda climbalone » lun dic 17, 2018 22:26 pm

Alfonso Gallo ha scritto:Sempre e solo corda dall'alto

Ah, ecco.
Beh non sono il massimo esperto qui, ma se sei assicurato dall'alto, e il dispositivo non crea laschi, quindi non puoi mai volare ma solo restare appeso, la corda dinamica non mi pare realmente utile, anzi se il tiro è lungo e ti appendi, soprattutto nella parte bassa, con l'elasticità di una dinamica scendi abbastanza, mentre nel caso contrario resti all'altezza a cui ti trovi.
Che forse è preferibile.
Liberté, Egalité, Fraternité
Avatar utente
climbalone
 
Messaggi: 1554
Images: 1
Iscritto il: mar lug 21, 2009 8:31 am
Località: Trento

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda Sbob » mar dic 18, 2018 17:53 pm

Non so come si proceda in speleologia, ma suppongo che la risalita avvenga tirando solo sulla corda (tramite il croll). In tal caso non ci sono eventi dinamici (carichi la corda da fermo, poi tiri).

Nel caso dell'arrampicata usando la fissa come sicura invece si cade dinamicamente sulla corda. Di poco, ma si cade.
Avatar utente
Sbob
 
Messaggi: 6794
Images: 2
Iscritto il: ven set 14, 2007 12:49 pm

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda Alfonso Gallo » mar dic 18, 2018 20:41 pm

Sbob ha scritto:Non so come si proceda in speleologia, ma suppongo che la risalita avvenga tirando solo sulla corda (tramite il croll). In tal caso non ci sono eventi dinamici (carichi la corda da fermo, poi tiri).

Nel caso dell'arrampicata usando la fissa come sicura invece si cade dinamicamente sulla corda. Di poco, ma si cade.


In effetti si. Se si cade, seppur in maniera davvero minima, si può parlare di evento dinamico. Ma credo che sia talmente trascurabile il fattore di caduta da non costituire un grosso pericolo (visto che praticamente, soprattutto adesso che uso una corda statica, si và giù alcuni cm al max)
Alfonso Gallo
 
Messaggi: 46
Iscritto il: dom mar 18, 2018 14:48 pm

Re: Corda semistatica o dinamica?

Messaggioda gug » mer dic 19, 2018 17:36 pm

Sbob ha scritto:Non so come si proceda in speleologia, ma suppongo che la risalita avvenga tirando solo sulla corda (tramite il croll). In tal caso non ci sono eventi dinamici (carichi la corda da fermo, poi tiri).

Nel caso dell'arrampicata usando la fissa come sicura invece si cade dinamicamente sulla corda. Di poco, ma si cade.


Non è così.
Quando si sale in speleo si fa forza sul pedale della maniglia, si porta il croll in alto e poi ci si appende sul croll. I laschi si possono creare anche in questo caso, ma vanno evitati e di fatto dopo i primi metri sono praticamente nulli. Questa è la normale progressione, ma se ci si trova a salire su terreno poco inclinato o se ci sono appoggi sulla parete nulla vieta di utilizzare i piedi invece che la staffa, anche perchè può essere più comodo.
Se si sale in arrampicata invece si sale sempre utilizzando questo secondo tipo di progressione e quando ci si vuole fermare o se si "vola" di fatto ci si trova appesi sul croll nella stessa maniera in cui avviene nella progressione speleo.
Il vero pericolo in questo tipo di progressione non è la dinamicità o meno della corda, ma gli altri aspetti che ho indicato prima: la possibilità di cedimento di ancoraggi di frazionamento con non trattenuta dei bloccanti e possibilità di abrasione della corda nelle risalite.
Aggiungerei anche la possibilità che il croll esca nel caso di traversi o progressioni particolari che vengono indicate bene nella documentazione Petzl.
"montagne che varcai, dopo varcate, sì grande spazio d'in su voi non pare"

Traguardi Effimeri
Link per raccolta topic del forum
Avatar utente
gug
 
Messaggi: 6115
Images: 75
Iscritto il: ven lug 19, 2002 13:29 pm
Località: Recanati


Torna a Tecniche e materiali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.