ridare il trattamento waterproof

Consigli, tecniche, materiali e varie utilità.

ridare il trattamento waterproof

Messaggioda Luko » mer set 23, 2020 11:53 am

è efficace ridare il trattamento waterproof? quale prodotto è buono?

comprai uno sprai da cisalfa mu fu un fallimento

ha senso fare questo trattamento su un completo antipioggia da moto? recentemente ho fatto pochi km sotto la pioggia in moto e passava l'acqua sotto all'antipioggia di plastica. assurdo!
Avatar utente
Luko
 
Messaggi: 69
Iscritto il: gio apr 01, 2010 15:19 pm

Re: ridare il trattamento waterproof

Messaggioda Kinobi » mer set 23, 2020 12:54 pm

A fagiolo.
Sono anche io un motociclista. Sarò lungo perchè ho ora una querelle con un negozio sul whats per cui spiego per bene.
Un tessuto per essere impermeabile, fa conto su tre barriere. Fai attenzione all'ordine delle barriere.

a) DWR esterno, quello che vuoi te. Fa scivolare più facilmente l'acqua. Non è una vera barriera, ma aiuta la barriera.
b) il tessuto che non è impermeabile a meno che non sia PCV (plastica compatta, tipo ponchos dei benzinai). Ci sono tessuti molto resistenti all'acqua.
c) Membrane e spalmature messe dietro il tessuto, esse fermano l'acqua quando essa trafila il a) ed il b).

Se uno pensa che un a) unto e bisunto e lasciato alle intemperie per anni, sia funzionale, allora deve fare conto su b), che non è impermeabile, per cui ha fede cieca su c). Il fatto che c) entra in funzione dopo che a) e b) sono stati sopraffatti ovvero sono stonfi (fradici).

Io raramente ho visto un capo da alpinismo realmente non impermabile. Io invidio tutti color quelli che dicono che fa acqua dappertutto. La mia giacca per la moto è un reso di un cliente che asseriva che faceva acqua, e io la usai per circa 520 km sotto la pioggia e penso sia impermeabile :x Troppo confondono acqua con condensa. Oppure tessuti del menga che hanno solo il b) con a) e c) distrutti.

Spendo una parola sui DWR, ovvero mi autoquoto:
Kinobi ha scritto:
Neuro ha scritto:
Kinobi ha scritto:La giacca non è difettata. Ho detto al negozio che secondo il mio punto di vista, tu non saresti stato soddisfato di quel genere di prodotto nemmeno se lo cambiavamo e, di conseguenza, di dirottarti su un capo di performance superiori che (forse), ti avrebbe soddisfatto.

Per il buono è una loro scelta, che tra l'altro è prassi comune in tutti i negozi.

Ho usato io la giacca Sabato e Domenica scorsa ( e mi pare piovesse) e secondo me è ok.
Saluti,
E



Sarò ignorante in materia, ma un tessuto che lascia trasparire internamente il bagnato, per me assorbe, che è tutto il contrario di essere impermeabile (e non stiamo parlando di 1 ora sotto l'acqua).

Cercando in rete, infatti ho trovato altri che hanno avuto il mio problema:
http://www.trailspace.com/gear/marmot/p ... t/#reviews


Cmq vabbè alla fine ho risolto, ho accettato il rimborso e ordinato un'altra giacca, grazie.


Guarda, mi sono preso la briga di leggere tutti i commenti del link che hai postato.
A prescindere che di norma (lo dicono le statistiche, non io) per uno che si lamenta, ce ne sono 10 di contenti (o una persona che si lamenta fa il danno di dieci che non si lamenta).

Quello che dici te, come ti spiega dopo Sbob, non è la stessa cosa.

