Cima grande lavaredo via normale

Arrampicata e alpinismo su roccia in montagna

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda EvaK » sab dic 03, 2016 22:24 pm

Ma scusa, ai corsi che hai fatto non ti hanno spiegato nulla sulla differenza tra ambiente e falesia?
Non solo i gradi, quelli contano ma in modo relativo. Ma sulla differenza di impegno globale, su quanto sia diverso abbandonare un tiro troppo duro piuttosto che una via che conduce a una cima?

Scusami, non ti conosco, non so che esperienza hai come escursionista, ma io non partirei in inverno per una normale alla Grande di Lavaredo pensando che se la trovo troppo impegnativa scendo. Sai scendere? sai cosa fare se per sbaglio esci di via? Perché non è che disarrampichi fino allo spit sotto e poi ti cali. Se viene buio e siete in mezzo alle doppie? (che già con la luce non è un sentiero con i bolli ogni 2 metri).
Se, se, se.
Certo che se uno ragiona con i se rischia di non uscire mai di casa, ma passare da escursionismo e arrampicata sportiva ad una invernale su una "Normale" di questo tipo ne passa, e parecchia.
Da come hai posto la questione e dalle domande che poni io mi sentirei di consigliarti di posticipare perché forse non hai capito bene che tipo di esperienza hai in mente di fare. Semplicemente sai scalare ma ti manca esperienza in montagna anche solo per saper valutare un bel po' di cose.

Se vuoi fare una invernale hai a disposizione qualche salita nel lecchese a portata di giornata (tipo cresta Ongania). ALmeno per capire un po' come ci si muove su quel tipo di terreno. Magari provando prima qualche via esposta a sud in Grignetta, così giusto per capire che differenza fa tra un IV in montagna in inverno e un 6a in falesia.

my 2 cents.
"Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne" (Immanuel Kant)

http://evak.altervista.org
Avatar utente
EvaK
 
Messaggi: 3330
Images: 10
Iscritto il: mar mag 20, 2008 17:08 pm
Località: Brescia

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Scannagatti » dom dic 04, 2016 0:31 am

Mi raccomando Dario, tienici informati.
Sarebbe molto bello che alla fine condivideste con tutto il forum questa fantastica esperienza. :wink:
Pastasuta col bisato e vin bon.
Avatar utente
Scannagatti
 
Messaggi: 236
Iscritto il: gio feb 12, 2015 13:27 pm
Località: Colà

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Patrizio70 » lun dic 05, 2016 0:11 am

Ambroda, vai tranquillo ... ma prima, mi raccomando, controlla che siano attive le comuniazioni radio!!!
viewtopic.php?f=25&t=54613&hilit=Radio

Se no rimani a casa!!
Sarà tempo per dormir che noi non saremo
Patrizio70
 
Messaggi: 127
Images: 1
Iscritto il: ven giu 14, 2013 14:36 pm

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Ambroda » lun dic 05, 2016 7:54 am

EvaK ha scritto:Ma scusa, ai corsi che hai fatto non ti hanno spiegato nulla sulla differenza tra ambiente e falesia?
Non solo i gradi, quelli contano ma in modo relativo. Ma sulla differenza di impegno globale, su quanto sia diverso abbandonare un tiro troppo duro piuttosto che una via che conduce a una cima?

Scusami, non ti conosco, non so che esperienza hai come escursionista, ma io non partirei in inverno per una normale alla Grande di Lavaredo pensando che se la trovo troppo impegnativa scendo. Sai scendere? sai cosa fare se per sbaglio esci di via? Perché non è che disarrampichi fino allo spit sotto e poi ti cali. Se viene buio e siete in mezzo alle doppie? (che già con la luce non è un sentiero con i bolli ogni 2 metri).
Se, se, se.
Certo che se uno ragiona con i se rischia di non uscire mai di casa, ma passare da escursionismo e arrampicata sportiva ad una invernale su una "Normale" di questo tipo ne passa, e parecchia.
Da come hai posto la questione e dalle domande che poni io mi sentirei di consigliarti di posticipare perché forse non hai capito bene che tipo di esperienza hai in mente di fare. Semplicemente sai scalare ma ti manca esperienza in montagna anche solo per saper valutare un bel po' di cose.

Se vuoi fare una invernale hai a disposizione qualche salita nel lecchese a portata di giornata (tipo cresta Ongania). ALmeno per capire un po' come ci si muove su quel tipo di terreno. Magari provando prima qualche via esposta a sud in Grignetta, così giusto per capire che differenza fa tra un IV in montagna in inverno e un 6a in falesia.

my 2 cents.


