Gradi commerciali

Area di discussione su argomenti di montagna in generale.

Re: Gradi commerciali

Messaggioda Kinobi » mar dic 05, 2017 14:35 pm

pisolo ha scritto:non usare la parola fesso...

Casomai sinonimi
http://dizionari.repubblica.it/Italiano/F/fesso.php
Se dixe mona casomai. E che xe sempre a speranxa ke el sia femena
http://www.dialetto-veneto.it/vocabolario/Voc-m3.htm
Baci
E
Ultima modifica di Kinobi il mer dic 06, 2017 9:41 am, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Kinobi
 
Messaggi: 4963
Iscritto il: gio apr 10, 2008 14:01 pm

Re: Gradi commerciali

Messaggioda Danilo » mar dic 05, 2017 21:59 pm

adesso risponde dang
il forum è morto
Avatar utente
Danilo
 
Messaggi: 6452
Images: 56
Iscritto il: gio lug 26, 2007 17:44 pm

Re: Gradi commerciali

Messaggioda gobbidimerda » gio dic 07, 2017 15:01 pm

pisolo ha scritto:In realtà la mia rispostaccia, dettata da un'improvvisa urticaria dovuta a lettura di colossali ovvietà e minchiate, è - per chi sa leggere - infarcita di impliciti saggi consigli (che, ahimé, so già che non sortiranno effetto alcuno)


Chiseneciava --> Inizia a prendere in considerazione il fatto che di quello che fai, alla gente non è che importi poi granché.
Meno che meno se ti poni col classico atteggiamento da "io faccio questo, io faccio quello, io gareggio etc"

E allora? Lo noti solo adesso? Ah già, normale, arrampichi da ieri. --> Prima di parlare, ascolta. Ascolta chi ha più esperienza di te,
che arrampica da anni o addirittura decenni; quando si è giovani si è vittime della sindrome dell'acqua calda: vale a dire che, mossi da insicurezza o sboronaggine adolescenziale, tutto ci sembra nuovo, degno di nota e da essere condiviso con gli altri; ma spesso i cosiddetti altri invece, essendo sulla piazza da un bel pò, sanno benissimo che comportamenti e situazioni umane sono assolutamente ripetitivi e si ripropongono tali e quali negli anni e nei secoli. C'è chi ne ha viste parecchie e a volte noi stessi siamo stati vittime di questi atteggiamenti puerili (gradare stretto, sgradare, tutti atteggiamenti che reputo odiosi e sintomo di stupido machismo), e pertanto si cerca di mettere in guardia per tempo. Il rischio, manco a dirlo, è passare per fessi.

Propendi bene. --> riferito ai gradi regalati, ti è già stato spiegato da altri. Riferito al fatto che non sei un fenomeno, hai in effetti prestazioni
assolutamente comuni. Se avevi aperto il topic per farci sapere che fai il 6c/7a a vista a Silea, per "fare colpo", non attacca mi spiace.

E aggiungerei anche parecchio fesso. --> sarai svogliato, ma hai comunque perso tempo a cercare e scrivere lo stesso. Denoti pertanto di aver voluto in ogni caso metterti in mostra, quindi ricadi nel punto 2. In realtà, a cercare meglio, il tema dei gradi, in tempi di gente malata di prestazione, è stato esplicitamente o implicitamente sviscerato nel 99% dei topic. A dimostrazione che ormai la popolazione rampicante "normale" (o che io ritengo tale, vale a dire quella che arrampica per se stessa e per il proprio divertimento e non ha bisogno di condividere/esibire più di tanto) è ormai in via d'estinzione. Sostituita da un lato da alpinisti duri e puri, in cerca di nuove imprese da esibire, dall'altro da una gragnuola di palestrari che vanno in palestra solo per rincorrere un'assurda escalation del dio grado, senza alcun interesse per la bellezza e l'estetica di questo fantastico sport.

Va meglio così? Più politically correct?


Chiseneciava La gente mi pare un concetto un po' generico e potenzialmente la tua affermazione rappresenta la massima vetta di egocentrismo possibile (parlo a nome della gente=io sono la gente). Io scalo da decenni, ma leggo volentieri tutti, quindi mi sa che non faccio parte della gente.

E allora? Lo noti solo adesso? Ah già, normale, arrampichi da ieri. La paternale su un topic sui gradi commerciali in palestra mi pare un tantino fuori luogo. Si tratta di un argomento sostanzialmente futile.

Propendi bene. Non mi pare che uno che scrive che fa a vista gradi che egli stesso reputa commerciali voglia fare colpo, salvo che non si stia riferendo a un 8a che sgraderebbe 7c.

E aggiungerei anche parecchio fesso. Non ci credo neanche se me lo giuri su walter bonatti che anche a te non dà soddisfazione migliorare il grado. Ricerca del miglioramento e arrampicare per divertimento non mi paiono concetti incompatibili. D'altronde se non condividi i tuoi progressi in un forum di arrampicata dove li devi condividere?

Tutto ciò premesso, non nascondo che anche a me, per certi versi, il boom dell'arrampicata sportiva un po' infastidisca, ci sta che chi lo fa da tanto tempo ed è cresciuto in un'epoca in cui si era pochi a farlo provi una sorta di sindrome da accerchiamento se non da invasione extraterrestre, ma, nello stesso tempo, se c'è una cosa che sulla terra abbonda, è proprio la roccia e credo che continui ad esserci spazio per tutti. Il mondo dell'agonismo, peraltro, che conosco in quanto lo frequentano i miei figli, a me pare un mondo sano, con allenatori dotati di etica e ragazzi sani.
gobbidimerda
 
Messaggi: 356
Iscritto il: mer lug 06, 2011 12:41 pm

Re: Gradi commerciali

Messaggioda pisolo » dom dic 10, 2017 21:16 pm

Sorprendente, non hai capito veramente nulla del mio intervento! Ammetto comunque che anch'io seguo a fatica la sintassi dei tuoi pensieri. Se vuoi ci riproviamo però ti prego non tirare fuori bonatti, se c'era uno che mi stava sui corni era proprio lui.
Di facili costumi, ma di sani principi
Avatar utente
pisolo
 
Messaggi: 200
Images: 1
Iscritto il: gio mag 09, 2013 17:23 pm
Località: veneto

Precedente

Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Forum.Planetmountain.com

Il Forum è uno spazio d’incontro virtuale, aperto a tutti, che consente la circolazione e gli scambi di opinioni, idee, informazioni, esperienze sul mondo della montagna, dell’alpinismo, dell’arrampicata e dell’escursionismo.

La deliberata inosservanza di quanto riportato nel REGOLAMENTO comporterà l'immediato bannaggio (cancellazione) dal forum, a discrezione degli amministratori del forum. Sarà esclusivo ed insindacabile compito degli amministratori stabilire quando questi limiti vengano oltrepassati ed intervenire di conseguenza.