Una cosa è il trattamento di idrorepellenza la cui misurazione è stata inventata da WL Gore and Associates. L'altra cosa è l'impermeabilità.
Ed un'altra cosa è la condensa.
Per rifare contento Dolomia, vediamo cosa dicono gli altri sui tre punti:
http://it.wikipedia.org/wiki/Condensazione
http://it.wiktionary.org/wiki/idrorepellenza
Perfino WL Gore and Associates ammette che ogni tanto l'idrorepellenza è da ripristinare, perciò le foto con "giacche apparentemente bagnate" saranno sempre molto diffuse nei forums...
http://www.gore-tex.it/remote/Satellite ... CareCenter
Ed infine
http://it.wikipedia.org/wiki/Impermeabilit%C3%A0



http://it.wikipedia.org/wiki/Condensazione

Partendo da un presupposto che, l'essere umano traspira allo stato di vapore, le giacche traspirano allo stato di vapore (se ci riescono?!?!?!?), e l'acqua che dicono di entrare è allo stato liquido (che non è vapore), in certe circostanze si deve partire, dal presupposto che:
Il vapore diventa condensa.
La condensa è H2O.
Il GTX o le membrane traspirano allo stato di vapore.
Se il vapore tocca una superficie fresca (andando verso la macchina, ad esempio, i famosi cento metri), diventa condensa. Se invece oltre che i 100 metri parliamo di tre km, forse tutto si scalda e la condensa diventa "vapore" per traspirare.
Spero di esseermi spiegato.
Il trattamento di idrorepellenza non ha nulla a che vedere con traspirazione e "far passare l'acqua". E' quella funzione che fa si che l'H2O scivola dal tessuro esterno.

Ciao,
E
PS. nota di colore. Molti trattamenti di idrorepellenza sono ritenuti responsabili del calo degli infarti ( :D :oops: 8O 8O 8O :D :o ). E' vero.
Il Teflon che si usa in tanti tipi di trattamenti di idrorepellenza (ma anche per far rimanere lucide le autovetture, i tappeti delle case, non far attaccare ai sacchetti di nylon la polvere, mantenere lucide le tastiere dei computer, praticamente tutto....) sono a base di Teflon. Il Teflon NON è biodegradabile (forever). Si è trovato che il teflon usato, ritorna nella catena alimentare, e gli esseri umani (ed animali) lo assorbono: si è trovato che uno strato di teflon sulle nostre vene ( 8O 8O 8O 8O 8O 8O 8O 8O 8O 8O 8O 8O 8O , verissimo) fa diminuire le malattie cardiovascolari. Come dove e quando il Teflon scomparirà, non è dato a sapersi. Non è dato a sapersi le conseguenze del Teflon nel nostro corpo per un uso estensivo (eccetto far diminuire le malattie cardiovascoli).
Personalmente propendo per giacche bagnate, macchine poco lucide, capelli crespi (lacca), e una sana grigliata sulla ghisa, piuttosto che una mano di olio nelle mie vene.
E' tutto vero. Non è fantascienza.
E


Da allora devo dire che i DWR senza PFC (diciamo dagli ultimi 2/3 anni) sono peggiori. Ovvero per evitare che rimanessero nella catena alimentare, li hanno resi deboli (molecole di C4, C6 al posto di C8 = atomi di carbonio). Per cui i DWR sono effettivamente più deboli di prima.

Dopo questa enorme divagazione... ritorno alla tua domanda.
Facendone una: ma questo copri pioggia, ha una marca? Ha un tessuto, Che costo ha?
Generalmente per "riattivare" il DWR si applica calore = si stira, o phon, senza fondere il capo.
Oppure si usano dei prodotti da mettere in lavatrice (tanto abbiamo appurato che lo abbiamo già sulle vene il teflon =D> ), io consiglio NikWax o Granger (quest'ultimo pure chimica) e quando il capo esce si stira o meglio asciugatrice a caldo.
Oppure, si passa il capo con una candela (!) anche se si vedono le righe.
Oppure da rider, e non è balla, quando vai a lavare la moto, fidati, mettiti l'antipioggia e fatti spruzzare addosso il programma "cera" a modica cifra di 0,50 euro. Non macchia e dura più del tempo che ti ci vuole per rilavare a moto.