Ciao Evak, si certo che lo hanno spiegato, sono a conoscenza della differenza, proprio per questo volevamo salire una via semplice di max II o III grado.
Grazie per le altre proposte (Ongania e Grignetta) ma volevo chiederti / vi se qualcuno ha delle proposte alternative in dolomiti, per passare il periodo natalizio, magari una zona dove ci sono almeno un paio di vie più semplici della lavaredo ma fattibili per fare pratica invernale su misto? Noi avevamo pensato a Sesto proprio perché in una settimana veniva comodo avere almeno tre diverse vie, quelle elencate nei post precedenti (uno dei miei compagni va tutti gli anni, infatti saremo ospitati a casa sua, in questa stagione e dice che ogni volta sale senza problemi anche con la neve dalla val fiscalina) .
Ringrazio ancora voi tutti per il grande aiuto e i grandi consigli!!
Ambroda
 
Messaggi: 25
Iscritto il: gio dic 01, 2016 7:54 am

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda cuttack » lun dic 05, 2016 11:10 am

Ambroda ha scritto: Noi avevamo pensato a Sesto proprio perché in una settimana veniva comodo avere almeno tre diverse vie, quelle elencate nei post precedenti


Bah, Croda Toni e Cima 11 da salire e scendere in giornata da fondovalle sono già abbastanza lunghette da affrontare senza neve...
d'inverno bisogna essere molto preparati molto veloci e molto sicuri.
Anche la Lavaredo dalla val Fiscalina inizia a diventare impegnativa. Altro discorso partendo dal lago Antorno.
Se da qui a natale non dovessero esserci nevicate abbondanti, una salita istruttiva per prendere le misure con lunghi approcci su neve e finale di misto facilotto potrebbe essere la Rocca Baranci dal rif 3 scarperi.
cuttack
 
Messaggi: 470
Iscritto il: gio mag 09, 2002 9:52 am

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda scairanner » lun dic 05, 2016 11:19 am

Ma hai una seppur pallida idea di cosa sia la normale alla Corda dei Toni?
In estate poi...

(Fingiamo che non sia un clone :roll: )
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5680
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Scannagatti » lun dic 05, 2016 12:43 pm

scairanner ha scritto:
(Fingiamo che non sia un clone :roll: )


Questo e altro per il Miglione.. :lol:
Pastasuta col bisato e vin bon.
Avatar utente
Scannagatti
 
Messaggi: 236
Iscritto il: gio feb 12, 2015 13:27 pm
Località: Colà

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Ambroda » lun dic 05, 2016 14:03 pm

Scusatemi l'ignoranza ma cosa intendete con clone?
Ambroda
 
Messaggi: 25
Iscritto il: gio dic 01, 2016 7:54 am

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda funkazzista » lun dic 05, 2016 14:15 pm

Ciànno paura che tu sia un altro forumista sotto mentite spoglie.
funkazzista
 
Messaggi: 8751
Images: 10
Iscritto il: mar giu 28, 2011 16:03 pm

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda scairanner » lun dic 05, 2016 14:20 pm

Ambroda ha scritto:Scusatemi l'ignoranza ma cosa intendete con clone?


fa.lo.gnorri
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5680
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Ambroda » lun dic 05, 2016 19:03 pm

Ciò capito ancora meno! #-o

Grazie mille per i consigli, quella di Rocca dei Baranci sembra molto fattibile leggendo la recensione sul sito di vie normali!
La terremo sicuramente come prima salita per farci una idea!
Vicino a Trento ci sono vie di questo tipo? Raggiungibili a pochi km dalla città per fare pratica?!
Ambroda
 
Messaggi: 25
Iscritto il: gio dic 01, 2016 7:54 am

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda KIKKA-MO » lun dic 05, 2016 19:12 pm

Ambroda ha scritto:Vicino a Trento ci sono vie di questo tipo? Raggiungibili a pochi km dalla città per fare pratica?!


come ti hanno già detto, potresti provare qualche via alla falesia regina del lago vicino a riva del garda.
vie di più tiri ottimamente spittate, ottime per impratichirsi sulle manovre senza andare a inguaiarsi.

altrimenti vie facili ma unte (fastidiosamente unte) e chiodate lunghe, ce ne sono anche a dro, parete zebrata (mi viene in mente il 'cane trippa' ma ce ne sono diverse).
KIKKA-MO
 
Messaggi: 422
Iscritto il: dom set 25, 2011 15:23 pm

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Piero26 » mar dic 06, 2016 11:04 am

Ambroda ha scritto:Ciò capito ancora meno! #-o

Grazie mille per i consigli, quella di Rocca dei Baranci sembra molto fattibile leggendo la recensione sul sito di vie normali!
La terremo sicuramente come prima salita per farci una idea!
Vicino a Trento ci sono vie di questo tipo? Raggiungibili a pochi km dalla città per fare pratica?!




ciò, tutti a trento i rompimaroni :mrgreen: :twisted:
Avatar utente
Piero26
 
Messaggi: 1133
Images: 39
Iscritto il: gio ago 06, 2009 22:43 pm
Località: a Nord del Lago di Garda

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda il.bruno » mer dic 07, 2016 12:45 pm

Qualche spunto di riflessione per l'annunciato piano di ascensioni invernali:
- avete e sapete usare ramponi e picozza?
- avete e sapete usare chiodi da ghiaccio?
- avete e sapete usare martello e chiodi da roccia (ad esempio per attrezzare una sosta o una calata e la sosta preesistente è sotto 30 cm di verglas)?
- siete attrezzati per passare una notte all'addiaccio su una cengia di Cima Grande in inverno, nel caso le cose vadano in lungo?
- come avete intenzione di muovervi lungo gli avvicinamenti innevati? ciaspole, sci ...?
- avete qualche nozione relativa alle valanghe?
Avatar utente
il.bruno
 
Messaggi: 3778
Images: 77
Iscritto il: gio set 16, 2004 13:19 pm
Località: Milano

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda scairanner » mer dic 07, 2016 13:15 pm

Previsto zero termico a 3200 quindi scarpette, pantaloncini e maniche corte, altro che viti da ghiaccio, verglas valanghe e quant altro, malfidenti! :mrgreen:
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5680
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Ambroda » mer dic 07, 2016 13:38 pm

il.bruno ha scritto:Qualche spunto di riflessione per l'annunciato piano di ascensioni invernali:
- avete e sapete usare ramponi e picozza?
- avete e sapete usare chiodi da ghiaccio?
- avete e sapete usare martello e chiodi da roccia (ad esempio per attrezzare una sosta o una calata e la sosta preesistente è sotto 30 cm di verglas)?
- siete attrezzati per passare una notte all'addiaccio su una cengia di Cima Grande in inverno, nel caso le cose vadano in lungo?
- come avete intenzione di muovervi lungo gli avvicinamenti innevati? ciaspole, sci ...?
- avete qualche nozione relativa alle valanghe?


Picozze, ramponi e chiodi li abbiamo già usati largamente, ovvio esperienze nel fissare chiodi da ghiaccio no..
Per l'avvicinamento, come dicevo precedentemente, il mio compagno di cordata sale a lavaredo tutti gli anni a natale e con Scarponi normali e a volte con ciaspole.
Veramente però mi sembra una situazione estrema quella che descrivi
Ambroda
 
Messaggi: 25
Iscritto il: gio dic 01, 2016 7:54 am

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda gigiDR » mer dic 07, 2016 13:52 pm

Come ti abbiamo già detto la normale alla lavaredo è molto facile e adesso probabilmente è anche sgombra dalla neve essendo rivolta a sud.
Facilmente si può però trovare ghiaccio nei camini e nei canali ed inoltre le giornate sono molto corte.
Insomma se siete principianti come par di capire secondo me rischiate di mettervi nei guai o di dovervi ritirare anzitempo
gigiDR
 
Messaggi: 856
Iscritto il: mar lug 08, 2014 14:37 pm
Località: Ravenna

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Ambroda » mer dic 07, 2016 14:30 pm

Ho preso in biblioteca un libro sulle vie classiche delle dolomiti orientali, nella sezione di Sesto descrivono la salita sia alla grande di lavaredo sia alla cima undici come facili, addirittura per alpinisti principianti, periodo consigliato tutto l'anno.
Uma cosa mi ha stupito però, nelle altre vie sono segnate come equipaggio corde, imbragatura, friend, ecc.. In queste due solo caschetto ramponi invernali e picozza, nella descrizione della parte invernale è scritto che i passaggi non necessitano di assicurazione in quanto la presenza di appigli è abbondante e i passaggi sono di III grado?!
Ma è vera sta cosa? Salire senzacorda?
Ambroda
 
Messaggi: 25
Iscritto il: gio dic 01, 2016 7:54 am

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda Spartaco » mer dic 07, 2016 14:46 pm

Ambroda ha scritto: ramponi invernali


ma.i ramponi estivi.come sono.
ascolta.si fa sera.
Avatar utente
Spartaco
 
Messaggi: 1266
Iscritto il: lun set 08, 2014 17:38 pm

Re: Cima grande lavaredo via normale

Messaggioda scairanner » mer dic 07, 2016 14:50 pm

Spartaco ha scritto:
Ambroda ha scritto: ramponi invernali


ma.i ramponi estivi.come sono.


Non.sa che usavano.i ramponi per.andare a.sfalciare.i prati ripidi.senza finire.a valle.beh rampini dai.
-Come sarà la scalata di Adam Ondra nel 2030?
-Arrampicherò di certo. Spero di non scalare peggio di quanto non faccia ora...


-meno internet, più cabernet
Avatar utente
scairanner
 
Messaggi: 5680
Images: 9
Iscritto il: lun ago 26, 2013 22:10 pm
Località: est-iva

PrecedenteProssimo

Torna a Arrampicata in montagna

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.