Lamps.
E

Da Rider, ed agente di commercio (milioni di KM). Per darti l'idea della durezza dei prodotti tossici dei DWR, gli additivi antisporco/fumo per i diesel sono a base di C12 e C14. Sono così feroci che durano per 20000 km (uguale che passano sugli ugelli microscopici dell'iniezione) che sono tra i 1500 litri di nafta o giù di li. Beh... pensa che ferocia! La macchina non fa proprio fumo!
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 6054
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: ridare il trattamento waterproof

Messaggioda Luko » mer set 23, 2020 21:23 pm

kinobi 6 un pozzo di sapere. quindi se bevo teflon posso consumare più grassi? scherzo

il giubbino (tipo kway) è un hevik. stesso problema con i guantoni tucano urbano. anni fa mi succedeva lo stesso con delle salomon goretex da 40€ del decatlon. una botta la darei anche sui giubbini mezza stagione quecha e su un vecchio giaccone da snowboard fuoripista della salewa (non mi ricordo il materiale, un brevetto loro). tutta robba vecchia e stravecchia. la salvo sta robba? o me la compro nuova?
Avatar utente
Luko
 
Messaggi: 69
Iscritto il: gio apr 01, 2010 15:19 pm

Re: ridare il trattamento waterproof

Messaggioda Kinobi » gio set 24, 2020 9:03 am

hhhmmm....
Non ti ho detto la differenza tra DWR messo a spruzzo, DWR messo a caldo, DWR messo a caldo e pressione e DWR in autoclave. Non lo dice quasi mai nessuno, ma i miei clienti sentono questa storia ogni tanto. Sono il responsabile di una ditta di abbigliamento da montagna per l'Italia. Purtroppo si sta perdendo una parte di sapere cannibilizzata da gente che va in negozio a chiedere spiegazioni e poi fa a acquisti in a-marxon.com.

Siccome hai vari capi, io farei un tentativo con una lavatrice con Nikwax o similare, e poi un giro in asciugatrice a temperature calde. Avrai certamente anche ALTRI capi con DWR da ravvivare per fare il peso ed economizzare il costo (infatti, tanti che si lamentano del DWR, non pensano che a fare una lavatrice da 6 kg di roba, costa meno fatica che rompere i maroni).
Nota che, a 100 kmh o in un guanto che raspa la neve, un DWR non resisterà mai. Prova al alzare il muso fuori dal cupolino per 1 minuto senza visiera o tirare una strisciata di 30 metri sulla neve e mi dirai.

Ciao
E
PS: non teflon, ma olio di semi di lino spremuto a freddo ogni mattina, 1 cucchiaino. Alla sera un cucchiaino di olio di canapa.
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 6054
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: ridare il trattamento waterproof

Messaggioda Kinobi » gio set 24, 2020 9:06 am

Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 6054
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: ridare il trattamento waterproof

Messaggioda Drugo Lebowsky » gio set 24, 2020 21:36 pm

nikwax usato su corde (quello per le corde)
e su tessuti (quello per...)
la specifica ridondante è a scanso di incomprensioni (...)
funziona
funziona, ma uno non deve aspettarsi una condizione della giacca o della corda ante utilizzo
diciamo che prolunga una condizioni "accettabile" dell'articolo
Avatar utente
Drugo Lebowsky
 
Messaggi: 8878
Images: 77
Iscritto il: ven feb 06, 2004 16:20 pm

Re: ridare il trattamento waterproof

Messaggioda Kinobi » mar nov 21, 2023 14:25 pm

Uno dei migliori video sul Gore Tex mai visto e fatto.
Tante cose che più o meno dicevo nel mio forum, ma tutto andato perso.
Buona visione.

https://www.youtube.com/watch?v=GGEzJJYiROk
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 6054
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm


Torna a Tecniche e materiali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.